Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Macron annuncia che la sua strategia per il Covid è “furre rabbia” per i non vaccinati | Corona virus

Emmanuel Macron ha suscitato scalpore dopo aver affermato che la strategia di vaccinazione del suo governo è di “irritare” le persone che non hanno contratto il coronavirus continuando a rendere loro la vita quotidiana più difficile.

Nel suo discorso, il presidente ha detto: “Non sono dispiaciuto per il popolo francese”. Intervista ai lettori di Le Parisien Martedì. “Ma per i non vaccinati, voglio davvero farli incazzare. E continueremo a farlo fino alla fine. Questa è la strategia”.

La dichiarazione di Macron Il parlamento francese ha discusso la nuova legislazione Ciò, se approvato, significherebbe solo una vaccinazione completa – e quelli con un test Covid negativo – non più idonei per l’autorizzazione sanitaria del paese dal mese prossimo.

Il pass, introdotto quest’estate, è obbligatorio in Francia Per l’accesso a spazi pubblici interni come bar, ristoranti, cinema, musei, sale da concerto e centri sportivi, nonché per viaggi in treno e in aereo a lunga percorrenza.

“In una democrazia, le bugie e la stupidità sono i peggiori nemici”, ha detto Macron. “Facciamo pressione sui non vaccinati limitando, per quanto possibile, il loro accesso alle attività della vita sociale”.

La Francia ha vaccinato quasi il 90% della sua popolazione ammissibile, ha detto Macron, ed era “una minoranza molto piccola che sta resistendo. Come limitiamo quella minoranza? La stiamo sottovalutando – mi dispiace dirlo – facendoli incazzare ancora di più”.

Il presidente, che ha dichiarato di volersi candidare per un secondo mandato alle elezioni presidenziali di aprile, ma non annuncerà la sua decisione fino a “permessi sanitari”, ha aggiunto che “non sarà incarcerato”. [the unvaccinated]o costringerli a vaccinarsi.

READ  Le vittime della sparatoria a Plymouth sono la madre del killer, una bambina di tre anni

Per questo ha detto: “Dobbiamo dirglielo: dal 15 gennaio non potrete più andare al ristorante. Non potrete più prendere il caffè, non potrete più andare a teatro. Non potrai più andare al cinema».

Macron ha aggiunto: “Quando le mie libertà minacciano le libertà degli altri, divento una persona irresponsabile. Una persona irresponsabile non è un cittadino”.

Gli avversari politici di Macron hanno accusato il presidente – che nelle prime fasi del suo mandato ha dovuto affrontare accuse di arroganza, mancanza di tatto e mancanza di comunicazione da parte di parti del popolo francese – di linguaggio eccessivo.

“Nessuna emergenza sanitaria giustifica parole del genere”, ha detto Bruno Ritaello, presidente repubblicano di destra al Senato. “Emmanuel Macron dice che ha imparato ad amare i francesi, ma sembra che gli piaccia soprattutto disprezzarli”.

Marine Le Pen, leader del National Rally di estrema destra, ha affermato che il presidente “non dovrebbe dire cose del genere”, aggiungendo che il linguaggio “non merita l’ufficio” e che Macron “trasforma le persone non vaccinate in cittadini di seconda classe”.

Altri hanno anche criticato la proposta di legge. Jean-Luc Mélenchon, leader del partito radicale di sinistra francese, ha definito “spaventoso” il linguaggio di Macron, aggiungendo: “È chiaro che la dichiarazione del vaccino è una punizione collettiva per le libertà individuali”.

Gli analisti hanno affermato che mentre il linguaggio era rozzo e poteva provocare una reazione estremista, forse violenta da parte dei sostenitori dell’anti-vaccinazione, i commenti del presidente sembravano riflettere calcoli politici accurati.

I sondaggi di opinione mostrano che la stragrande maggioranza degli elettori francesi sta diventando frustrata dalla pandemia e sta riconsiderando il vaccino come un modo efficace per porvi fine, hanno affermato, e tra coloro che si oppongono, è probabile che pochissimi votino per Macron.