Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio sul cambiamento climatico pone una data di scadenza su tutti i mammiferi

Lo studio sul cambiamento climatico pone una data di scadenza su tutti i mammiferi

Un nuovo studio mostra che il riscaldamento globale senza precedenti spazzerà via tutti i mammiferi durante un evento di estinzione di massa tra circa 250 milioni di anni.

Secondo una ricerca sui cambiamenti climatici pubblicata lunedì sulla rivista, si prevede che i continenti del mondo alla fine si fonderanno nuovamente per formare un supercontinente estremamente caldo, secco e in gran parte inabitabile chiamato Pangea Ultima. Scienze naturali della terra.

Il cambiamento climatico che si verifica nel corso di migliaia di anni è diverso dalla crisi climatica provocata dall’uomo, causata in gran parte dall’uso di combustibili fossili.

Simulazioni del lontano futuro effettuate tramite supercomputer sono state utilizzate dagli scienziati, compresi quelli dell’Università di Bristol, per mostrare come le temperature globali potrebbero aumentare ulteriormente man mano che il Sole splende più luminoso ed emette più energia.

Si prevede che il movimento delle placche tettoniche della Terra porterà anche alla formazione di un altro supercontinente, che potrebbe innescare frequenti eruzioni vulcaniche per produrre massicci rilasci di anidride carbonica nell’atmosfera, riscaldando ulteriormente il pianeta, hanno detto i ricercatori.

Fino ad ora i mammiferi, compreso l’uomo, sono riusciti a sopravvivere sulla terra grazie alla loro capacità di adattarsi alle fluttuazioni meteorologiche attraverso adattamenti come la pelliccia e l’ibernazione al freddo, nonché brevi periodi di ibernazione.

Sebbene i mammiferi si siano adattati per sopravvivere alle temperature fredde, la loro capacità di tollerare temperature più elevate è rimasta costante nel corso di milioni di anni della loro evoluzione.

READ  I residenti sono frustrati dal fatto che la contea di Sacramento rimanga al livello rosso limitato per COVID-19

Pertanto, superare il calore estremo prolungato, come previsto dalla simulazione, è molto più difficile, rendendo la Terra inabitabile per i mammiferi.

“Un supercontinente appena emergente creerebbe effettivamente un triplo smacco, che coinvolgerebbe un effetto continentale, un sole più caldo e più anidride carbonica”.2 “Nell’atmosfera, ciò porta ad un aumento del calore su gran parte del pianeta”, ha affermato l’autore principale Alexander Farnsworth dell’Università di Bristol.

Il risultato è un pianeta “per lo più ostile” privo di fonti di cibo e acqua per i mammiferi, hanno detto i ricercatori.

Il dottor Farnsworth ha dichiarato: “Le temperature diffuse tra 40 e 50 gradi Celsius, e anche gli estremi giornalieri, combinati con alti livelli di umidità, determineranno alla fine il nostro destino”.

“Gli esseri umani, insieme a molte altre specie, moriranno a causa della loro incapacità di liberarsi del calore attraverso il sudore e di rinfrescare i loro corpi”, ha detto.

L’immagine mostra la temperatura media mensile più calda (°C) della Terra e del supercontinente proiettato (Pangea Ultima) 250 milioni di anni fa, quando sarebbe stato difficile sopravvivere per quasi tutti i mammiferi

(Università di Bristol)

Le simulazioni effettuate al supercomputer suggeriscono che il pianeta potrebbe rimanere in gran parte abitabile fino a quando la massa terrestre non cambierà in un futuro profondo.

Ma quando si formerà il supercontinente, la ricerca suggerisce che solo tra l’8 e il 16% della superficie terrestre sarà abitabile per i mammiferi.

Nello studio, gli scienziati hanno applicato modelli climatici che simulano le tendenze di temperature, venti, precipitazioni e umidità a Pangea Ultima che dovrebbero formarsi nei prossimi 250 milioni di anni.

Hanno anche utilizzato modelli di tettonica a placche, nonché di chimica e biologia degli oceani per prevedere i futuri livelli di anidride carbonica.

READ  Impulsi laser da record consentono di studiare i fenomeni astrofisici in laboratorio

Un’immagine che mostra la geografia della Terra oggi e la geografia prevista della Terra tra 250 milioni di anni, quando tutti i continenti convergono in un unico supercontinente.

(Università di Bristol)

Tuttavia, i ricercatori hanno sottolineato che è importante non perdere di vista l’attuale crisi climatica globale causata dalle emissioni umane di gas serra.

“Mentre ci aspettiamo che il pianeta sarà inabitabile tra 250 milioni di anni, oggi stiamo già assistendo a un caldo estremo che danneggia la salute umana. Ecco perché è importante raggiungere l’obiettivo di emissioni nette pari a zero il prima possibile”, ha affermato Eunice Lu, co- autore dello studio.

“Crediamo che il CO2 Potrebbe aumentare dalle circa 400 parti per milione (ppm) di oggi a oltre 600 ppm milioni di anni in futuro. “Naturalmente, ciò presuppone che gli esseri umani smetteranno di bruciare combustibili fossili, altrimenti vedremmo questi numeri molto prima”, ha affermato Benjamin Mills, un altro autore dello studio dell’Università di Leeds.

I risultati hanno anche implicazioni per la ricerca di altri pianeti abitabili, suggerendo che la disposizione della massa continentale di un mondo lontano potrebbe essere un fattore chiave nel determinare quanto sia abitabile per gli esseri umani.

“Le prospettive per il lontano futuro sembrano molto cupe. I livelli di anidride carbonica potrebbero essere il doppio dei livelli attuali”, ha affermato il dottor Farnsworth.

“Con il Sole che si prevede emetterà circa il 2,5% di radiazioni aggiuntive e il supercontinente situato principalmente in regioni tropicali calde e umide, gran parte del pianeta potrebbe sperimentare temperature comprese tra 40 e 70 gradi Celsius”, ha affermato.