Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Michael Bay nega di aver ucciso un piccione in un film italiano, dopo le notizie | Michele Baia

Michael Bay ha risposto duramente alle notizie secondo cui sarebbe stato accusato della morte di un piccione in Italia mentre stava girando Film Netflix 6 nel sottosuolo.

Il sito di notizie di Hollywood The Wrap ha riportato per la prima volta le accuse giovedì secondo cui le autorità italiane avrebbero accusato Pai dopo che un piccione viaggiatore sarebbe stato investito da un manichino mentre il regista stava girando a Roma nel 2018.

The Wrap ha affermato che un “individuo anonimo” ha registrato l’incidente e lo ha mostrato alle autorità italiane, che hanno accusato Bey in base alla legislazione che rende illegale uccidere, catturare o commerciare qualsiasi uccello selvatico, inclusi i piccioni.

Ma l’avvocato di Sunday Bay, Matthew Rosengart, ha definito il rapporto di The Wrap “falso, spericolato e diffamatorio”, affermando che la storia implicava che Bay fosse stato accusato di aver ucciso lui stesso l’uccello e ha chiesto un’immediata ritrattazione o correzione.

“Sai, Bay non è mai stato accusato, figuriamoci accusato di ‘uccisione’ di un animale.” Si legge nella lettera, che è stata rilasciata a Variety.

Rosengart ha affermato che a The Wrap sono state fornite “prove video che confutano queste affermazioni e dimostrano che in nessun momento è stato ferito alcun animale, figuriamoci ucciso”.

Invece, Bay è stato accusato a causa delle sue “preoccupazioni sul fatto che il signor Bay, in qualità di regista del film, non fosse riuscito a supervisionare adeguatamente i membri della troupe (che non aveva nemmeno il potere di assumere) responsabili della gestione degli animali sul set.” “.

Rosengart ha aggiunto che l’accusa viene “fortemente difesa”.

“Il signor Pai è fermamente convinto di aver … rifiutato di risolvere il caso anche per la multa nominale proposta dalle autorità per risolverlo”, ha scritto, sostenendo che la storia di Wrap aveva “distorto [Bay’s] La sua reputazione di persona che sostiene molto gli animali, finanziariamente e in altro modo, gli sta causando grande angoscia.

In una dichiarazione originariamente fornita al Wrap, Bay si è definito un “noto amante degli animali e grande attivista per gli animali”.

“Nessun animale coinvolto nella produzione è stato ferito o ferito. O in qualsiasi altra produzione a cui ho lavorato negli ultimi 30 anni. Non mi dichiarerò colpevole di aver fatto del male a un animale”, ha detto il rivoluzionario regista, rifiutandosi di fornire dettagli più specifici. a causa di un “caso giudiziario in corso”.

“Abbiamo chiare prove video, un gran numero di testimoni e agenti di sicurezza che ci scagionano da queste accuse e confutano la loro immagine paparazzata, che fornisce una storia falsa”, ha detto.

Da allora The Wrap ha modificato il suo articolo iniziale per aggiungere una dichiarazione di non responsabilità: “Non è del tutto chiaro se i piccioni siano morti o meno”. Non ha ancora risposto pubblicamente alla lettera di Rosengart.

6 Underground è un thriller d’azione con Ryan Reynolds nei panni del capo di una squadra di vigilantes che prende di mira i criminali di tutto il mondo. È stato rilasciato su Netflix nel 2019.

Netflix ha rifiutato di commentare le accuse.

Non è la prima volta che un piccione fa polemica in Italia. Nel 2016, il celebre chef a Un piatto contenente carne di piccione Sul sito di MasterChef Italia – incitando all’indignazione gli attivisti per i diritti degli animali che lo hanno accusato di aver infranto la legge. Non è stata intrapresa alcuna azione.

READ  Il patrimonio netto di Emma Chamberlain è salito alle stelle dopo aver colpito la clip virale di YouTube