Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nova: fonti italiane affermano che è improbabile la costruzione di un gasdotto parallelo al Green Stream

Fonti che hanno parlato con l’agenzia di stampa Nova hanno escluso la costruzione di un nuovo gasdotto parallelo al gasdotto “Green Stream” dalla Libia all’Italia, affermando che è improbabile che la Libia raddoppi la sua produzione di gas naturale per costruire il gasdotto.

Le fonti hanno aggiunto che il progetto potrebbe realizzarsi se venissero scoperti nuovi giacimenti di gas, che è ciò che il colosso petrolifero italiano Eni cerca attraverso le sue esplorazioni onshore e offshore.

Secondo l’agenzia di stampa, la Libia può esportare fino a 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno in Italia tramite Green Stream, un gasdotto che collega la Sicilia ai giacimenti di gas nel sud-ovest della Libia, ma sono stati esportati solo 3,23 miliardi di metri cubi di gas libico. Nel 2021, rispetto ai 4,46 miliardi di metri cubi del 2020.

Nova ha affermato che la Libia attualmente ha un impatto marginale sulle quote di importazione del gas dell’Italia, nonostante la sua grande capacità di esportazione perché il 65% del gas prodotto nella Libia occidentale al confine con la Tunisia va alla rete nazionale libica e il resto va a Green Stream.

Il ministro del petrolio e del gas Mohamed Aoun ha detto in precedenza a Bloomberg che la Libia potrebbe costruire un gasdotto parallelo entro pochi mesi, aggiungendo che il Paese esporta attualmente in Italia circa 250-300 milioni di piedi cubi di gas al giorno (7-8 milioni di metri cubi).

READ  I costi di importazione dell'energia italiana raddoppieranno a 100 miliardi di euro