Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'ultimo film di Josh O'Connor è molto divertente

L'ultimo film di Josh O'Connor è molto divertente

Come Federico Fellini, il cui spirito aleggia sui suoi lavori più recenti, la regista italiana Alice Rohrwacher apprezza davvero i volti e sfrutta il volto straordinario di Josh O'Connor, che nasconde il suo volto gentile e accigliato tanto quanto lo esprime in Nessuna chimera.

Come un espatriato inglese che vagava per la Toscana negli anni '80 alla ricerca di oggetti del desiderio preziosi e sfuggenti, la corona Il giovane oscilla tra il pensieroso e l'impulsivo, il disperato e il risoluto, e i suoi cambiamenti di pensiero, comportamento e prospettiva sono scritti in modo interessante sul suo volto cencioso e sudato. Essendo un uomo con il “dono di ritrovare cose perdute”, è al centro dell'attenzione seducente di Rohrwacher, e la sua brillante interpretazione è il motore che guida questa affascinante interpretazione della vita e della morte, di ieri e di oggi, di magia e realismo.

Sarà presentato in anteprima nei cinema statunitensi il 29 marzo dopo le acclamate proiezioni ai festival cinematografici di Cannes, Toronto e New York dello scorso anno. Nessuna chimera I suoi sogni (sul passato del cinema) si fondono perfettamente con quelli del protagonista Arthur (O'Connor), che viene mostrato mentre dorme in un vagone ferroviario, e i suoi sogni ad occhi aperti – girati come filmati amatoriali in 16 mm – si concentrano su Benjamin (Yale Vianello), che ha girato chiede Intimo da vicino: “Hai notato che il sole ci sta seguendo?”

Indica la stella nel cielo oltre a quella tatuata sulla sua spalla e, sebbene il significato completo del suo commento non sarà chiaro fino alla fine della storia, suggerisce idee – di stalking e ricerca – che attraversano le vene del film. . Al risveglio, Arthur dice in modo affascinante a uno dei suoi occupanti della cabina che ha un profilo “vecchio”. Poi cambia improvvisamente marcia quando il venditore di profumi si fa beffe della sua puzza e attacca il venditore, svuotando così la sua residenza.

Per gentile concessione del Lincoln Center

Il cattivo umore di Arthur continua quando non riesce a evitare di andare a prendere alla stazione il suo vecchio amico Piero (Vincenzo Nemolato) e viene portato in piazza dove altri conoscenti vogliono festeggiare il suo ritorno. Invece, ha fatto irruzione in casa sua, una baracca fatiscente sostenuta da pali di legno, con un tetto di lamiera ondulata, e addossata a un muro di pietra sul bordo della collina. Questa casa disordinata è un riflesso perfetto di Arthur, il cui abito di lino color crema sembra non essere stato lavato per sempre (il che potrebbe essere vero), i suoi calzini sono consumati come i suoi sandali e le sue guance sono sporche, passando il tempo, coperto di capelli arruffati.

READ  Festa Italiana torna al Freedom Hill County Park - Macomb Daily

È molto diverso dalla massa, anche se è comunque gradito per Flora (Isabella Rossellini), che ora si muove nella sua casa fatiscente su una sedia a rotelle e con l'aiuto di Italia (Carol Duarte), che le dà lezioni di canto, e che a sua volta agisce come suo servitore di fatto. Flora chiede ad Arthur di non rinunciare alla speranza per l'imminente ritorno di Benjamina, e viene poi raggiunta dalle sue figlie e nipoti, che fanno storie e svolazzano come galline chioccianti, criticando sia le loro madri che l'Italia.

Nessuna chimera Pieno di gruppi di personaggi illustri che chiacchierano e spettegolano in un modo chiassoso, allegro, ubriaco e caotico che ricorda Fellini e Pier Paolo Pasolini, Rohrwacher non è, tuttavia, un semplice imitatore. Invece, lancia il proprio incantesimo attraverso una serie di tocchi consapevoli – composizioni che ruotano per guardare Arthur a testa in giù, e un esempio in cui un personaggio si gira verso la telecamera, a metà frase, per finire il suo commento – che attirano approfondire il lavoro.

Tossendo per una malattia non aiutata dalla sua abitazione, che riscalda con una misera bombola di propano, Arthur è un uomo che fluttua in un mare di uomini e donne colorati. Quando guarda un filo svolazzante nel vento, non è solo una scena associata a Benjamin; È anche un'evocazione delle sue circostanze sfrenate, nonostante il fatto che, come presto rivelato, sia il capo di una banda insolita.

Emozionante i suoi dettagli per aumentare l'interazione con la trama, Nessuna chimera Alla fine, Arthur eccelle nel ruolo di un archeologo ribelle recentemente rilasciato dalla prigione, con notevoli poteri divinatori che usa per localizzare manufatti etruschi sepolti che vende al misterioso Spartacus (Alba Rohrwacher). Tuttavia, la posizione effettiva di questi oggetti sono i cimiteri, il che rende Arthur un “tombarolo” (cioè un ladro di tombe), e quindi qualcuno sul radar costante della polizia.

READ  Dunkin' ora deve affrontare una quarta causa nel New Jersey per gravi ustioni dovute al caffè

Questa è tutt'altro che una nobile vocazione e, sebbene serva da materiale per una canzone popolare eseguita durante una delle celebrazioni post-furto dei criminali, è in conflitto con il suo nascente rapporto con l'Italia, uno spirito indipendente che segretamente protegge i suoi due figli nella casa di Flora. casa. casa. Le tensioni tra ciò che è in superficie e ciò che si trova sotto (e chi possiede cosa) si riflettono nel desiderio di Arthur di rivendicare ciò che è stato sepolto e poi venduto una volta ottenuto: una dinamica di amore-odio che complica qualsiasi facile comprensione della sua storia. . Cuore e mente.

Josh O'Connor e Carol Duarte camminano fianco a fianco in una scena di film

Josh O'Connor e Carol Duarte

Per gentile concessione del Lincoln Center

Sparta afferma che il suo lavoro è “apprezzare ciò che non ha prezzo” e che un senso di mistero e transitorietà è ovunque in Nessuna chimera. Rohrwacher suggerisce piuttosto che spiegare, e il suo materiale si muove con un'andatura ruvida e tortuosa che imita il viaggio inciampante di Arthur attraverso il mondo. Allo stesso tempo, però, trasuda uno spirito di vivace avventura criminale mentre Arthur e i suoi stravaganti compagni si imbarcano nella caccia al bottino, spedizioni che culminano nella scoperta di un'enorme cripta che ospita un'inestimabile statua di una dea animale.

Nel volto di questa persona, Arthur vede le due donne che desidera e viene spinto ad avere un temporaneo cambiamento di opinione che lo allontani dalla maggior parte del suo clan. Tuttavia, i piaceri della vita retta e angusta non possono competere con il richiamo di una vita illecita, così come il calore di coloro che può conservare non può superare il suo desiderio di riconnettersi con l’amore che ha perduto. Così il film oscilla e oscilla nel suo cammino verso una risoluzione toccante e poetica in cui l'impresa è allo stesso tempo un trionfo e una tragedia.

READ  Chinchon: Wes Anderson gira il suo nuovo film alla periferia di Madrid | civiltà

È stato composto per apparire allo stesso tempo bizzarro e urbano (pieno di vari titoli cinematografici), Nessuna chimera Mescola dolcezza, tristezza e stupidità con un tocco lirico. Inoltre, è attraverso gli occhi stanchi e turbati di O'Connor – e l'uso occasionale del linguaggio dei segni da parte di Arthur per comunicare con l'Italia – che Arthur trasmette i suoi sentimenti complessi riguardo al tangibile e all'intangibile senza pronunciare una sola parola.