Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Made in Italy esplora la famiglia e l’identità culturale nell’Alberta degli anni ’70

Made in Italy esplora la famiglia e l’identità culturale nell’Alberta degli anni ’70

Quando la gente pensa alla cultura italiana in Alberta, non viene in mente la cittadina di montagna di Jasper negli anni ’70.

Tuttavia, per l’attore e comico Farren DiModeo nella sua mostra personale Made in Italy, la narrazione crea un ricco arazzo spostando le eccentricità di una piccola comunità italiana sullo sfondo della crescita in Alberta.

“Il tutto è una specie di storia d’amore per la mia famiglia, che non è con noi la maggior parte del tempo, e per la mia cultura, la cultura italiana. Questo tipo di ambientazioni sono state l’ispirazione per realizzarlo in primo luogo”, ha detto Dimodeo. .

“Da un lato, conosco la storia della mia famiglia: mio nonno, immigrato negli anni ’50 cercando di garantire una vita migliore alla sua famiglia, e conosco mio padre cresciuto a Jasper negli anni ’70 come uno dei più piccoli gruppo di italiani. Ma ciò che mi affascina come artista di teatro musicale e comico è che tutto si svolgeva in questo contesto luminoso della cultura pop italiana dell’epoca.

La produzione segue il giovane Francesco Montini mentre lotta per trovare il suo posto nel mondo crescendo come immigrato italiano di seconda generazione in Jasper mentre si reinventa come donnaiolo e crooner Frank Martin nell’era di Rocky Balboa e John Travolta.

“Ogni tanto tendo a fare Made in Italy. “Mi pettino attentamente i capelli e li metto in piega ogni mattina, cercando di stimolarli”, ha detto Dimodio.

“Abbiamo la musica da discoteca, che è parte del tutto. Quindi, tutto ciò si unisce alla musica tradizionale italiana, alla cultura tradizionale italiana, e crea questo interessante scontro di colori intensi, che penso sia davvero divertente da esplorare.

READ  Vino 101: Italia: Marche

Un attore, 25 ruoli

Dimodeo interpreta 25 personaggi diversi nella produzione, da Mantini al padre, zio, zia di Mantini e vari altri personaggi della comunità.

“Ho lavorato a stretto contatto con il regista Daryl Cloren [of Made in Italy]Fare in modo che ciascuno di questi oltre 25 personaggi abbia un’identità davvero unica, sia molto riconoscibile vocalmente e fisicamente e, in un certo senso, evochi spiritualmente un diverso tipo di sentimento per ciascuno di loro”, ha detto.

“Sette anni dopo stiamo ancora cercando di trovare modi per rendere tutto più luminoso e chiaro.”

Come attore, ha detto, interpretare così tanti personaggi diversi è stata un’esperienza potente come attore.

“Senti che queste persone prendono la cosa un po’ alla volta, e penso che sia divertente per il pubblico.”

Una delle cose sorprendenti dello spettacolo Made in Italy, ha detto, è che si trattava di una produzione che si collegava sia agli italiani che ai non italiani: inizialmente era insicura sul fatto che sarebbe stato così specifico per l’esperienza dell’immigrazione italiana. .

“Quello che ho iniziato a imparare subito è stato che una volta che abbiamo iniziato a esibirci davanti a un pubblico, persone provenienti da una vasta gamma di classi e culture si sono congratulate con me dopo lo spettacolo per dire che quella era la loro famiglia. Questa era la loro esperienza. La gente sentiva che questo era era la loro storia perfetta, che fossero italiani o no,” ha detto Dimodio.

“Quindi, anche se mio padre si sentiva alienato anni fa, quello che ho imparato è che c’è qualcosa di veramente bello nel riconoscere che esiste un mondo là fuori in cui le persone hanno un’esperienza simile. E non posso tornare indietro e dirglielo, forse quando ha bisogno di ascoltarlo di più, penso che in parte ci sia una guarigione regressiva.

READ  Dopo AstraZeneca e Pfizer, Moderna annuncia la riduzione della fornitura di vaccini

Parte di quell’esperienza è l’amorevole connessione tra il mondo immaginario di Mandini e il mondo reale di Timoteo. Il set, che ricrea con amore la sala da pranzo della nonna, è decorato con le autentiche foto di famiglia di Dimodeo.

“Questa è la mia vera famiglia. Molti di loro non sono più con noi, soprattutto mia nonna, che morì quando avevo otto anni, ed eravamo molto legati”, ha detto.

“Quindi c’è qualcosa di veramente potente in questa esperienza per me, perché quando salgo sul palco, la mia famiglia è letteralmente dietro di me, proprio lì.”

Dimodeo ha vinto il Jessie Award 2022 per la migliore interpretazione in un ruolo comico principale made in Italy.

È la seconda produzione per la stagione 2023-24 del Theatre Calgary e andrà in scena dal 17 ottobre all’11 novembre al Martha Cohen Theatre in associazione con Alberta Theatre Projects.

Foto dal Made in Italy

L’attore e comico Farren DiModio presenta la sua mostra personale Made in Italy mercoledì 18 ottobre 2023 al Martha Cohen Theatre presso l’Arts Commons di Calgary. ARYN TOOMBS / PER LIVEWIRE CALGARY
L’attore e comico Farren DiModio presenta la sua mostra personale Made in Italy mercoledì 18 ottobre 2023 al Martha Cohen Theatre presso l’Arts Commons di Calgary. ARYN TOOMBS / PER LIVEWIRE CALGARY
L’attore e comico Farren DiModio presenta la sua mostra personale Made in Italy mercoledì 18 ottobre 2023 al Martha Cohen Theatre presso l’Arts Commons di Calgary. ARYN TOOMBS / PER LIVEWIRE CALGARY
L’attore e comico Farren DiModio presenta la sua mostra personale Made in Italy mercoledì 18 ottobre 2023 al Martha Cohen Theatre presso l’Arts Commons di Calgary. ARYN TOOMBS / PER LIVEWIRE CALGARY
L’attore e comico Farren DiModio presenta la sua mostra personale Made in Italy mercoledì 18 ottobre 2023 al Martha Cohen Theatre presso l’Arts Commons di Calgary. ARYN TOOMBS / PER LIVEWIRE CALGARY
L’attore e comico Farren DiModio presenta la sua mostra personale Made in Italy mercoledì 18 ottobre 2023 al Martha Cohen Theatre presso l’Arts Commons di Calgary. ARYN TOOMBS / PER LIVEWIRE CALGARY