Gennaio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mammut dell’era glaciale e DNA di cavallo trovati in campioni di terreno lasciati nel congelatore

I ricercatori raccolgono un campione di suolo nello Yukon canadese.

I ricercatori raccolgono un campione di suolo nello Yukon canadese.
Foto: Tyler Murchie

Il lavoro sul campo condotto circa un decennio fa sta cambiando solo ora la comprensione dei ricercatori delle principali estinzioni di mammiferi durante l’era glaciale. L’analisi del DNA intrappolato in campioni di terreno congelato rivela che specie attraenti come mammut lanosi e cavalli selvaggi nello Yukon sono sopravvissute più a lungo di quanto si pensasse in precedenza.

Campioni di suolo sono stati prelevati dalla regione del Klondike nello Yukon canadese all’inizio del 2010, ma non è stato pubblicato alcun lavoro su di essi. A differenza dei campioni di DNA tradizionali, che possono essere prelevati dalle ossa o dai capelli di alcuni organismi, il suolo (anche antico) contiene DNA ambientale, ovvero materiale genetico sequestrato nei resti di animali microscopici che lasciano mentre viaggiano nell’ambiente.

I nuclei di Klondike freddi sono stati successivamente trovati in un congelatore della McMaster University da Tyler Murchie, un archeologo specializzato in DNA antico all’università, che ha deciso di riesaminarli. È stato il lavoro di Murchi e del suo team pubblicato Oggi in Nature Communications.

“L’ho trovato nei congelatori mentre cercavo un nuovo progetto durante il mio dottorato di ricerca”, ha detto in una e-mail Murchie, autore principale del nuovo documento di ricerca. “Una delle mie responsabilità presso l’Ancient DNA Center è la manutenzione del congelatore, quindi avevo un’idea abbastanza precisa delle cose interessanti che potrebbero essere là fuori in attesa che qualcuno studi”.

Uno dei misteri che il team ha cercato di comprendere sono state le condizioni in cui la grande specie nordamericana si è estinta durante l’ultima era glaciale. Animali come mammut lanosi, bisonti delle steppe e cavalli selvaggi hanno popolato il continente per migliaia di anni, ma i primi due sono scomparsi dal pianeta. (I cavalli moderni sono direttamente collegati ai cavalli dell’era glaciale.)

L’uccisione di animali è solitamente attribuita a una delle due cose: a Riscaldamento climatico Eliminando le loro fonti di cibo o cacciando di frodo la razza umana. Ricerca recente In genere si riferiva al primo.

Mammut, cavalli e gatti dai denti a sciabola nell'illustrazione di un artista.

L’immaginazione di un artista dell’ecosistema pleistocenico.
una precisazione: Giulio Csutouni

“Penso che una combinazione di pressioni climatiche, ambientali e umane spieghi meglio le perdite, ma sono necessarie ulteriori ricerche per risolvere quel problema con cui gli scienziati del Quaternario sono alle prese da circa 270 anni”, ha detto Murchi.

Nel DNA trovato nell’antico permafrost, il team ha trovato prove che le specie di grandi mammiferi non stavano andando bene nemmeno prima del cambiamento climatico. In altre parole, l’abbondanza di DNA nei campioni ha cominciato a diminuire prima dei cambiamenti climatici. (Il team ha utilizzato la datazione al radiocarbonio di materiali vegetali in campioni di suolo per determinarne l’età.) Ma gli animali non sono scomparsi rapidamente. Mammut lanoso e Nord Americaun cavallo Il DNA rimane nei campioni Fino a poco tempo fa, 5000 anni fa, nel mezzo dell’Olocene, Circa 8000 anni dopo si pensava che gli animali fossero estinti.

I dati ricchi forniscono una finestra unica sulle dinamiche della popolazione di MegafauHendrik Poinar, un genetista evoluzionista della McMaster University e autore principale del documento di ricerca, ha affermato in un’università pubblicazione.

Lo è davvero, ma questa informazione sta scomparendo. Mentre il clima si riscalda, Questa volta a un ritmo allarmante per ragioni umane, il permafrost perde la sua permanenza. Vaste pozzanghere compaiono nelle zone settentrionali del pianeta, causando il crollo di aree di terra enormi fogne. Il disgelo minaccia anche le informazioni genetiche conservate a freddo nel terreno ghiacciato. Allo stesso tempo, però, la perdita del permafrost ha portato ad alcune scoperte sorprendenti quando i resti conservati sono emersi dal ghiaccio, tra cui Ancora un cucciolo di leone delle caverne peloso e Testa di lupo di 30.000 anni.

READ  Una nave curiosa su Marte è stata avvistata durante l'arrampicata spaziale sul Monte Merco (video)