Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Non aver paura di Italexit. Non accadrà.

Sospensione

Ci sono molte cose di cui preoccuparsi sulla scia del crollo di un altro governo a Roma – ma, per favore, togliamo per sempre Italexit dalla lista.

Il concetto è familiare agli investitori: in un momento di tensione politica, l’Italia potrebbe crollare dall’eurozona e tornare alla vecchia lira a causa di decisioni di governo sbagliate, intenzionali o casuali. Se Italexit si mostra – o addirittura si avvicina alla realtà – porterà a una crisi senza precedenti sia per la moneta unica che per l’economia italiana. Altrimenti non accadrà.

Il termine è generalmente frainteso ed è stato clamorosamente esagerato dai commentatori internazionali che spesso trascurano il funzionamento degli ordinamenti politici e giuridici italiani. Per non parlare del fatto che l’idea stessa è quasi del tutto scomparsa dal dibattito nazionale. E la comunità imprenditoriale lo odia. È chiaro a tutti che per sfruttare i vantaggi europei bisogna rinunciare alle chiacchiere Italexit e giocare a pallone.

In effetti, molte preoccupazioni le sento molto quando il discorso dell’Italia fuori dagli ambienti italiani non riesce a integrare la riconfigurazione che il Paese ha subito negli ultimi due anni, sia in patria che a Bruxelles. Il passaggio a posizioni più moderate in Europa – e quindi al posto dell’Italia all’interno dell’Unione Europea – è iniziato nel 2019 sotto il secondo governo di Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle, che ha ritirato la sua carica durante il suo mandato.

Il nuovo approccio è stato radicato sotto il governo di Mario Draghi, quello che è crollato la scorsa settimana. Nel suo primo discorso al Senato nel 2021, l’ex governatore della banca centrale ha reso l’Europa un pilastro dell’operato del suo governo, nonché una chiave per entrare nella sua coalizione, alla quale hanno aderito tutti i partiti tranne i Fratelli d’Italia. All’epoca Draghi disse ai legislatori: “Senza l’Italia non c’è Europa, ma fuori dall’Europa ci sono meno Italia”.

READ  Rose Pizzeria apre a Berkeley con soffici pancake e vino italiano

Naturalmente, la controargomentazione è che la politica italiana è volubile. Gli investitori si sono bruciati nel 2018 e hanno motivo di preoccupazione. Prima che l’Italia raddoppiasse il suo atteggiamento verso l’Europa sotto Draghi, l’alleanza populista guidata dalla Lega e il Movimento Cinque Stelle stavano apertamente flirtando con argomenti euroscettici. Ha cercato di nominare ministro delle finanze un noto critico dell’euro, e ha persino manomesso l’idea di emettere piccoli buoni del Tesoro come mezzo di pagamento alternativo, idea che Draghi, allora primo ministro, ha rapidamente respinto. Banca Centrale Europea.

Tuttavia, chi può dire – e meglio ancora – assicurarsi che ciò non accada mai più? Qui, vorrei sottolineare tre fattori.

Tanto per cominciare, le parti stesse. Se guardi ora ai sondaggi, la prossima coalizione sarà probabilmente il governo di centrodestra guidato da Fratelli d’Italia, la Lega e Forza Italia di Silvio Berlusconi. Tutti e tre sostengono che rivitalizzeranno l’economia, ma le pressioni di Italexit vanificheranno sicuramente queste speranze.

La destra italiana ama presentarsi come più efficiente nella gestione economica, favorevole alle tasse basse ea tutto il made in Italy. Ora, quando si parla di Georgia Meloni, presidente dei Fratelli d’Italia, e probabile vincitrice di tutto questo pasticcio, una cosa da ricordare è che lei è una forza contraria. Se Draghi dice che l’euro è irreversibile, deve dire il contrario, non solo per ragioni ideologiche, ma semplicemente per tattiche. Le è servito bene finora. Semplicemente non sono convinto che sarà efficace quando la focosa politica del confronto cederà il passo alla sobrietà del giudizio.

Quanto all’associazione, che ha creato non pochi guai dopo le elezioni del 2018, è comunque cresciuta vicino alle istituzioni e ha forti rapporti con gli industriali, che non vogliono sentire parlare di Italexit. Vogliono infatti che il prossimo governo segua la strada tracciata da Draghi, sapendo che è il modo migliore per beneficiare della liquidità europea.

READ  La Gioia deli a Schenectady chiude dopo 33 anni

Quando si trattava di Forza Italia, l’euroscetticismo non era una cosa reale per il partito di Berlusconi. Il gruppo appartiene al Partito popolare europeo a Bruxelles, la stessa affiliazione che unisce il mainstream di centrodestra in tutta Europa e sembra essere la sede politica dell’attuale presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Infine, il sistema politico italiano ha un’impressionante capacità di ridurre al minimo le perdite e, se necessario, i danni. Il presidente Sergio Mattarella, figura sulla carta in gran parte simbolica, ha dimostrato forti istinti politici durante ogni crisi, suggerendo che ci sono dei limiti una volta entrati al governo. Come la volta in cui ha rifiutato un progetto di governo di coalizione ritenuto troppo scettico nei confronti dell’Europa sulla scia del voto del 2018.

Ora, non sto dicendo che tutto sia roseo. non è. La caduta dei ciclisti italiani sta riportando l’Italia ai suoi vecchi modi: caotica, inaspettata e instabile. Il crollo del governo, nel bel mezzo di una guerra europea mentre affronta un inverno di malcontento, dimostra l’autoindulgenza della classe politica italiana. Con le turbolenze politiche arrivano i nervosismi del mercato, alcuni dei quali sono già iniziati nel mercato obbligazionario italiano – e gli investitori hanno ragione a preoccuparsi delle implicazioni della gestione del debito a lungo termine del Paese. Ma non dovrebbero preoccuparsi delle prospettive di arretramento di Italexit.

In effetti, le sfide che deve affrontare il prossimo governo sono così grandi, le loro mani sono piene e legate. Dato il livello di litigi che stiamo per vedere con l’arrivo della campagna, probabilmente non potrebbero nemmeno essere d’accordo su come uscirne anche se lo volessero.

READ  UniCredit sta valutando l'eliminazione di 3.000 posti di lavoro volontari nell'ambito di un nuovo piano - fonti

Altro dall’opinione di Bloomberg:

• L’esperimento populista fallito in Italia: Maria Tadeo

Draghi può uscire dalle macerie politiche?: Rachel Sanderson

Il piano di crisi della BCE non riesce a convincere i trader obbligazionari: Marcus Ashworth

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione della redazione o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Maria Tdio è una corrispondente europea con sede a Bruxelles per Bloomberg Television, dove si occupa di politica europea, economia e NATO.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion