Dicembre 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Regista d’opera ucraino uscito in Italia, Interpol | Italia

Un regista d’opera ucraino arrestato in Italia su richiesta della Russia ha affermato di sperare di essere “l’ultima vittima dello sfruttamento russo dell’Interpol”.

Yevhen (Eugene) Lavrenchuk, 39 anni, è stato incarcerato a Napoli per più di due mesi dopo che la Russia ha emesso un “avviso rosso” dell’Interpol chiedendo il suo arresto, che un tempo era usato per dare la caccia ai latitanti, ma ora include i nomi degli oppositori politici.

Il nome di Lawrencech è stato successivamente rimosso dall’elenco dei più ricercati e all’inizio di gennaio l’Agenzia mondiale di polizia ha detto a funzionari russi e italiani che era “contrario a un articolo della legge che vietava l’interferenza o le attività della politica, dell’esercito o della religione”. O etnia”.

La Russia ha risposto arrestandolo e deportandolo dall’Italia, indipendente dall’Interpol, sostenendo che Lawrence aveva commesso crimini finanziari mentre era direttore di un teatro polacco a Mosca. Lawrenzuk ha lasciato la Russia per l’Ucraina nel 2014 per protestare contro l’annessione della Crimea da parte della Russia. Ha detto che le accuse contro di lui erano “completamente false” e che era stato molestato dalla Russia per aver espresso pubblicamente la sua opposizione.

La Corte d’Appello di Napoli ha assolto Laurence la scorsa settimana, affermando su richiesta del ministro della Giustizia italiano Marta Cordobia che Laurence potrebbe essere “trattato contro i suoi diritti fondamentali” se deportato “alla luce dei drammatici sviluppi in Ucraina”. Russia, perché ucraino e osteggiato dal presidente russo Vladimir Putin.

Il processo inizierà il 17 marzo, quando gli verrà comunicato che l’estradizione è stata respinta.

Laurence, che è stato imprigionato a Pogiorel prima di essere trasferito agli arresti domiciliari, è libero di lasciare l’Italia ma vuole restare per una decisione giudiziaria.

READ  "Ne hai due da titolare per l'Italia contro la Germania?" Confusione per Mirror Rodoi in Nazionale

“Sono grato a Marta Cordobia per avermi rilasciato”, ha detto al Guardian. “Ha scritto che dovrei essere rilasciato immediatamente a causa della guerra, perché sono ucraino e mi oppongo a Putin – ma non voglio speculare sulla guerra, voglio essere libero, non perché sono ucraino, ma perché sono innocente.”

Lavrenchuk ha detto di non sapere di essere stato braccato dalla Russia fino al suo arresto il 17 dicembre in un hotel di Napoli. È stato costretto a rimanere in città per un viaggio tra Tel Aviv, dove vive sua sorella, e la sua città natale di Elviv in Ucraina, a causa di una sosta alla dogana dell’aeroporto di Copodicino. “Mi hanno preso il passaporto, non capisco perché, ma alla fine me lo hanno restituito e mi hanno detto che potevo andare, ma a quel punto ero troppo tardi per il volo e per due giorni non c’era altro da fare in Elviv.

“Così ho prenotato un hotel a Napoli e sono stato contento di aver avuto un po’ di tempo libero non pianificato”.

Lawrence è stato arrestato il giorno successivo per aver pubblicato su Facebook la foto di una carta d’imbarco Tel Aviv-Napoli. “È stato uno shock completo”, ha detto. “Sono stato molto schietto e non sono mai scappato dalla realtà. La Russia mi cerca dal 2020, ma ho viaggiato molto e non ho avuto problemi al confine.

Le accuse della Russia contro Lawrence sono state fatte otto anni fa, quando avrebbe frodato uno dei suoi studenti di denaro per riparare un teatro polacco.

Lavrenchuk ha detto di vivere a Mosca dal 2000, ma dal 2014 il Paese è diventato “una zona grigia nella mia mente”. Ha parlato a sostegno dell’Alleanza USA, ma ha affermato che mantenere una certa indipendenza non era la risposta.

READ  Sharjah, Italia esplora le iniziative culturali collaborative alla Fiera internazionale del libro

L’uso improprio degli avvisi rossi dell’Interpol da parte di regimi dittatoriali contro il nemico è stato ben documentato in esperti legali, gruppi per i diritti umani e rapporti. Congresso degli Stati Uniti e Parlamento europeo.

“Si è discusso molto sull’abuso dell’Interpol da parte della Russia”, ha affermato Alfonso Tatarno, l’avvocato di Lawrence.

Lawrencech ha affermato di non provare forti sentimenti contro l’Italia per il suo arresto perché il Paese semplicemente “rispetta le tradizioni internazionali”, ma ha invitato la comunità internazionale a escludere la Russia dall’Interpol. “L’Interpol ha compromesso tutto il sistema e la Russia sta usando questo strumento contro chiunque sia spietato. Non ne sono la prima vittima, ma sogno di essere l’ultima.

Lawrenzuk ha detto che parla ogni ora con i suoi genitori, che vivono a Leopoli, nell’Ucraina occidentale, vicino al confine con la Polonia. “Ora è molto tranquillo, ma presto potrebbe cambiare… questo periodo è pazzesco, guerra, arresto”. Vuole tornare in Ucraina dopo il processo della prossima settimana. “Ma non per combattere, non posso uccidere nessuno, ma posso aiutare in altri modi”.