Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio mostra che l’esercizio o la dieta da soli non sono sufficienti per prevenire le malattie

Una nuova ricerca mostra che il cibo sano o l’esercizio fisico da soli non sono sufficienti per prevenire le malattie croniche. Contrariamente alla credenza popolare, non puoi superare le perdite di una cattiva alimentazione e un’alimentazione sana, da sola, non preverrà le malattie.

La maggior parte delle persone sa che l’esercizio fisico e mangiare bene sono essenziali per la salute generale. Ma il Ha pubblicato uno studio completo Questa settimana sul British Journal of Sports Medicine riporta che andare in palestra non annullerà le conseguenze del consumo di cibi grassi e mangiare cavoli di base non può annullare le abitudini di inattività.

Gli autori dello studio hanno scritto: “Titoli erotici e pubblicità ingannevoli sui regimi di esercizio per attirare i consumatori nell’idea di ‘esercizio per mangiare quello che vogliono’ hanno portato a un mito diffuso sull'”esercizio oltre una cattiva dieta’”.

ex studi sugli animali così come Poche persone Ha sostenuto questo, suggerendo che un esercizio faticoso, almeno a breve termine, può contrastare gli effetti dell’eccesso di cibo.

Quindi un team internazionale di ricercatori ha esaminato i dati di quasi 350.000 partecipanti raccolti dalla biobanca britannica, un enorme database medico contenente informazioni sulla salute di persone in tutta la Gran Bretagna, e li ha seguiti per oltre un decennio. I partecipanti allo studio, di età media 57 anni, erano sani all’inizio dello studio, il che significa che non erano state diagnosticate condizioni come malattie cardiovascolari, cancro o dolore cronico.

Analizzando i questionari auto-riferiti, gli esperti hanno diviso la dieta delle persone in base alla qualità. Ad esempio, le diete di alta qualità contengono almeno 4,5 tazze di frutta e verdura al giorno, due o più porzioni di pesce a settimana, meno di due porzioni di carne lavorata a settimana e non più di cinque porzioni di carne rossa a settimana. Melody Deng, autrice principale dello studio e assistente professore all’Università di Sydney, ha affermato che lo studio non ha misurato alimenti discrezionali come bibite o dolci.

READ  Una nuova spaventosa specie di Stegosauro potrebbe essere la più antica scoperta al mondo

I ricercatori hanno anche misurato i livelli di attività utilizzando le risposte di un altro questionario che chiedeva i minuti totali trascorsi dai partecipanti camminando e svolgendo un’attività fisica moderata, come trasportare carichi leggeri o andare in bicicletta a un ritmo costante, e un’attività fisica vigorosa che è durata più di 10 minuti a un tempo. volta. Gli autori hanno scritto che è stato il primo studio a esaminare la dieta e l’esercizio fisico combinati con la mortalità generale e specifiche malattie mortali, come il cancro.

Non sorprende che le persone con livelli più elevati di attività fisica e diete di migliore qualità avessero meno probabilità di morire. I livelli di attività fisica in generale erano associati a un minor rischio di morte, ma coloro che si esercitavano regolarmente – il tipo che fa sudare – avevano meno probabilità di morire per malattie cardiovascolari. Anche solo 10-75 minuti a settimana hanno fatto la differenza.

Non importa quale sia la tua dieta, il dottor Ding ha detto: “L’attività fisica è importante. Qualunque sia la tua attività fisica, la dieta è importante”.

“Qualsiasi esercizio è protettivo”, ha affermato Salvador Portugal, esperto di salute sportiva e assistente professore presso il Dipartimento di Medicina Riabilitativa presso la NYU Langone Health, che non è stato coinvolto nello studio. Ma ha aggiunto che non puoi semplicemente fare affidamento sul tuo esercizio per mantenere una buona salute.

La dott.ssa Tamanna Singh, co-direttore del Center for Sports Cardiology presso la Cleveland Clinic, che non è stata coinvolta nello studio, sottolinea che questi risultati confermano ciò che molti medici hanno visto nella pratica. Ad esempio, ha detto, ci sono molte componenti della salute del cuore e “il miglioramento di una cosa non migliorerà necessariamente il rischio di malattie cardiovascolari”.

READ  Il cambiamento climatico e la luna stanno collaborando per creare inondazioni record sulla Terra

Ha detto di vedere pazienti che si classificano come atleti dilettanti o professionisti e sono scioccati quando soffrono di malattie cardiovascolari, senza pensare alla loro dieta. “Spesso vengono da me dopo un evento e mi dicono: ‘Mi alleno molto. Perché ho avuto un infarto? “

D’altra parte, anche quelli con la dieta più nutriente nello studio hanno visto risultati significativamente peggiori senza alcuna forma di regime di fitness regolare.

Il dottor Singh ha detto che ciò non significa che le persone non possano automedicarsi dopo l’esercizio. (Anche lei è una maratoneta e guarda i nachos dopo una lunga distanza.) “Se sei, per lo più, intenzionale su ciò che metti nel tuo corpo e intenzionale su come muovi il tuo corpo, stai facendo abbastanza. “

Il dottor Ding ha affermato che lo studio sottolinea l’importanza di considerare il cibo e l’esercizio fisico come componenti della salute generale, piuttosto che contare quante miglia possono “eliminare” un biscotto.

“Non si tratta solo di bruciare calorie”, ha detto. “Dobbiamo cambiare questo modo di pensare”.