Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Prodotti chimici domestici comuni collegati a danni cerebrali

Prodotti chimici domestici comuni collegati a danni cerebrali

I ricercatori hanno scoperto che i comuni prodotti chimici domestici possono danneggiare le cellule cerebrali chiamate oligodendrociti, che potrebbero collegarli a malattie neurologiche come la sclerosi multipla e l’autismo. Analizzando più di 1.800 sostanze chimiche, hanno determinato che i ritardanti di fiamma organofosfati e i composti di ammonio quaternario sono dannosi. Questi risultati, che richiedono ulteriori indagini, evidenziano l’urgente necessità di esaminare ulteriormente gli effetti di queste sostanze chimiche sulla salute del cervello e di sviluppare misure per ridurre l’esposizione.

Una nuova ricerca suggerisce che le sostanze chimiche presenti in innumerevoli prodotti per la casa possono danneggiare le cellule cerebrali specializzate.

Un team di ricercatori della Case Western Reserve University School of Medicine ha fornito nuove informazioni sui rischi che alcuni comuni prodotti chimici domestici comportano per la salute del cervello. Sottolineano che le sostanze chimiche presenti in una vasta gamma di articoli, dai mobili ai prodotti per capelli, possono essere collegate a malattie neurologiche come la sclerosi multipla e i disturbi dello spettro autistico.

Paolo Tesar

Paolo Tesar. Credito: Case Western Reserve University

I problemi neurologici colpiscono milioni di persone, ma solo una piccola parte dei casi può essere attribuita solo alla genetica, suggerendo che fattori ambientali sconosciuti contribuiscono in modo importante alle malattie neurologiche.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Neuroscienze naturaliHa scoperto che alcuni comuni prodotti chimici domestici influenzano in particolare gli oligodendrociti del cervello, un tipo di cellula specializzata che genera un isolamento protettivo attorno ai neuroni.

“La perdita di oligodendrociti è alla base della sclerosi multipla e di altre malattie neurologiche”, ha affermato il ricercatore capo dello studio Paul Tesar, MD, professore di terapeutiche innovative con Donald e Ruth Weber Goodman e direttore dell'Institute for Glial Sciences presso la School of Medicine. “Abbiamo ora dimostrato che specifiche sostanze chimiche presenti nei prodotti di consumo possono danneggiare direttamente gli oligodendrociti, rappresentando un fattore di rischio precedentemente sconosciuto per le malattie neurodegenerative”.

READ  È il giorno del lancio! SpaceX è pronto a far volare la missione Falcon 9 Starlink dal Capo

Prodotti chimici preoccupanti e loro effetti

Partendo dal presupposto che non è stata condotta una ricerca sufficientemente completa sugli effetti delle sostanze chimiche sulla salute del cervello, i ricercatori hanno analizzato più di 1.800 sostanze chimiche a cui gli esseri umani potrebbero essere esposti. Hanno identificato sostanze chimiche che distruggono selettivamente gli oligodendrociti e appartengono a due classi: ritardanti di fiamma organofosfati e composti di ammonio quaternario.

A causa della presenza di composti di ammonio quaternario in molti prodotti per la cura personale e disinfettanti, che da allora vengono frequentemente utilizzati COVID-19 All’inizio della pandemia, gli esseri umani sono regolarmente esposti a queste sostanze chimiche. Molti dispositivi elettronici e mobili contengono ritardanti di fiamma organofosfati.

I ricercatori hanno utilizzato sistemi cellulari e di organi in vitro per dimostrare che i composti di ammonio quaternario inducevano la morte degli oligodendrociti, mentre i ritardanti di fiamma organofosfati bloccavano la maturazione degli oligodendrociti.

Implicazioni per la salute umana

Hanno mostrato come le stesse sostanze chimiche distruggono gli oligodendrociti nel cervello dei topi in via di sviluppo. I ricercatori hanno anche collegato l’esposizione a una delle sostanze chimiche a esiti neurologici peggiori nei bambini a livello nazionale.

Erin Cohen

Erin Cohen. Credito: Erin Cohen

“Abbiamo scoperto che gli oligodendrociti, ma non altre cellule cerebrali, sono sorprendentemente vulnerabili ai composti di ammonio quaternario e ai ritardanti di fiamma organofosfati”, afferma Erin Cohen, autrice principale e studentessa laureata nel programma di formazione per scienziati medici della School of Medicine. “Comprendere l’esposizione umana a queste sostanze chimiche può aiutare a spiegare l’anello mancante nel modo in cui si presentano alcune malattie neurologiche”.

Gli esperti hanno avvertito che la relazione tra l’esposizione umana a queste sostanze chimiche e il loro effetto sulla salute del cervello richiede ulteriori ricerche. La ricerca futura dovrebbe monitorare i livelli chimici nel cervello di adulti e bambini per determinare la quantità e la durata dell’esposizione necessaria per causare o peggiorare la malattia.

READ  È stato scoperto un pezzo mancante della luna in orbita attorno alla terra e al sole

“I nostri risultati suggeriscono che è necessario un esame più completo degli effetti di questi comuni prodotti chimici domestici sulla salute del cervello”, ha affermato Tessar. “Ci auguriamo che il nostro lavoro contribuisca a decisioni informate sulle misure normative o sugli interventi comportamentali per ridurre l’esposizione alle sostanze chimiche e proteggere la salute umana”.

Riferimento: “Le sostanze chimiche ambientali diffuse compromettono lo sviluppo degli oligodendrociti” di Erin F. Cohen, Benjamin L. L. Clayton, Mayur Madhavan, Christine A. Lee, Sarah Yacoub, Yuri Fedorov, Marisa A. Tesar, 25 marzo 2024, Neuroscienze naturali.
doi: 10.1038/s41593-024-01599-2

Altri ricercatori che contribuiscono dalla Case Western Reserve University School of Medicine e dalla US Environmental Protection Agency includono Benjamin Clayton, Mayur Madhavan, Christine Lee, Sarah Yacoub, Yuri Fedorov, Marisa Scavuzzo, Katie Paul Friedman e Timothy Schaeffer.

La ricerca è stata supportata da finanziamenti da Istituto Nazionale della SaluteLa National Multiple Sclerosis Society, l’Howard Hughes Medical Institute, la New York Stem Cell Foundation e il sostegno filantropico di sTF5 Care e delle famiglie Long, Walter, Peterson, Goodman e Geller.