Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Università di Hong Kong smantella e rimuove la statua di Tiananmen dal campus

Un’importante università di Hong Kong ha smantellato e rimosso una statua dal suo campus che per più di due decenni aveva commemorato i manifestanti pro-democrazia uccisi durante la repressione di Piazza Tiananmen in Cina nel 1989.

L’opera – di un odiato torso umano – è uno dei pochi memoriali pubblici rimasti nell’ex colonia britannica per ricordare la sanguinosa campagna che è un argomento tabù nella Cina continentale, dove le uccisioni non possono essere commemorate pubblicamente.

La statua, conosciuta come il “Pilastro della vergogna”, era un importante simbolo delle libertà diffuse promesse a Hong Kong al suo ritorno al dominio cinese nel 1997.

La città ha tradizionalmente tenuto la più grande veglia annuale del mondo per commemorare la repressione di Piazza Tiananmen.

Il consiglio dell’Università di Hong Kong ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata all’inizio di giovedì di aver preso la decisione di rimuovere la statua durante la riunione di mercoledì “sulla base di una consulenza legale esterna e di una valutazione del rischio a beneficio dell’università”.

“Il Consiglio dell’Università di Hong Kong ha chiesto che la statua sia conservata e che l’università continui a chiedere consulenza legale su qualsiasi azione di follow-up appropriata”, ha affermato.

Guardia di sicurezza in piedi vicino "pilastro della vergogna" che sono stati recintati.
L’opera d’arte è stata uno dei pochi memoriali pubblici rimasti nell’ex colonia britannica per ricordare la sanguinosa campagna che è un argomento tabù nella Cina continentale.(Reuters: Tyrone Seo)

Nella tarda serata di mercoledì, le guardie di sicurezza hanno posizionato barriere gialle attorno a una statua di rame alta 8 metri e 2 tonnellate.

I giornalisti hanno visto decine di lavoratori con elmetti gialli entrare nel sito della statua, che era avvolta su tutti i lati in teli di plastica bianca ed era sorvegliata da dozzine di personale di sicurezza.

Forti suoni di utensili elettrici e catene sono emessi dall’area chiusa per diverse ore prima che i lavoratori venissero visti trasportare la metà superiore della statua e issarla su una gru verso un container in attesa.

Il camion portacontainer è passato più tardi nelle prime ore di giovedì mattina. Il sito della statua era coperto da teli di plastica bianca e circondato da barriere gialle.

Più tardi, il personale dell’università ha posizionato vasi di fiori di poinsettia, una popolare decorazione natalizia a Hong Kong, intorno alle barricate.

Diversi mesi fa, l’università ha inviato una lettera legale ai tutori della statua chiedendone la rimozione.

Lo scultore danese Jens Galchiot, che ha realizzato la statua, ha dichiarato in una dichiarazione di essere “completamente scioccato” e che avrebbe “richiesto un risarcimento per eventuali danni” alla sua proprietà privata.

Il signor Galchiot, che stima il valore della statua in circa $ 1,4 milioni ($ 1,9 milioni), si è offerto di riportarla in Danimarca, ma ha affermato che la sua presenza a Hong Kong era necessaria per la complessa operazione e ha chiesto rassicurazioni sul fatto che lo avrebbe fatto. Non giudicare.

L’Università di Hong Kong ha affermato nella sua dichiarazione che nessuna parte ha ottenuto l’approvazione per esporre la statua nel suo campus e che ha il diritto di adottare “misure appropriate” in qualsiasi momento.

Ha anche descritto la statua come “fragile” e ha affermato che pone “potenziali problemi di sicurezza”.

Il campus era tranquillo giovedì presto e gli studenti erano in vacanza. Alcuni studenti sono rimasti nel campus durante la notte dopo aver appreso la notizia.

“L’università è un codardo a farlo nel cuore della notte”, ha detto uno studente di 19 anni.

Un altro studente si è detto “triste” nel vedere la statua “andare in pezzi”.

La rimozione della statua è l’ultimo passo rivolto a persone o organizzazioni affiliate alla data sensibile e agli eventi del 4 giugno 1989 che la segnano.

I lavoratori rimuovono parte di "pilastro della vergogna" scultura.
Gli studenti universitari hanno pianto la rimozione della statua.(Reuters: Tyrone Seo)

cancella la storia

Le autorità hanno effettuato un giro di vite a Hong Kong in base alla legge sulla sicurezza nazionale cinese che secondo gli attivisti per i diritti umani viene utilizzata per sopprimere la società civile, imprigionare attivisti per la democrazia e limitare le libertà fondamentali.

Tuttavia, le autorità affermano che la legge ha ripristinato l’ordine e la stabilità dopo le massicce proteste di piazza nel 2019.

Insistono sul fatto che la libertà di espressione e altri diritti rimangano intatti e che le azioni penali non siano politiche.

La Cina non ha mai fornito un resoconto completo della repressione di Piazza Tienanmen nel 1989.

I funzionari stimano che il bilancio delle vittime sia di circa 300, ma gruppi per i diritti umani e testimoni affermano che potrebbero essere state uccise migliaia di persone.

“Quello che vuole il Partito Comunista è che ce ne dimentichiamo tutti [Tiananmen]. “È molto sfortunato”, ha detto John Burns, professore di scienze politiche all’università per più di 40 anni che ha sostenuto la sopravvivenza della statua.

Reuters

READ  Le e-mail rivelano lo stress che il dottor Anthony Fauci ha dovuto affrontare all'inizio della pandemia di COVID COVID