Gennaio 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ricercatori italiani hanno costruito un robot umanoide che un giorno potrebbe volare come Iron Man

Ricercatori italiani hanno costruito un robot umanoide che un giorno potrebbe volare come Iron Man

Poiché la robotica ha costantemente ampliato le proprie operazioni al di fuori degli ambienti controllati dei laboratori di ricerca e nel caos delle infrastrutture architettoniche del mondo reale, passare dal punto A al punto B è diventata una sfida enorme. Sali le scale, Per esempio. In risposta, gli scienziati della robotica hanno sviluppato una serie di soluzioni, da Installa i rotori in modo che il robot elicottero possa superare gli ostacoli O nel caso di Boston Dynamics, implementazione backflip Questo fermerà Simone Biles. C’è poi Danielle Pucci, responsabile del Laboratorio di Intelligenza Artificiale e Meccanica dell’Istituto Italiano di Tecnologia, che ha compiuto l’audace passo di collegare jetpack perfettamente funzionante più vicino a Sviluppato da Richard Browning Sul retro dell’umano artificiale iRonCub con le ultime speranze Fai esplodere nel cielo.

Penseresti che abbiamo imparato la lezione sui pericoli della costruzione di robot aerei simili a umani dopo la prima volta Omar Ultron Ma il team di Bucci ritiene che tali sistemi potrebbero un giorno fungere da primi soccorritori nei quasi 300 disastri naturali che uccidono circa 90.000 persone ogni anno in tutto il mondo. Abbiamo visto un gran numero di robot di risposta ai disastri, alcuni di loro Umano, alcuni Non tantoUscire dai laboratori NS più di un decennio, spesso con Vari gradi di successo.

I robot umanoidi hanno un vantaggio sia sulle strutture esoteriche che sui droni tradizionali quando si tratta di risposta ai disastri perché possono facilmente manipolare un mondo già progettato per l’uso umano. Tuttavia, quando si verifica un disastro naturale, gran parte di quell’infrastruttura incentrata sull’uomo può essere danneggiata o resa impraticabile, annullando molti dei vantaggi iniziali di un robot umanoide. Ma combinando il design umano con la capacità di volare, il team Bauchi può sfruttare gli aspetti migliori di entrambe le tecnologie.

READ  Il 5° viale di Napoli si fa un bel segno con la segnaletica

“La robotica aerea unisce la manovrabilità aerea e i robot simili all’uomo. In tal modo, i robot aerei superano la mancanza di movimento al suolo dei manipolatori aerei ed estendono le capacità di locomozione dei robot umanoidi a una condizione di volo. I robot aerei simili all’uomo possono camminare, volare, manipolare e spostare oggetti, offrendo così soluzioni efficaci In termini di energia per spostare il carico utile e manipolare gli oggetti, ” Il team IIT ha scritto nel 2019.

“La robotica aerea simile all’uomo sta estendendo l’elaborazione atmosferica a un livello più robusto ed efficiente dal punto di vista energetico”, ha affermato Bucci. Spettro IEEE. “Questi robot non possono muoversi per mezzo di forze di contatto con l’ambiente e spesso lottano con il volo in ambienti ventosi mentre manipolano un oggetto, richiedendo un preciso controllo della posizione per svolgere compiti di manipolazione. Quindi la mano in più di un robot volante umano può creare un punto di contatto tra il robot e l’ambiente, il che rende il controllo della posizione del robot più semplice e potente.”

“Credo davvero che i robot aerei simili all’uomo possano essere usati come banco di prova per esoscheletri volanti che vengono utilizzati per gli umani”, ha continuato. “La recente storia di successo di Richard Browning mostra la fattibilità ingegneristica di questi esoscheletri futuristici. Tuttavia, il volo è ancora lungo e possiamo usare robot volanti per migliorare questo volo ed evitare molti test sugli esseri umani”.

READ  Festeggia il National Pizza Day con tutto (tranne le acciughe) in una delle 5 migliori pizzerie di Cleveland

L’ultimo studio di Bucci, Filtro Kalman esteso basato sul momento per la stima della spinta su robot volanti multi-oggetto, prevista per la pubblicazione nel numero di gennaio di Lettere di robotica e automazione IEEE.