Luglio 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo sciopero impedisce agli attori di promuovere film alle anteprime o ai festival

Lo sciopero impedisce agli attori di promuovere film alle anteprime o ai festival

È già stato un anno difficile per le sale cinematografiche, con il botteghino nordamericano in calo di quasi il 20% rispetto a un anno fa. Ed era allora che gli attori potevano promuovere i loro film.

Con SAG-AFTRA, il sindacato degli attori, in sciopero da venerdì, ai suoi 160.000 membri è ufficialmente vietato non solo di recitare in progetti che coinvolgono i principali studi di Hollywood, ma anche di impegnarsi in qualsiasi attività pubblicitaria per film e programmi TV che erano già in posto. completare.

Ciò significa nessuna apparizione, né online né di persona, incluso il prossimo Comic-Con International di San Diego, diversi festival cinematografici autunnali e anteprime cinematografiche o eventi promozionali televisivi. All’inizio di questa settimana, i funzionari di SAG-AFTRA hanno tenuto telefonate con le principali agenzie e sostenitori di Hollywood per spiegare le regole dello sciopero sia per la produzione che per la promozione dei prossimi progetti. E giovedì, dopo aver annunciato lo sciopero, il sindacato ha emanato le regole per la sua adesione.

“Sarà costoso, perché l’unico altro modo per compensare la mancanza di pubblicità è comprare più clamore”, ha detto Terry Press, un esperto di marketing di Hollywood. “Quando non hai alcuna forma di pubblicità, ed è più o meno gratuita, devi provare a creare quell’hype. Dopotutto, è costosa, soprattutto in estate, quando c’è pochissima pubblicità che puoi effettivamente comprare che ti attirare grandi gruppi di persone.persone.

Sarebbe anche imbarazzante. Ciò era evidente ancor prima che il sindacato degli attori annunciasse giovedì che avrebbe acconsentito allo sciopero. Poche ore prima, il film “Oppenheimer” con Christopher Nolan era in anteprima a Londra.

READ  Il nuovo festival gastronomico di NJ.com si svolgerà questo fine settimana. Consulta l'elenco finale dei fornitori.

Oppenheimer è uno dei film più attesi dell’estate, con i proprietari di teatri in difficoltà che indicano il film – insieme a Barbie di Greta Gerwig e l’ultimo capitolo Mission: Impossible con Tom Cruise – come uno che potrebbe essere pompato. .

Ma alla prima all’Odeon Theatre di Leicester Square, era chiaro che lo sciopero avrebbe avuto effetto. Innanzitutto, è aumentata di un’ora, quindi un cast pieno di nomi audaci, tra cui Matt Damon, Emily Blunt, Robert Downey Jr., Florence Pugh e Cillian Murphy, può camminare sul tappeto rosso. Poi se ne vanno tutti prima dell’inizio dello spettacolo, in solidarietà con il sindacato.

“Sono andati a scrivere i loro cartelli per sedersi”, ha scherzato il signor Nolan alla folla di 800 persone.

La Universal Pictures ha detto che lunedì terrà ancora la premiere di “Oppenheimer” a New York, ma che nessuno degli attori sarà presente.

La mancanza di anteprime rumorose e il consueto giro di pubblicità per i film è una preoccupazione per l’industria cinematografica che sperava di rilanciare gli affari nella seconda metà dell’anno.

Lo sciopero è anche preoccupante per il circuito dei festival cinematografici autunnali, che fa affidamento su attori che si presentano di persona per promuovere i loro film di prestigio diretti verso la stagione dei premi. “Questi film, tutti nel circuito dei festival, non sono altro che pubblicità”, ha detto la signora Brace.

Gli attori in cerca dell’oro agli Oscar di solito fanno il pellegrinaggio in Italia per la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia alla fine di agosto, poi si dirigono in Colorado per il Telluride Film Festival e poi in Canada per il Toronto International Film Festival, le tre prime tappe della campagna elettorale .

READ  Coppa del mondo di rugby 2023: il miglior segno per le prospettive degli All Blacks dopo la vittoria sull'Italia - Phil Gifford

“La grammatica della realizzazione di quei film richiede il circuito dei festival”, ha affermato Ms. Press. “Questo è quando penso che inizierai a sperimentare serie ripercussioni.”

Anche la TV ne risente. Sebbene le nomination agli Emmy siano state annunciate mercoledì, nessuno degli attori nominati sarà in grado di promuovere il proprio lavoro. Alla domanda su come lo spettacolo di premiazione – che dovrebbe svolgersi a settembre ma che probabilmente verrà rinviato se lo sciopero si protrarrà – sarà influenzato dallo sciopero, il capo negoziatore Duncan Crabtree ha dichiarato: “Le nostre regole sullo sciopero non consentiranno alcuna forma di promozione della TV serie o serie in streaming prodotte in base a questi contratti. Mi aspetto che la partecipazione di qualsiasi attore a una campagna per gli Emmy finisca “.