Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Moda fusion: cinque culture in quattro minuti

Fashion Unites è un cortometraggio con strati di significato che lo definisce più come una capsula del tempo che come una fugace registrazione delle tendenze della moda.

Ci sono prove del suo passato nei suoi crediti; Five Layers of Australian Cultural Heritage guidato dal regista Atong Atem e dalla società di produzione cinematografica Antuong Nguyen Silky Jazz, e nel suo flusso elegantemente lento di diversi archetipi che vanno alla deriva e ballano tra interni lunatici, grandi scalinate e lussureggianti giardini vittoriani sincronizzati con il magnifico pianoforte in ritirata partitura del compositore Kai Chen Lim.

“È un film di moda, sì, ma con una sottile versatilità intrecciata”, afferma il fashion editor, stilista indipendente e consulente Stuart Wolford. “Lei è immortale.”

Stewart ha ereditato il progetto quasi due anni fa dal famoso designer di Melbourne Virginia Dozer. Il COVID-19 aveva interrotto i piani per il suo brief originale, commissionato da Creative Victoria e da cinque importanti musei multiculturali di Melbourne, per organizzare una sfilata di moda.

“Volevamo riunire i musei in un pezzo che li unisse in un messaggio comune”, afferma Fran Kerlin di Creative Victoria. “Riunire culture diverse con un obiettivo comune; mostrare il loro patrimonio culturale attraverso la storia della moda”.

Indirizzo la moda unisce È stato scelto, secondo Fran, perché è esattamente quello che fa.

Quando Stuart Walford ha preso il comando la moda unisce, The Brief è passato da uno spettacolo a un film più favorevole al COVID, ma non ha deluso. “No, il progetto è molto più di una sfilata di moda di 10 minuti dal vivo”, dice, “ora è una specie di capsula del tempo che può esistere indefinitamente”.

READ  Delizioso ristorante italiano nella zona sconosciuta di Woolloongabba?

Stewart ha iniziato ad associare musei greci, italiani, ebrei, islamici, cinesi e vietnamiti a creatori, modelli e designer con un patrimonio comune. “Era importante che l’idea di diversità non fosse solo davanti all’obiettivo, non solo nell’immagine, ma nelle voci e nelle mani che hanno collaborato alla creazione dell’opera”, afferma.

come ha insistito la moda unisce Viene trattato principalmente come un film di moda con un forte background culturale, piuttosto che un film culturale educativo con un background di moda casual. “Penso che il suo messaggio sia più forte se è sottile, se il linguaggio della diversità è intessuto fino in fondo”, dice.

A differenza della maggior parte dei film di moda, la moda unisce Deve essere senza tempo per garantire la continuità del suo messaggio. Stewart ha affrontato questo problema commissionando un mix di etichette indipendenti a Melbourne; Tra questi ci sono Alexi Freeman, Dom Bagnato, Mindatori, Chris Run Lane, Estelle Michaelides, Material by Product, Leah Hertzberg e William Thi, per portare design esteticamente più distinti rispetto alle tendenze attuali o alla stagione.

“Dom Bagnato per esempio proveniva dai suoi archivi negli anni ’80”, dice. Kim Clark era del gruppo di alunni di RMIT e Victoria Triantafyllou ha disegnato un pezzo dedicato a la moda unisce. “

È possibile eseguire lo streaming online tramite il sito Web del Multicultural Museums Victoria come parte del programma Zooming In, Zooming Out Film Festival, www.mmv.org.au.

Per ulteriori notizie sulla moda locale, iscriviti alle nostre e-news. Trova altre storie sul sito web all’indirizzo creative.vic.gov.au/resources/fashion-industry-news/.