Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Migliaia di messaggi dal dottor Li Wengliang, il defunto informatore cinese sul COVID-19, due anni dopo

Migliaia di persone hanno lasciato messaggi sull’account dei social media del defunto giornalista cinese COVID-19 Li Wenliang in memoria del giorno in cui ha appreso di possibili casi virali di polmonite a Wuhan e ha condiviso informazioni con altri medici.

Il 30 dicembre 2019, il dottor Li – un oftalmologo in un ospedale di Wuhan dove è stata rilevata l’epidemia di SARS-CoV-2, ha visto un rapporto medico che mostrava possibili casi di SARS in città, ha scritto in un post sul suo account Weibo su 31 gennaio.

All’inizio di gennaio, dopo aver condiviso informazioni sui “casi SARS” su un gruppo WeChat, il dottor Li è stato rimproverato dalla polizia locale, secondo il sito web di Weibo.

Un uomo che indossa una maschera medica e occhiali si fa un selfie.  Ha i capelli corti e scuri.
Il medico cinese Li Wenliang, che ha cercato di mettere in guardia le persone sullo scoppio del virus Corona, è morto dopo aver contratto il virus.(Weibo)

Il 12 gennaio, il dottor Lee è andato in ospedale, infetto dal virus che causa il COVID-19, ed è morto il 7 febbraio 2020.

La sua morte ha portato a un’ondata di dolore sui social media in un momento in cui le persone erano nervose per il virus e le autorità sono state criticate per un’apparente mancanza di trasparenza e un approccio intransigente a informatori come il dottor Lee.

Da allora, la fiducia nella risposta della Cina all’epidemia è cresciuta, ma le persone hanno continuato a inviare messaggi al dottor Li online, specialmente nei giorni dell’anniversario come hanno fatto giovedì.

I social media ricordano il medico informatore

Altri hanno pubblicato emoji di candele, brevi ringraziamenti ed esclamazioni su come due anni siano passati così in fretta, nella sezione commenti di uno dei post del Dr. Lee su Weibo, l’equivalente cinese di Twitter.

Molti hanno scritto un hadith, come se gli stessero parlando oltre la tomba.

Fang Qicheng dell’Università cinese di Hong Kong ha affermato che il microblog del Dr. Li su Weibo è diventato un luogo online in cui le persone esprimono i propri sentimenti che non si sentono a proprio agio ad esprimere altrove.

La Cina continentale ha segnalato 101.683 casi confermati di COVID-19, al 28 dicembre, con un bilancio delle vittime di 4.636.

Reuters

READ  L'AIEA esaminerà le salvaguardie per il programma sottomarino nucleare australiano