Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ray Romano fa il suo debutto alla regia in Somewhere in Queens

Ray Romano fa il suo debutto alla regia in Somewhere in Queens

Ray Romano si è sempre preoccupato della breve vita dei comici, ma all’età di 65 anni la sua carriera continua a salire alle stelle. Fa il suo debutto come regista, attore e scrittore con Da qualche parte nel Queens (nelle sale dal 21 aprile), un dramma divertente e toccante su una famiglia italiana litigiosa e amorevole a New York, con Conner è interpretato da Laurie Metcalfe, 67 anni, nei panni della moglie di una sopravvissuta al cancro al seno, e Jacob Ward nei panni del suo timido figlio stella del basket del liceo, il cui personaggio del padre Romano rimane invischiato nella sua vita professionale e sociale. Romano racconta ad AARP il suo genere di film biografico e la sua serie vincente come talento adulto.

Gli attori erano soliti dare di matto dopo i 60 anni, ma hai successo dopo successo: “Get Shorty”; “Fatto per amore”; un ruolo non comico in “The Irishman” di Martin Scorsese; E ora sei un manager. Come sono stati per te gli anni Sessanta?

Oh, sono sempre nel panico. Ma è stato molto veloce, negli ultimi cinque anni. Il giorno in cui ho compiuto sessant’anni IL irlandesi, Ero seduto in una stanza d’albergo con Scorsese e Robert De Niro che provavano una scena. Hanno detto: “Quanti anni hai?” E ho fatto la mia faccia come se fossi arrabbiato: “Oh, ho 60 anni!” Ed entrambi mi guardarono e dissero: “Vattene da qui!” Perché avevano entrambi 74 anni. Te lo giuro, sembra sia stata la settimana scorsa. Incredibile quanto velocemente vadano le cose.

“Somewhere in Queens” sembra immergersi più a fondo nel mondo di “Everybody Loves Raymond”, lo spettacolo del 1996-2005 ispirato alla tua vita reale.

READ  Il ventiquattresimo centenario - 1923-1939: i ruggenti anni venti e oltre

La gente commenta che è più o meno sullo stesso terreno della sitcom, ma secondo me non è niente del genere. Voglio dire, le persone nel mondo sono tutte uguali. Ma il suo nucleo è qualcosa di più reale, più specifico. È un tipo diverso. Per quanto rumorosa e forse stereotipata possa essere questa famiglia, ci siamo assicurati che fosse reale. Non volevamo realizzare un’animazione di questi personaggi. Ci sarebbe stata della commedia, perché è difficile per noi andare avanti di tre pagine senza metterci qualcosa di divertente. Ma l’obiettivo era scrivere un’opera teatrale.

Quindi è parte della tua vita e in parte la risposta di un artista, una storia che hai inventato dalla tua vita?

Sì, ho preso elementi da ciò che ho vissuto. Le persone, il quartiere, il mondo in cui sei cresciuto: scrivi quello che sai. L’amicizia, specialmente in questo lavoro, è dura. Ho ancora i miei amici che avevo quando ero giovane nel Queens. Gli amici sono la cosa più importante che puoi avere dopo la famiglia.

In realtà ho avuto esperienze dalla mia vita. Mio figlio era un giocatore di basket al liceo, si è diplomato e ha finito di giocare ed è stato molto triste per me. Mia moglie era sopravvissuta al cancro al seno. Mio figlio ha sofferto di ansia sociale. Sono tutte cose di cui posso approfittare.