Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Non credevano che arrivassero i soccorsi’: Un mese dopo lo tsunami di Tonga – in foto | Tonga

unAlle sei e mezza del mattino del giorno dopo lo tsunami, sono andato al lavoro. Sono un funzionario degli appalti presso il Ministero del Territorio di Tonga e lavoro come fotografo laterale. Ho visto video su Facebook che mostrano le onde da tsunami Sono arrivato all’edificio del ministero nella capitale, Nuku’alofa, e volevo sapere se potevo aiutare a ripulire.

Una stazione di polizia sulla spiaggia dell'isola di Nomoka vicino al resto di una strada principale.

Quando sono arrivato in città, sono rimasto scioccato nel vedere la capitale come una discarica. Ho iniziato a fare foto. Non c’era nessuno in ufficio quando sono arrivato, quindi sono andato all’Ufficio nazionale per la gestione delle emergenze (Nemo) per vedere se c’era qualcuno.

Uno dei nostri capi dipartimento, Williame Fulau, era lì e stava cercando di convincere qualsiasi membro del personale a far parte del primo team di risposta per le isole Hapai, che era più vicino al vulcano, per vedere quanto fosse danneggiato. Ma le comunicazioni sono state interrotte e non è riuscito a raggiungere nessuno. Mi ha chiesto se ero disposto ad andare perché non poteva raggiungere nessun altro. Certo, ho acconsentito.

Il personale del Ministero della Salute prepara scorte di forniture mentre le persone si avvicinano per ordinare i medicinali.

Alle 14 la motovedetta della marina è partita per il gruppo di isole Ha’apai portando me, un altro collega, due agenti di polizia, tre infermiere, un medico, due membri di Nemo e l’equipaggio della barca. La barca era rifornita di qualsiasi attrezzatura di emergenza di cui Nemo fosse riuscito a procurarsi durante quel breve periodo di tempo.

Una scuola elementare sull'isola di Tongwa, il punto più lontano raggiunto dallo tsunami.
Le macerie ricoprono le strade dell'isola di Haviva mentre i bambini seguono il comando.

Ci sono volute più di 18 ore per arrivare a Nomuka, che è l’isola Ha’apai più vicina all’isola principale di Tongatapu, Tonga, un viaggio che normalmente dura quattro ore. I detriti nell’acqua, principalmente cenere e roccia vulcanica, hanno causato il malfunzionamento del nostro motore.

La gente del posto aspetta il tramonto in una sala comunale in rovina a Funoy.
Pesci morti sparsi per la spiaggia di Nomoka.

Quando siamo arrivati ​​a Nomuka e alle altre isole di Ha’apai, siamo stati accolti dal fetore di pesce morto e cenere bagnata. Quando siamo arrivati ​​a Nomoka, le donne stavano già piangendo. Lo sguardo nei loro occhi quando ci hanno visto salire sulla barca è stato straziante. Non pensavano che l’aiuto stesse arrivando, perché le comunicazioni sono interrotte.

Le storie di ciò che hanno vissuto hanno riempito la spiaggia: alcuni piangevano, altri non riuscivano a completare le loro storie perché erano troppo emotivi per andare avanti. Era ovvio che gli abitanti di Nomoka avevano paura di un’altra eruzione, perché erano così vicini al vulcano.

Le sedie e le decorazioni della Free Wesleyan Church sull'isola di Tongwa sono state spazzate via dallo tsunami.

Ero devastato nel vedere cosa stava succedendo. Non me ne sono reso conto fino a tardi, ma sono rimasto così scioccato che non ho potuto scattare foto mentre raccontavano le loro storie. Sono bloccato nel momento, rievocando le loro esperienze mentre riferisco ciò che ho sentito alla Marina e ad altri sulla barca. Alcuni di quelli di Nomuka erano disposti a trasferirsi a Tongatapu, lasciando la loro storia e il loro legame con l’isola alla ricerca di un posto più sicuro in cui vivere.

READ  Due bronzi nigeriani del Benin saccheggiati sono tornati, più di un secolo dopo