Dicembre 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché il suo ritiro con un numero MotoGP sta danneggiando la Russia

Almeno per molto tempo, i successi di Valentino Rossi in MotoGP continueranno ad essere accolti favorevolmente. I suoi nove titoli mondiali e 115 vittorie nei Gran Premi rimangono il punto di riferimento a cui aspira il raccolto moderno.

Sebbene la sua ultima stagione l’anno scorso si sia conclusa con più suoni di un semplice botto, la leggenda di Rossi è immortale. Con la sua VR46 Academy, i migliori talenti italiani in Francesco BagnaiaE il Franco MorbidelliE il Luca Marino E il Marco Besecki Portando avanti la sua eredità di prima classe nel 2022, mentre l'”Armata Gialla” potrebbe stare dietro al team Ducati VR46.

Dorna Sports ha già sfilato sul tappeto rosso per il suo ritiro, rendendolo una leggenda ufficiale della MotoGP prima della sua ultima discesa a Valencia l’anno scorso, mentre tutte e nove le sue moto vincitrici del titolo sono state assemblate per il piacere della visione e un enorme murale ha dipinto il Race Control Building al Circuito Ricardo Tormo.

Ma mentre si lancia nella sua nuova carriera nel motorsport, con il team clienti dell’Audi Team WRT al GT World Challenge Europe, la MotoGP non ha ancora finito di onorare Rossi.

Sabato al Mugello – teatro delle sette vittorie consecutive di Rossi in MotoGP in casa tra il 2002 e il 2008 – la famosa MotoGP n. 46 si ritirerà dalle competizioni con una mossa che ha fatto alzare le sopracciglia quando è stata annunciata nel fine settimana del Gran Premio di Francia. .

È stata una cosa che è stata subito messa in discussione perché l’idea di ritirare il suo numero di gara, cosa normalmente riservata ai piloti scomparsi, è stata fatta cadere dallo stesso Rossi diversi anni fa.

“Riguardo al mio numero, stavo pensando: la mia prima impressione è che non mi piace il ritiro del numero 46″, ha detto Rossi quando gli è stato chiesto del suo numero nel 2016. Questo numero possono”.

Rossi continua ad utilizzare il numero 46 in GTWCE, ma la MotoGP si ritirerà questo fine settimana in suo onore

Fotografia: SRO

La MotoGP ha un vantaggio quando si tratta di sistemare una serie di piloti importanti a conclusione della loro carriera. Il campione del mondo 500cc del 1993 Kevin Schwantz, n. 34, è stato il primo a ritirarsi, mentre negli anni successivi artisti del calibro di Daijiro Kato n. 74, Marco Simoncelli n. 58 e Nicky Hayden n. 69 si sono tutti ritirati per rispetto dopo la loro tragica morte.

READ  Rivelato: le richieste salariali di Erling Haaland rilasciate tra gli interessi del Chelsea

È tutto molto bene, molto ben progettato e progettato per momenti toccanti per chi è più vicino a questi motociclisti. Ma quando un numero viene ritirato, prendi l’unica strada che un pilota può essere veramente onorato: sulla strada giusta.

Non sorprende che alla domanda su un numero di ritiro russo a Le Mans, la maggior parte dei piloti ha ritenuto che fosse inevitabile e valido.

L’attaccamento a un numero può essere rafforzato dall’eroismo della persona che lo ha portato durante la sua carriera. Ma questo non dovrebbe equivalere alla proprietà in un modo o nell’altro. Sarebbe come vietare a tutti i chitarristi di usare le Fender Stratocaster perché è quello che suonava Jimi Hendrix

“Voglio dire, penso che fosse inevitabile,” Ducati Jack Miller Egli ha detto. “Il numero 46 può sicuramente andare in pensione. Il mio numero non andrà in pensione, posso quasi garantirlo, perché non sono Valentino Rossi. Quindi, non devi preoccuparti”.

Aprilia Alessio Espargarò Ha aggiunto: “Il 46 dovrebbe andare in pensione al 100% di sicuro. Era il migliore della storia, quindi va bene. Ma per i giovani in arrivo, se iniziamo a ritirarci in così tanti numeri sarà un incubo”.

Il difensore Rossi Bagnaya ritiene sensato il 46° ritiro perché “credo che nessuno sceglierebbe il 46, è una responsabilità molto grande”.

Quest’ultimo punto è pertinente, ma evidenzia anche il motivo per cui ai ciclisti non viene impedito di eseguire una figura epica. Se un giovane velocista si sta facendo strada tra i rookie e vuole conquistare il titolo #46 MotoGP, perché no? Semmai, avrebbe mostrato la fiducia che il cavaliere aveva nelle sue capacità. Ma sarebbe anche una grande storia se potessero riportare quei numeri leggendari in cima al mondo, qualcosa che non è stato fatto dal 2009.

Bandire altri piloti dall'usare il numero 46 è una mossa che lo stesso Rossi in precedenza aveva chiamato MotoGP da non prendere

Bandire altri piloti dall’usare il numero 46 è una mossa che lo stesso Rossi in precedenza aveva chiamato MotoGP da non prendere

Foto di: Gold and Goose / foto di sport motoristici

In alcuni casi, il numero identificato con una legenda può avere un secondo vento con un altro per una nuova generazione. Notoriamente, LeBron James ha usato il suo basket n. 23 quando ha iniziato a giocare nella NBA. Precedentemente noto come il numero 23, che James adorava crescendo, Michael Jordan ha scelto di sfoggiare il numero in onore del suo eroe. James ha continuato a essere considerato una leggenda del basket come Jordan, che era felice della top 23 perché sentiva di non aver mai avuto il numero.

READ  La caccia al titolo Carlo Ancelotti affronta un ostacolo familiare in Diego Simeone | La Liga

Forse il paragone più sorprendente con questo è nel motorsport NASCAR, dove il debuttante Chase Elliott ha ricevuto il formidabile ruolo di guida della Chevrolet n. 24 di Hendrick Motorsports dopo che Jeff Gordon si è ritirato alla fine del 2015. Ha guidato con la n. 24 solo per due anni prima di passare al #9, il numero con cui ha vinto il titolo di Coppa nel 2020, e il numero 24 ora utilizzato da William Byron, che ha imitato Gordon vincendo il premio Rookie of the Year nel 2018.

NASCAR è probabilmente l’altra divisione del motorsport in cui i piloti sono chiaramente associati ai numeri, anche se l’onore di guidare la Ferrari #27 in Formula 1 dopo la morte di Gilles Villeneuve potrebbe essere stato più grande di qualsiasi altra cosa. Il sette volte campione della Coppa Dale Earnhardt Sr. n. 3 si è ritirato postumo senza tante cerimonie alla Daytona 500 del 2001 e sostituito da Kevin Harvick di Richard Childress Racing , guidando invece il n. 29 per tutto il suo tempo nella squadra. Ma RCR ha restituito la numero 3 ad Austin Dillon, nipote del proprietario del team, per guidare nel 2014 e l’ha portata sulla corsia della vittoria alla Daytona 500 nel 2018.

Dato che Valentino Rossi ha ereditato il numero 46 da suo padre, il vincitore del Gran Premio Graziano, potrebbe esserci motivo di pensare che se qualcuno dovesse possedere un numero, questo è russo. Ma questo è al massimo debole.

Certamente, l’associazione con un numero può essere esaltata dall’eroismo di una persona che ha portato avanti durante la sua carriera. Ma questo non dovrebbe equivalere alla proprietà in un modo o nell’altro. Sarebbe come vietare a tutti i chitarristi di usare le Fender Stratocaster perché è quello che suonava Jimi Hendrix.

Ora torniamo alla domanda originale sollevata quando la MotoGP ha annunciato per la prima volta una festa di ritiro dei russi al Mugello. Perché, se non voleva che accadesse in primo luogo, dovrebbe?

Ironia della sorte, basti guardare il numero di presenze previsto per il Gran Premio d’Italia di questo fine settimana diffuso dalla Prefettura di Firenze che è di 20-30.000 per l’intero evento. La prima gara sportiva italiana che si terrà con un grande pubblico dall’inizio della pandemia di COVID-19 è arrivata troppo tardi per la fine della carriera di Rossi, ma non è che manchi la rappresentanza del partito viste quattro delle sue sette vittorie. Lontano nel 2022, è andato ai piloti italiani (tre vs. Enea Bastianiniuno di Francesco Bagnaia – entrambi in Ducati).

READ  Il veterano italiano Chiellini era entusiasta di unirsi al roster giovanile della LAFC
In altre classi di sport motoristici vengono ancora utilizzati numeri famosi associati alle leggende, come il numero 3 usato dal compianto Dale Earnhardt Sr.

In altre classi di sport motoristici vengono ancora utilizzati numeri famosi associati alle leggende, come il numero 3 usato dal compianto Dale Earnhardt Sr.

Fotografia: Matthew T Thacker/NKP/ foto di sport motoristici

I prezzi dei biglietti più elevati potrebbero in parte essere responsabili di questa affluenza alle urne inferiore al previsto, con un biglietto di due giorni in tribuna nella Suite Materasse a partire da € 240. Al contrario, un biglietto di tre giorni in tribuna equivalente al Gran Premio di Catalogna della settimana successiva a Barcellona costa 90 €. Questa è in definitiva la realtà dei periodi post-COVID in cui viviamo ed evidenzia la miseria finanziaria che la pandemia ha portato.

Ma se hai un prodotto che vale la pena acquistare, le persone troveranno un modo. Ciò è stato maggiormente illustrato quando ha corso la Formula 1 a Miami, dove un biglietto del fine settimana per l’ammissione generale costa più di $ 400. Tuttavia, il circuito di Miami era pieno il giorno della gara.

Il numero di presenze è stato generalmente inferiore al previsto nel 2022. Mentre 225.000 persone si sono presentate per il fine settimana a Le Mans, spinte dai prezzi dei biglietti decenti e dalla forte rappresentanza francese, il numero dei fine settimana a Jerez è sceso da 151.513 nel 2019 (un altro anno “normale”) a 123.101 nel 2022. Poco meno di 45.000 hanno partecipato al giorno della gara a Portimao e nessun numero è stato annunciato per la gara poco frequentata di Austin. Nel 2019 il Mugello ne ha ospitati 139.329 nel fine settimana.

Difficile, quindi, guardare al di là di una festa di ritiro numerica della Russia – che si svolgerà poco prima delle qualifiche di sabato al Mugello – come un modo per cercare di salvare una situazione disperata utilizzando un pareggio che la MotoGP sembra non aver capito come. per spostarsi a distanza.

Onorare una mossa ironica russa per attirare i fan?

Onorare una mossa ironica russa per attirare i fan?

Foto di: Gold and Goose / foto di sport motoristici