Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché sanzioni più severe alla Russia sono le più difficili da imporre per l’Europa?

Le dure sanzioni annunciate finora dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea contro la Russia per la sua invasione dell’Ucraina includono la chiusura del governo e delle banche al di fuori dei mercati finanziari globali, la limitazione delle esportazioni di tecnologia e il congelamento dei beni di influenti russi. In particolare manca da quella lista la vendetta che causerebbe più dolore alla Russia: la limitazione delle esportazioni russe di carburante.

Questa omissione non è sorprendente. Negli ultimi anni, l’Unione Europea ha ricevuto quasi il 40 per cento del suo gas e più di un quarto del suo petrolio dalla Russia. Questa energia riscalda le case dell’Europa, gestisce le sue fabbriche e alimenta i veicoli, mentre inietta enormi quantità di denaro nell’economia russa.

Perdere queste entrate sarebbe difficile per la Russia, che fa molto affidamento sulle esportazioni di energia per finanziare le sue operazioni governative e sostenere la sua economia. Le esportazioni di petrolio e gas forniscono più di il terzo dal bilancio nazionale. Ma sicuramente danneggerebbe anche l’Europa.

David L. ha detto:

La situazione potrebbe sorprendere alcuni freddi guerrieri del secolo scorso. Durante la maggior parte del periodo di confronto tra le grandi potenze del secondo dopoguerra, molti analisti credevano che più economicamente intrecciate erano l’Unione Sovietica e l’Occidente, meno probabili erano i conflitti. L’argomento era che l’interesse personale commerciale ed economico alla fine si sarebbe alleato di tutti.

Ora, l’Unione Europea è il più grande partner commerciale della Russia 37 per cento del suo commercio globale nel 2020. Circa 70 per cento delle esportazioni di gas della Russia La metà delle sue esportazioni di petrolio va in Europa.

L’altro lato dell’interesse comune è il dolore reciproco.

I leader europei sono intrappolati tra il voler punire la Russia per la sua aggressione e la protezione delle loro economie.

Per quanto riguarda il gas già in entrata in Europa, i leader occidentali sono riluttanti a tagliarlo ulteriormente dato che negli ultimi tre mesi del 2021, La Russia ha ridotto le sue esportazioni attraverso gli oleodotti Di quasi il 25 per cento rispetto all’anno precedente, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia. Le riserve europee sono solo il 30 per cento e gli europei stanno già pagando prezzi esorbitanti per l’energia.

Il conflitto si verifica quando le forniture di petrolio e gas naturale sono scarse da mesi, facendo salire i prezzi.

“Ci sono serie preoccupazioni” che Mosca restringerà ulteriormente le esportazioni e farà aumentare i prezzi, ha affermato Helima Croft, responsabile delle materie prime di RBC Capital Markets, una banca di investimento.

La Germania, il più grande partner commerciale della Russia in Europa, ottiene il 55% delle sue forniture dalla Russia. L’Italia, il secondo partner commerciale, ottiene il 41 per cento. In un forum a Milano la scorsa settimana, l’ambasciatore russo Sergey Razov “Se l’Italia ha bisogno di più gas, siamo pronti a fornirlo”, ha detto il presidente Vladimir Putin al primo ministro italiano Mario Draghi.

Putin ha anche osservato che quasi 500 aziende italiane hanno operazioni in Russia e che gli investimenti bilaterali valgono 8 miliardi di dollari.

Austria, Turchia e Francia sono i principali consumatori di gas naturale russo. Il gigante russo dell’energia Gazprom ha affermato che Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia sono i maggiori clienti nell’Europa centrale e orientale.

Giovedì, l’Agenzia internazionale per l’energia, che probabilmente coordinerà qualsiasi risposta all’interruzione energetica globale, ha affermato che le forniture di petrolio “più immediatamente a rischio” erano 250.000 barili Un giorno dalla Russia passando per l’Ucraina verso Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca. Questa quantità è relativamente piccola nel mercato globale che consuma 100 milioni di barili al giorno, ma la sua perdita potrebbe creare gravi carenze in quei paesi.

L’Occidente non è senza strumenti. Goldwyn, un ex inviato del Dipartimento di Stato, ha affermato che le vendite di energia russe saranno probabilmente ancora interessate dalle sanzioni contro le istituzioni finanziarie russe e da altre misure, anche se le esportazioni di petrolio e gas non saranno direttamente prese di mira.

READ  Il Pentagono: l'Ucraina riceve aerei da combattimento e parti per rafforzare l'Air Force

Goldwyn ha affermato che i soldi che la Russia guadagna dalle esportazioni di energia potrebbero anche essere ridotti se i caricatori, preoccupati per la crescente complessità del trasporto di greggio e forniture russi, aumentassero ciò che stavano addebitando a Mosca.

READ  Highlights delle semifinali di Euro 2020: l'Italia batte la Spagna ai rigori

Ha aggiunto che è possibile che la Casa Bianca vieti le importazioni di greggio russo negli Stati Uniti. Una mossa del genere costringerebbe le raffinerie statunitensi a fare affidamento su altri fornitori e Mosca a trovare altri acquirenti per circa 700.000 barili al giorno, hanno affermato gli esperti. È probabile che la Cina sia un Paese, dopo che i due Paesi si sono impegnati a “sostenersi a vicenda”.

Eurasia Group, una società di consulenza sul rischio politico, ha indicato in una nota giovedì che mentre gli Stati Uniti e l’Europa cercheranno di evitare di prendere di mira direttamente le esportazioni di carburante russe, una tempesta di nuove restrizioni costringerà molti commercianti a esercitare la massima cautela nel trattare con i barili russi . . “

Le sanzioni possono anche mirare a rovinare le prospettive future della Russia. “Se gli Stati Uniti puntano all’energia, mi aspetto che avvenga attraverso controlli tecnologici mirati al futuro GNL e idrogeno russi”, ha affermato Scott Model, amministratore delegato di Rapidan Energy Group, una società di consulenza con sede a Washington.

Se la Russia taglia le esportazioni di gas, l’Europa cercherà di compensare la differenza con le scorte già scarse e cercando nel mondo più GNL. I flussi di GNL da altre parti, principalmente dagli Stati Uniti, hanno superato i volumi di gas russo verso l’Europa nelle ultime settimane. È probabile che tali misure aiutino i paesi dell’Europa occidentale come la Germania e l’Italia più di quelli dell’Europa meridionale e orientale con meno alternative al gas russo.

Anche senza un’apparente riduzione del carburante da parte di Mosca o l’interruzione della guerra, c’è il rischio significativo che i prezzi del gas e dell’elettricità continuino a essere straordinariamente alti, mettendo sotto pressione i consumatori in difficoltà e forse inducendo più aziende a ridimensionare le loro operazioni. Negli ultimi mesi, alcune aziende ad alta intensità energetica, compresi i produttori di fertilizzanti, hanno annunciato chiusure a causa dell’aumento dei costi del gas.