Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo studio ha scoperto che pochi minuti di attività intensa possono aiutare il tuo cervello

Nota dell’editore: Chiedi consiglio al tuo medico prima di iniziare un programma di esercizi.



Cnn

E se potessi guardare tutte le cose che fai ogni giorno – camminare da una stanza all’altra, preparare una presentazione alla tua scrivania, correre su e giù per le scale consegnando il bucato piegato o correre intorno all’isolato – e vedere quali ti aiutano meglio o fanno male il tuo cervello?

Un nuovo studio ha tentato di rispondere a questa domanda collegando monitor di attività alle cosce di quasi 4.500 persone nel Regno Unito e monitorando i loro movimenti 24 ore su 24 per sette giorni. I ricercatori hanno quindi esaminato in che modo il comportamento dei partecipanti ha influenzato la loro memoria a breve termine, la risoluzione dei problemi e le capacità di elaborazione.

Ecco la buona notizia: le persone che hanno trascorso “piccoli periodi di tempo in attività più vigorose – meno di 6-9 minuti – rispetto allo stare seduti, a dormire o ad attività leggere avevano punteggi cognitivi più alti”, ha detto l’autore dello studio John Mitchell, un ricercatore medico. Studente di dottorato nel Training Board dell’Institute of Sport, Exercise and Health presso l’University College di Londra, in una e-mail.

L’attività fisica moderata è solitamente definita come camminare a ritmo sostenuto, andare in bicicletta o fare jogging su e giù per le scale. I movimenti vigorosi, come la danza aerobica, il jogging, la corsa, il nuoto e il ciclismo in salita, aumenteranno il battito cardiaco e la frequenza respiratoria.

studiando, Sono stati pubblicati lunedì sul Journal of Epidemiology and Community Healthè stato scoperto che fare poco meno di 10 minuti di sforzo da moderato a vigoroso ogni giorno ha migliorato la memoria di lavoro dei partecipanti allo studio, ma ha avuto il maggiore impatto sui processi esecutivi come la pianificazione e l’organizzazione.

Mitchell ha affermato che il miglioramento cognitivo è stato modesto, ma con il tempo extra trascorso facendo esercizi più vigorosi, i benefici sono aumentati.

“Poiché non monitoriamo la cognizione dei partecipanti per molti anni, questo potrebbe semplicemente essere dovuto al fatto che quegli individui che si muovono di più tendono ad avere una cognizione più alta in media”, ha detto. “Tuttavia, sì, potrebbe anche significare che anche piccoli cambiamenti nella nostra vita quotidiana possono avere conseguenze negative per la nostra cognizione”.

Stephen Malin, professore associato presso il Dipartimento di Kinesiologia e Salute della Rutgers University nel New Jersey, ha dichiarato alla CNN che lo studio fornisce nuove informazioni su come l’attività interagisce con il comportamento sedentario e con il sonno.

“La comprensione dell’interazione tra sonno e varie attività fisiche spesso non viene esaminata”, ha affermato Mallen, che non è stato coinvolto nel nuovo studio.

Sebbene lo studio presenti alcuni limiti, inclusa la mancanza di conoscenza della salute dei partecipanti, i risultati mostrano come “accumulare schemi di movimento in un giorno, una settimana o un mese sia altrettanto, se non più importante, che uscire per una sola sessione di esercizio.” “.

C’erano anche cattive notizie: trascorrere più tempo dormendo, seduti o facendo solo movimenti leggeri era associato a un effetto negativo sul cervello. Lo studio ha rilevato che la cognizione è diminuita dall’1% al 2% dopo aver sostituito una porzione equivalente di attività fisica da moderata a vigorosa con otto minuti di comportamento sedentario, sei minuti di intensità luminosa o sette minuti di sonno.

“Nella maggior parte dei casi, abbiamo dimostrato che meno di 7-10 minuti di MVPA (attività fisica da moderata a vigorosa) erano dannosi”, ha affermato Mitchell.

Mitchell ha sottolineato che questo cambiamento è solo un’associazione, piuttosto che una causa ed effetto, a causa dei metodi di osservazione dello studio.

Inoltre, ha affermato, i risultati dello studio sul sonno non possono essere presi per oro colato. Un buon sonno è fondamentale affinché il cervello funzioni al massimo delle prestazioni.

“Le prove dell’importanza del sonno per le prestazioni cognitive sono forti”, ha detto Mitchell, “ma ci sono due importanti avvertimenti. In primo luogo, il sonno eccessivo può essere collegato a prestazioni cognitive peggiori.

In secondo luogo, la qualità del sonno può essere più importante della sua durata. I nostri accelerometri possono stimare per quanto tempo le persone hanno dormito, ma non possono dirci quanto hanno dormito bene”.

Ulteriori studi devono essere fatti per verificare questi risultati e per comprendere il ruolo di ogni tipo di attività. Tuttavia, ha affermato Mitchell, lo studio “mette in evidenza come differenze molto modeste nel movimento quotidiano delle persone, meno di 10 minuti, siano associate a cambiamenti molto reali nella nostra salute cognitiva”.

READ  Un ospedale del Missouri affronta una carenza di ventilatori a causa della diffusione del virus Corona