Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Quali sono i suoni dei dinosauri?

Quali sono i suoni dei dinosauri?

Nella prossima generazione di blockbuster basati sui dinosauri, alcune creature stellari potrebbero assomigliare più a un uccello e un po’ meno a un leone ruggente.

Almeno questa è una possibilità sollevata da una nuova ricerca Pubblicato questo meseanche se si sa molto poco sul canto dei dinosauri.

Ma un gruppo di ricerca ha estratto indizi sui suoni che le creature estinte potrebbero emettere da quella che potrebbe essere la prima laringe fossilizzata conosciuta di un dinosauro. Proviene da un anchilosauro, un gruppo di erbivori corazzati che non erano strettamente imparentati con gli uccelli. Questo dinosauro tozzo e spinoso (Pinacosaurus grangeri) è stato scoperto nel 2005 in Mongolia.

Junkie Yoshida, paleontologo del Museo di Fukushima in Giappone, ha affermato che la scoperta è stata sorprendente perché le parti del corpo coinvolte nella vocalizzazione, inclusa la laringe, che è spesso fatta di cartilagine ma può essere ossea in alcuni animali, non sono state considerate buone candidate. per la conservazione come fossili. (In alcuni animali, la laringe si trova vicino alla sommità della trachea e contiene le corde vocali.)

Per cercare di derivare ciò che un dinosauro sembra aver pronunciato, il team del dottor Yoshida ha anche esaminato i parenti evolutivi di quelle creature del Cretaceo, inclusi gli uccelli e i parenti più stretti del dinosauro: i coccodrilli.

“In un certo senso racchiudono la gamma di suoni che potremmo aspettarci”, ha detto Victoria Arbor, paleontologa del Royal BC Museum di Victoria, in Canada, che non è stata coinvolta nel nuovo studio.

Il repertorio vocale del coccodrillo include profondi tintinnii e sibili. “Supporre che i dinosauri emettessero suoni simili a coccodrilli è completamente sicuro”, ha detto. “Questa è l’anatomia di base con cui lavoreranno. Gli uccelli hanno quindi sviluppato questi modi aggiuntivi di produrre suoni in cui potevano modulare i suoni che escono dalle loro gole in un modo più sottile”.

READ  Un uomo ha trovato un fossile di dinosauro vecchio di 70 milioni di anni, ma lo ha tenuto segreto per due anni

Uccelli e rettili hanno modi molto diversi di produrre suoni utilizzando gli organi che circondano bronchi e polmoni. Nei parenti estinti e viventi del coccodrillo, la laringe produce suoni. Gli uccelli hanno un organo diverso, chiamato siringe, che si trova vicino ai polmoni per produrre suoni. Hanno anche un altro organo, situato vicino alla bocca, per alterare quei suoni, che consente ad alcuni uccelli di creare canti elaborati.

Il dottor Yoshida ei suoi colleghi hanno misurato le dimensioni di due parti della laringe, che avrebbero sostenuto i muscoli coinvolti nell’apertura delle vie aeree e nel modificarne la forma. Nell’anchilosauro, entrambe le parti erano ossee. Il team ha confrontato le loro proporzioni con le gole di dozzine di uccelli e rettili, inclusi coccodrilli, gechi e tartarughe.

Uno dei segmenti che costituiscono la base della laringe dell’Ankylosaurus era piuttosto grande rispetto a quelli di altri animali, ha affermato il dottor Yoshida, indicando che questo dinosauro poteva spalancare le sue vie aeree per emettere forti richiami che potevano essere uditi a distanza. Ha aggiunto che l’altra parte della laringe, un paio di ossa relativamente lunghe, potrebbe consentire alla trachea di cambiare forma per modulare i suoni. Questo potrebbe aver permesso agli anchilosauri Pronunciare in modo simile agli uccellii ricercatori hanno riportato di recente sulla rivista Communications Biology.

Il dottor Arbor ha detto che le persone potrebbero presumere che suonare come uccelli significhi che questi dinosauri cinguettavano come olmaria. Forse non è vero, ma “probabilmente avevano una gamma di vocalizzazioni più ampia di quella che daremmo credito ad Ankylosaurus altrimenti”, ha detto.

“Ci sono ancora possibilità che abbiano emesso suoni cinguettanti e tubanti”, ha affermato il dottor Yoshida. Ma ha avvertito che è troppo presto per capire i suoni specifici che i dinosauri potrebbero aver emesso. Anche una sola specie di uccelli emette una vasta gamma di suoni, ha detto, e ci sono altri organi in gioco, dalla bocca e dal naso fino forse al tubo siringeo.

READ  La più antica galassia a spirale conosciuta vista per la prima volta con increspature simili a pozzanghere in uno studio di astronomia: ScienceAlert

La paleontologa dell’Università del Texas ad Austin Julia Clarke, che non faceva parte dello studio, ha trovato l’analisi interessante. Ma ha detto che il modo in cui le parti della laringe e altre ossa adiacenti erano disposte in Ankylosaurus non era simile a quello degli uccelli.

“Solo negli pterosauri vediamo qualcosa di simile alla condizione degli uccelli”, ha detto.

Non è chiaro come le strutture analizzate dal team consentirebbero ad Ankylosaurus di cambiare i suoni, ha detto il dottor Clark. Gli uccelli della gola non sono usati per questo. Hanno un organo chiamato cesto laringeo che si muove verso l’alto o verso il basso per modulare i loro richiami. La laringe compare in tutti i tetrapodi, un gruppo che comprende animali come uccelli, rettili e mammiferi che discendono da creature a quattro zampe. L’anatomia descritta nel documento differisce nei diversi animali indipendentemente dal fatto che possano vocalizzare o meno. “Non sappiamo cosa significhi nessuna di queste differenze”, ha detto.

Ha detto che le parti della laringe sotto studio probabilmente avevano più a che fare con il tenere il cibo fuori dalle vie respiratorie perché aiutavano ad aprirlo e chiuderlo. E la disposizione delle relative strutture in questo anchilosauro sembra essere molto diversa da quella di molti altri dinosauri che la dottoressa Clarke ha studiato e che compaiono in letteratura.

Altri dinosauri potrebbero sembrare uccelli? Forse. La dottoressa Clarke e i suoi colleghi hanno trovato una siringa fossilizzata da… Circa 67 milioni di anni fa in un vecchio uccello. Poiché questo era prima che i dinosauri si estinguessero, ciò solleva la possibilità che alcuni dinosauri possano averli avuti. Ma fino ad ora nessuno ha trovato una siringa fossilizzata in un dinosauro non aviario.

READ  Il lancio del razzo Wallops della NASA è programmato per martedì - CBS Boston

Quelle parti della laringe nel nuovo studio, ha detto, probabilmente avevano qualcosa a che fare con le caratteristiche uniche di questo anchilosauro piuttosto che qualcosa che potrebbe essere generalizzato tra i dinosauri. “Ci sono ancora molte domande sull’evoluzione della vocalizzazione dei dinosauri”.

“Gli anchilosauri sono strani”, ha detto il dottor Clark. “Questo è il messaggio principale.”