Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Monkeypox: confermata la prima morte negli Stati Uniti per virus nella contea di Los Angeles



CNN

Il Dipartimento della sanità pubblica della contea ha dichiarato lunedì che la morte di un residente della contea di Los Angeles è stata attribuita al vaiolo delle scimmie, la prima morte nota per il virus negli Stati Uniti.

L’amministrazione e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno confermato questo collegamento e hanno affermato che la persona aveva un sistema immunitario gravemente indebolito ed era stata ricoverata in ospedale. Il ministero ha affermato in a nuova versione.

“Le persone con un sistema immunitario gravemente compromesso che sospettano di avere il vaiolo delle scimmie sono incoraggiate a cercare cure mediche e cure precocemente e a rimanere sotto le cure di un caregiver mentre sono malate”, si legge nel comunicato stampa.

I decessi per vaiolo delle scimmie sono estremamente rari e il più delle volte colpiscono bambini, donne in gravidanza e persone con un sistema immunitario indebolito, come l’HIV. Una persona nella contea di Harris, in Texas, che ha contratto il vaiolo delle scimmie è morta il mese scorso, ma il ruolo del virus in quella morte non è stato confermato.

Quasi 22.000 casi probabili o confermati di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati negli Stati Uniti quest’anno, a partire da lunedì, Dati CDC sull’argomento offerte. La California ha il maggior numero di casi: 4.300.

A livello globale in questo focolaio, ci sono stati quasi 58.000 casi e 18 decessi confermati, secondo il Dati CDC sull’argomentoche non includeva ancora la morte degli Stati Uniti.

Funzionari sanitari affermano che le tendenze nei casi di vaiolo delle scimmie sono in via di stabilizzazione, ma ciò non dovrebbe portare all’autocompiacimento.

“Continuiamo a vedere una tendenza al ribasso in Europa”, ha affermato la scorsa settimana il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. Sebbene anche i casi segnalati dalle Americhe siano diminuiti la scorsa settimana, è difficile trarre conclusioni definitive sull’epidemia in quella regione. Alcuni paesi delle Americhe continuano a segnalare un numero crescente di casi e in alcuni è probabile che ci sia una sottostima a causa di stigma e discriminazione o mancanza di informazioni per coloro che ne hanno più bisogno.

E ha avvertito che “la tendenza al ribasso potrebbe essere il momento più pericoloso se si apre la porta dell’autocompiacimento”.

READ  Un uomo del Connecticut soffre di un'infezione cerebrale mortale causata dal virus Poisson