Dicembre 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio suggerisce che l’HDL, o colesterolo “buono”, è meno benefico di quanto si pensasse in precedenza, soprattutto per gli adulti neri



Cnn

Secondo una nuova ricerca finanziata dal National Institutes of Health, le lipoproteine ​​ad alta densità, o colesterolo HDL, spesso indicato come il colesterolo “buono”, potrebbero non essere così utili nel prevedere il rischio e proteggere dalle malattie cardiache come si pensava in precedenza. .

Uno studio degli anni ’70 ha rilevato che livelli più elevati di concentrazione di colesterolo HDL (high-density lipoprotein) erano associati a un minor rischio di malattia coronarica, un legame che è stato ampiamente accettato e utilizzato nelle valutazioni del rischio di malattie cardiache. Tuttavia, solo gli americani bianchi sono stati inclusi in quello studio.

Attualmente, Ricerca Uno studio pubblicato lunedì sul Journal of the American College of Cardiology ha rilevato che livelli più bassi di colesterolo HDL erano associati a un aumento del rischio di infarto tra gli adulti bianchi, ma lo stesso non era vero tra gli adulti neri. Inoltre, non è stato riscontrato che livelli più elevati di colesterolo hdl riducano il rischio di malattie cardiovascolari per entrambi i gruppi.

“È risaputo che bassi livelli di colesterolo HDL sono dannosi, indipendentemente dalla razza. La nostra ricerca ha testato questi presupposti”, ha affermato Natalie Pamir, autrice senior dello studio e assistente professore di medicina presso il Knight Heart and Vascular Institute dell’Oregon Health & Science. Università, a Portland. Nuova versione. “Potrebbe significare che, in futuro, non saremo accarezzati dai nostri medici per avere alti livelli di colesterolo HDL”.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di migliaia di persone che sono state arruolate nel gruppo Cause di differenze geografiche e razziali nell’ictus (REGARDS). I partecipanti avevano almeno 45 anni quando si sono iscritti al programma tra il 2003 e il 2007 e la loro salute è stata analizzata su una media di 10 anni.

I ricercatori hanno scoperto che livelli elevati di colesterolo e trigliceridi delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) erano “modesti” predittori di rischio di malattie cardiache sia tra gli adulti bianchi che neri.

Ma suggeriscono che è necessario più lavoro per comprendere le ragioni delle differenze etniche nell’associazione tra HDL e rischio di malattie cardiache.

Nel frattempo, le attuali valutazioni cliniche del rischio di malattie cardiache “possono stratificare il rischio negli adulti neri, il che può ostacolare programmi ottimali di prevenzione e gestione delle malattie cardiovascolari per questo gruppo”, scrivono.

La corrispondente medica della CNN, la dottoressa Tara Narula, direttrice associata del Lenox Hill Women’s Heart Program, ha affermato che lo studio “mette in evidenza l’importantissima necessità di ulteriori ricerche specifiche su razza ed etnia e che non esiste un approccio unico per tutti. .. Inoltre, questa ricerca sottolinea il continuo bisogno di educazione che alti livelli di HDL non sono liberi e l’attenzione dovrebbe essere posta sul controllo di LDL elevati e altri marcatori noti di aumento del rischio cardiovascolare.

READ  Una nuova scoperta rivela il motivo dei diversi colori di Urano e Nettuno