Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Pensi che 8 ore di sonno siano le migliori? Pensa di nuovo! | scienza | Approfondimenti su scienza e tecnologia | DW

La maggior parte di noi l’ha presa come regola: una notte di sonno completa significa otto ore per un adulto. Ma questo potrebbe non essere vero una volta che le persone raggiungono una certa età.

Un team di ricercatori dell’Università di Cambridge nel Regno Unito e dell’Università di Fudan in Cina ha scoperto che sette ore di sonno possono essere la quantità ideale di sonno per le persone di mezza età e gli anziani.

A Uno studio pubblicato sulla rivista natura che invecchiaI ricercatori hanno affermato di aver scoperto che sette ore di sonno sono le migliori per le prestazioni cognitive e una buona salute mentale.

I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 500.000 partecipanti di età compresa tra 38 e 73 anni e hanno scoperto che un sonno non sufficiente, ma anche eccessivo, è legato a prestazioni cognitive più scarse ea una cattiva salute mentale.

I partecipanti allo studio hanno riferito i loro schemi di sonno e hanno anche risposto a domande sul loro benessere e salute mentale. Hanno completato una serie di compiti cognitivi che hanno testato la velocità di elaborazione, l’attenzione visiva, la memoria e le capacità di risoluzione dei problemi. E quelli che hanno dormito sette ore ininterrotte hanno ottenuto risultati migliori su tutta la linea.

Tuttavia, c’è un avvertimento: il 94% dei partecipanti era bianco, quindi non è chiaro se i risultati valgano per le persone di colore e altre origini razziali o culturali.

Un altro fattore importante è la coerenza. I risultati migliori sono stati osservati nelle persone che hanno mostrato poche fluttuazioni nei loro schemi di sonno per lunghi periodi di tempo e che hanno resistito per sette ore.

READ  I fisici del MIT hanno scoperto che il grafene a tre strati con "angolo magico" potrebbe essere un superconduttore raro e resistente ai magneti.

In altre parole, dormire quattro ore prima di una grande riunione non può essere “compensato” con 10 ore di sonno la notte successiva.

Sonno interrotto: il rischio di demenza

Barbara Sahakian, professoressa all’Università di Cambridge e… ha detto: Coautore dello studio.

I ricercatori hanno affermato che la mancanza di sonno potrebbe ostacolare il processo di disintossicazione del cervello. Dicono anche che l’interruzione delle onde lente o il sonno profondo possono essere responsabili del declino cognitivo.

Quando il sonno profondo è disturbato, influisce sul consolidamento della memoria e questo può portare a un accumulo di amiloide, una proteina che, se non funziona come dovrebbe, può causare “grovigli” nel cervello che sono caratteristici di alcune forme di demenza.

Un sonno inadeguato o eccessivo può essere un fattore di rischio per il declino cognitivo in età avanzata.

“Anche se non possiamo dire con certezza che dormire troppo poco o troppo causi problemi cognitivi, la nostra analisi sembra supportare questa idea”, ha affermato Jianfengfeng, scienziato del cervello e professore alla Fudan University. “Ma le ragioni per cui gli anziani sperimentano un sonno scarso sembrano essere complesse, influenzate da una combinazione di corredo genetico e dalla struttura del nostro cervello”.

La durata del sonno influisce sulla struttura del cervello

I ricercatori hanno anche esaminato l’imaging cerebrale e i dati genetici, ma quei dati erano disponibili solo per meno di 40.000 partecipanti.

Questi dati hanno mostrato che la quantità di sonno può essere collegata a differenze nella struttura delle regioni cerebrali come l’ippocampo, che è il centro della memoria e dell’apprendimento nel cervello, e la corteccia precentrale responsabile dell’esecuzione dei movimenti volontari.

READ  Un istantaneo grande squalo bianco squarcia la costa di Cape Cod

Poiché il rischio di malattia di Alzheimer e demenza – malattie dell’invecchiamento associate a disturbi cognitivi – sono stati associati alla durata del sonno, i ricercatori hanno affermato che è necessario più lavoro nel campo della scienza del sonno.

“Trovare modi per migliorare il sonno per gli anziani può essere fondamentale per aiutarli a mantenere una buona salute mentale e benessere e [their] Evitare il declino cognitivo, soprattutto per i pazienti con disturbi psichiatrici e demenza.

Montaggio: Zulfiqar Abani