Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Q&A: Francesco Meli su “Uniti Per Verdi” e l’importanza del compositore italiano

Q&A: Francesco Meli su "Uniti Per Verdi" e l'importanza del compositore italiano
(Credit: Vittorio Santiago)

Il 21 novembre si esibirà con Francesco Meli al concerto Unity Per Verdi che ha organizzato con lui Ricardo Frieza Con il contributo della Società del Quartetto.

Come uno dei più grandi sostenitori di Verdi della sua generazione, Melli è stato un sostenitore del salvataggio di Villa Sant’Agata e spera che il governo e il popolo italiano imparino di più sulla loro storia con questo prossimo concerto.

OperaWire ha parlato con Millie del concerto e di ciò che Verdi significa per lui.

OperaWire: Dimmi quando hai deciso di fare questo concerto.

Francesco Milli: Diversi miei colleghi hanno messo un video su Instagram e scritto qualcosa sui social. Poi i miei amici, il mio agente, mia moglie e altri hanno parlato del problema e abbiamo parlato di realizzare un video virale su Facebook o Instagram o altro. Ma entrambi abbiamo pensato che sarebbe stato meglio se avessimo fatto qualcosa di reale e non qualche video su Instagram. Questa sarà probabilmente la fine lì. Per me, il modo più potente era fare un concerto con altri cantanti e direttori. Abbiamo cantato insieme come se fossimo una sola voce. Con Ricardo Frieza abbiamo pensato al concerto e abbiamo pensato che sarebbe stato fantastico. Poi abbiamo parlato con la Società del Quartetto e la Presidente Ilaria Borletti-Buitoni e loro hanno pensato che il progetto fosse ottimo. Hanno deciso di aiutarci, hanno affittato il palco e realizzato il programma. Hanno anche aiutato con la pubblicità e l’imballaggio per il concerto.

OW: Cosa ti ha sorpreso finora nell’organizzare questo concerto?

Ministro degli Esteri: La cosa migliore è che tutti i miei colleghi hanno detto che sarebbero venuti ad aiutare e preservare la memoria di Verdi. Verdi è importante per l’Italia perché è il più importante compositore italiano. Ma è importante anche come parte della storia del paese e del Risorgimento. Verdi è uno dei tanti uomini che hanno fatto l’Italia come la conosciamo. Usa le sue idee e la sua musica. È uno dei padri del nostro Paese e dobbiamo preservare la nostra storia. Le opere di Verdi parlano sempre di persone, come in Macbeth, Hernani e Nabucco. Parlano tutti dell’Italia anche se non direttamente.

READ  Che impatto ha il coronavirus sull’intrattenimento in Italia?

È responsabilità di ogni musicista in Italia assicurarsi di preservare la sua storia, che è la casa di Verdi. Dobbiamo fare qualcosa per il nostro Paese.

OW: Chi hai contattato inizialmente e qual è stata la risposta dei tuoi colleghi?

FM: Abbiamo chiamato tutti i cantanti come Eleonora Buratto, Anna Peruzzi, Luca Salsi e Maria Agresta. Sfortunatamente, la maggior parte dei cantanti non c’era. Ma saranno con noi nello spirito. Tutti hanno scritto qualcosa su Villa Verde e hanno supplicato che la casa fosse salvata. Complessivamente saremo otto cantanti in concerto, ma quando pensi a tutti i cantanti che sostengono questo sforzo, sembra un milione di cantanti. Si esibiranno Eleonora Borrato, Massimo Cavalletti, Roberto Di Candia, Chiara Isotton, Roberta Mantegna, Caterina Piva, Piero Pretti, Analisa Stroppa e Riccardo Zanellato. Ci sarà anche David Livermore, che parlerà di Villa Verde. Speriamo che questa festa riceva l’attenzione di cui ha bisogno. Spero che dica qualcosa sulla situazione e che possiamo trasmettere il messaggio all’Italia e al suo governo.

OW: Cosa spera faccia il governo ora che ha accettato di acquistare la proprietà?

FM: Vorrei che Villa Verdi fosse un museo, un museo della storia d’Italia. Il ministro della Cultura deve preservare questo luogo, e questo è ciò che spero. Il governo ha detto che avrebbe acquistato Villa Verde e ha detto che nessuno dovrebbe preoccuparsi della manutenzione della casa. Spero sia vero perché in politica si parla sempre molto. Quindi vedremo.

OW: Lei è uno dei più grandi tenori verdiani della sua generazione. Cosa rappresenta Verdi per te?

FM: Verdi è molto importante perché è mio padre il musicista e io canto molte delle opere di Verdi. Canto la maggior parte del repertorio di Verdi. Ora canto “Ernani”, poi a dicembre canto “Don Carlo”, poi “Un Ballo in Maschera” e poi “La Traviata”. Un mese fa ho cantato “Aida”, e prima era anche Verdi. Amo Verdi. È un genio della musica e del teatro. Musica e testo sono ben collegati. La musica non è solo per la grande calligrafia, ma il testo impregna la musica. Lavorano insieme. Capisci perfettamente la situazione. Ti senti dentro la storia attraverso la sua musica. Se leggi gli scritti di Verdi, ti renderai conto dell’attualità delle sue lettere. Chiedi quando l’ha scritto perché è molto rilevante. Recentemente ho letto una lettera che parlava di immigrati e di poveri. Sembrava che tutto stesse accadendo proprio ora. La storia ritorna sempre e Verdi questo seppe capirlo. Sebbene fosse ricco, viveva a fianco dei contadini e capiva i loro problemi. È il grande padre dell’Italia e una figura importante nella nostra cultura.

READ  Alice Rohrwacher parla del suo nuovo film terrestre, La Chimera