Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Più app dal Play Store stanno rubando la tua password di Facebook

Il rilevamento errato è stato effettuato in molte applicazioni. Le app, scaricabili semplicemente dal Google Play Store, hanno permesso di rubare la password che utilizzi per Facebook. Abbiamo elencato le rispettive applicazioni.

Le app rubano la tua password di Facebook

Società di sicurezza Internet d. Rapporti web indicano che molte app, che sono state sul Play Store, sono dotate di “Trojan” che possono accedere alla tua password da Facebook. Delle 10 app trovate, 9 erano scaricabili dal Play Store. Insieme, le app sono state scaricate quasi 5,9 milioni di volte. Il sistema di sicurezza di Google è stato ingannevolmente incasinato, quindi Google non se ne accorgerà subito. A seguito delle segnalazioni del dott. Web, è ancora rimosso dal Play Store, ma è possibile che sia ancora installato sul tuo smartphone o tablet.

un

I ricercatori hanno riferito che le app erano perfettamente funzionanti. Ciò significa che gli utenti non vengono immediatamente sospettati. Ad esempio, c’era un’app per l’oroscopo e un editor di foto che a prima vista sembravano belli. Nelle loro stesse parole, era necessario accedere con Facebook per poter utilizzare tutte le funzioni e disabilitare gli annunci nelle applicazioni. Quando è stato premuto questo pulsante, è stata visualizzata la familiare finestra di accesso di Facebook. Tuttavia, ciò che gli utenti non hanno visto è che si tratta di una versione modificata della versione web, in modo che le password possano essere intercettate.

È meglio rimuovere immediatamente le seguenti app dal Play Store se sono (ancora) sul tuo dispositivo;

  • elaborazione delle immagini
  • Mantieni il blocco dell’app
  • pulitore della spazzatura
  • Oroscopo del Giorno
  • B. torri
  • Gestore blocco app
  • Sig. Al-Munajjid
  • Inwell Fitness
  • PIP. immagine
READ  Google consentirà alle organizzazioni di archiviare le proprie chiavi di crittografia di Google Workspace