Agosto 4, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione: Luca – Miele Emma

Recensione: Luca - Miele Emma

per iscritto Luca, l’ultimo film della Pixar, il regista Enrico Casarosa ha affermato di voler “parlare di amicizia”. Ciò è sorto dopo che il film ha guadagnato trazione nei media mainstream e nei circoli sociali queer, con il film ampiamente confrontato. Chiamami con il tuo nome, un’altra storia di crescita con un protagonista maschile ambientata in Italia. In tal modo, Casarosa è stata criticata per aver perpetuato la tradizione Disney-Pixar: produrre storie quasi – ma non del tutto – strane. Storicamente, la Disney è stata criticata per la sua strana codifica di cattivi, come la Sirenetta’s Ursula e queer-baiting con altri personaggi, come Elsa in congelato. Alcuni sostengono che farlo ha privato gli spettatori vulnerabili della rappresentazione che i media per bambini ad alto budget potrebbero effettivamente fornire in un momento della vita in cui gli spettatori sperimentano per la prima volta le aspettative sociali strutturali.

Si trova in una città costiera italiana, Luca Segue l’emergere della relazione tra Luca e Alberto mentre si preparano a vincere un triathlon in un vicino paese di pescatori nella speranza di acquistare una Vespa. Il conflitto centrale ruota attorno ai ragazzi che mantengono un segreto comune: il fatto che siano mostri marini.

Casarosa resiste a prestare qualsiasi intimità alla loro relazione, sebbene l’apparenza di attrazione reciproca non dipenda da pietre miliari percepite come il bacio per essere reale, soprattutto data la giovane età di Luca e Alberto. Anche se l’amore deve essere pubblico, ci sono alcune ovvie illustrazioni nel film se uno guarda. Luca e Alberto a volte sono fisicamente affettuosi. Uno scatto di loro che guardano il tramonto che si abbracciano presenti nel trailer del film, e il finale emotivo che evoca ricordi di allontanarsi dal primo amore è stato sorprendente. Più apertamente, stranamente vicino nuna Anche quelli che i bambini incontrano durante il film si rivelano essere mostri marini. Mentre l’affermazione di Casarosa secondo cui i personaggi non sono coinvolti romanticamente può resistere alla prima di queste dimostrazioni, le rivelazioni di non-persone come mostri marini, come i ragazzi, stabiliscono una notevole tendenza all’intimità tra gli intrusi acquatici.

READ  Il documentario iraniano "Holy Bread" in concorso al Trento Italian Film Festival

In generale, fin dall’inizio del film, i ragazzi sono stati isolati dalle loro famiglie. A Luca è stato ripetutamente detto di non avvicinarsi mai alla superficie dell’oceano, costringendolo a nascondere la sua identità di mostro marino. Questa tensione familiare diventa più acuta più avanti nel film, quando Luca è minacciato di sfratto dalla casa dopo che i suoi genitori scoprono che ha trascorso del tempo sulla terraferma. Come Luca, anche Alberto era isolato dalla sua famiglia, viveva lontano da casa quando lo incontrammo per la prima volta.

I ragazzi non sono solo emarginati in casa. Sono anche intimiditi. Casarosa mette in relazione queste esperienze con la paura di Luca di andare a scuola nonostante il suo intenso desiderio di farlo, una scelta che ricorda il bullismo sproporzionato dei giovani LGBTQIA+ nelle scuole. Forse più dannoso di questo bullismo è l’odio di Portorosso per i mostri marini. L’odio si sta diffondendo tra i manifesti e la città sta armando la polizia per dare la caccia ai mostri marini. Anche se quest’ultima osservazione può essere estesa, per un pubblico più radicale può rivelare un messaggio politico più ampio.

Il linguaggio della discriminazione usato contro i mostri marini è stato accuratamente progettato per assomigliare alla situazione delle persone gay nel mondo reale. Luca e Alberto ne hanno parlato disgusto città e che “non tutti lo accetteranno”. Questo dall’essere visto come immorale fino a quando questo immorale non viene tollerato rende i mostri marini un diverso tipo di cattivo. Possibili cattivi al punto da rimanere nascosti.

Questo post su come si posizionano le persone gay nella società presta Luca il suo valore. Personaggi prestigiosi, i trapezi, sono associati a una discussione sul fatto che siano davvero alieni, limitati dall’immaginazione dei singoli spettatori. Luca Flirta con questo tipo di spiegazione, ma fortunatamente va oltre. Attraverso il suo racconto della lotta e la sua esplorazione della legittimità sociale, Casarosa riconosce la lotta di tutti coloro che sono emarginati. Non solo giovani gay.

READ  Antonio Banderas torna in una nuova fiction italiana د

Alla fine non importa se Luca e Alberto hanno una relazione romantica, o anche se sono gay. Il messaggio del film proietta metafore eterogenee di amicizia e appartenenza e permette ai bambini di sentirsi al sicuro nelle parti difficili della loro identità. Non solo, si spera che il film queer permetterà a questo messaggio essenziale di essere consumato da coloro a cui potrebbe essere stato negato l’accesso a tale materiale.