Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo scenografo Bardot ha chiesto perché il set di interruttori è stato scaricato

Lo scenografo Bardot ha chiesto perché il set di interruttori è stato scaricato

Con l’uscita di Alejandro G.Bardot: registrazioni fasulle di una manciata di fatti” Netflix Invita gli ospiti a sperimentare i luoghi e i suoni più personali del film del regista premio Oscar.

Attraverso una serie di discorsi, il pubblico ha appreso di più sul design e l’artigianato del progetto e ha avuto l’opportunità di vedere concept art, costumi e pezzi delle collezioni.

Daniel Jimenez Cacho interpreta Silverio Gama, giornalista e documentarista messicano che vive a Los Angeles. Silverio si ritrova in un viaggio surreale nei ricordi e nei sogni quando torna in Messico dopo molti anni.

“Bardo, False Chronicles of a Handful of Truths” sarà trasmesso in streaming in tutto il mondo su Netflix a partire dal 16 dicembre.

Il direttore della fotografia Darius Khondji ha accettato di lavorare al film senza leggere la sceneggiatura

Darius Khondji ha lavorato a film da “Seven” a “Uncut Gems”, e ha ricevuto una nomination all’Oscar per “Evita” nel 1996. Si siede con DP e moderatore Erik Messerschmidt (“Mank”), e Khondji dice di aver incontrato Iñárritu tre volte per discutere il progetto ed era pronto a firmare prima che la sceneggiatura fosse letta.

Il direttore della fotografia franco-iraniano descrive i suoi primi incontri con il regista come “profondi” e “lucidi”. Ricorda le prime conversazioni in cui Iñárritu “mi parlava della sua vita in America e in Messico, e sempre più ero profondamente attratto dal film”.

Quando finalmente ha letto la sceneggiatura, è rimasto stupito dalla sua complessità e bellezza. Khunji dice: “Il testo era, in verità, uno dei più grandi o forse Il Il più bel testo che abbia mai letto. Era un libro sulla vita”.

Bardot è come una vecchia produzione di Hollywood

La fase di pianificazione e pre-produzione di “Bardot” ha richiesto diversi mesi e, secondo Khondji, Iñárritu aveva un design molto chiaro. Uno degli elementi decisi all’inizio è stato girare l’intero film in 65mm, una sfida entusiasmante che ha dato l’opportunità a una troupe di diverse nazionalità di lavorare insieme. “Era come un’orchestra”, lo descrive Khonji.

READ  Cassetti è stato nominato professore di scienze umane, film e studi sui media dalla Sterling

La preparazione è vitale per una produzione come questa e Khondji ricorda: “Tutto era sotto controllo. Sapevamo esattamente dove sarebbe stata la telecamera. Sono state apportate alcune modifiche, ma tutto era già stato preparato”. Naturalmente, ci sono sempre delle sorprese una volta che le cineprese iniziano a girare. “Di giorno in giorno, giri e ci sono cose che ti rendi conto che la cinepresa non può fare”, dice.

La vecchia Hollywood e gli artisti surrealisti erano riferimenti per l’apparizione pubblica

La storia di Silverio ha una qualità surreale, e c’erano molti film e artisti dell’inizio del 20° secolo che sono serviti come riferimenti per creare il look giusto. Khondji descrive la qualità dell’aria trasparente del Messico e si è trovato ispirato dalla fotografia a colori di Vivian Maier.

Khondji e Iñárritu hanno anche esaminato il lavoro del pittore belga Paul Delvaux, del pittore italiano Giorgio de Chirico e del regista svedese Roy Andersson. Anche i film classici hanno aiutato quando si trattava di trovare la cadenza giusta per il lavoro della telecamera. Particolarmente utili sono stati “8 ½” e “All That Jazz” di Fellini.

“Le referenze sono come amici intorno a te”, spiega Khonji. “Sono come gli spiriti. Non dovresti mai usarli alla lettera. Viaggi con loro e loro sono con te.” Messerschmidt aggiunge: “È un modo per iniziare una conversazione, non per concluderla”.

L’appartamento di Silverio è stato allagato, prosciugato e poi trasportato a 300 km di distanza

Uno dei luoghi che ha un posto di rilievo in “Bardo” e l’esperienza del personaggio principale Silverio è il suo appartamento a Città del Messico. Per dare vita allo scenario, lo scenografo Eugenio Caballero ha costruito in studio quella che lui chiama una “scatola cinematografica”. Il set è progettato per essere completamente contenuto, con cavi e telecamere nascosti.

READ  Edward Norton non ha avuto scelta quando ha recitato in The Italian Job

Per un momento cruciale del film, l’appartamento è stato allagato e il design di Caballero ha permesso di sommergere completamente il set per gli effetti della cinepresa piuttosto che per la CGI. Lo scenario è complesso e comprende pareti che si aprono e si chiudono su cardini, carrucole e altri meccanismi. Il gruppo comprendeva anche dighe per deviare l’acqua in direzioni specifiche.

Dopo aver filmato la sequenza dell’alluvione, l’intero set è stato prosciugato e trasportato dallo studio di Città del Messico e ricostruito nel deserto della Baja California, a 300 chilometri di distanza. Caballeros afferma: “Avevamo questa Terra piatta e la luce era davvero speciale. Penso che fosse molto importante per il film”.

Il treno nel film è basato sulla Santa Monica Line

Alejandro G. Iñárritu e Eugenio Caballero sul treno usato nel film.
Immagini Getty per Netflix

Un altro set importante è stato il treno di Santa Monica, dove Silverio incontra un’altra sorprendente sequenza di eventi. Secondo Caballero, l’intero treno è stato costruito da zero. Non potevano usare un vero treno perché anche questo set sarebbe stato allagato. Il design era basato su un vero treno di Santa Monica, anche se spiega: “L’abbiamo leggermente modificato in termini di colori o in termini di dove dovevano essere i finestrini per rendere più comodo lo scatto”.

Hanno costruito il treno su una piattaforma di molle per simulare il movimento. I visitatori della Pardo Experience hanno avuto l’opportunità di salire su un treno portato dal Messico per l’evento. In realtà ha replicato l’esperienza di guida nella metropolitana di Los Angeles, incluse immagini simulate fuori dai finestrini.

Il suono appropriato dei corpi che cadono

A un certo punto del suo vagare onirico, Silverio incontra persone cadute improvvisamente, senza vita, per strada. Gli oggetti che cadevano creavano suoni molto specifici e rappresentavano una sfida interessante per il team del suono per trovare il ritmo e l’effetto giusti. La chiave era trovare un suono che fosse leggermente amplificato e non troppo reale, come la ri-registrazione del mixer di John Taylor.

Il processo ha comportato la determinazione del numero di punti di impatto in cui ogni persona è caduta, nonché la dimensione di ciascuna caduta. Per garantire che tutti coloro che cadono siano inclusi nel sound design, Iñárritu utilizza un puntatore laser sul palco per indicare le persone che hanno bisogno di più o meno suono ea volumi più alti o più bassi.

Dice Taylor: “Continuò a cambiare un po’, per ottenere ciò che sembrava reale e ciò che non era un po’ irreale. E penso che siamo finiti un po’ più sul lato leggermente irreale”.

Il film viene girato molto prima di essere girato

Alejandro G. Iñárritu e Chloe Zhao condividono appunti sulla regia
Immagini Getty per Netflix

Due registi vincitori dell’Oscar, Alejandro Iñárritu e Chloe Chao (“Nomadland”), discutono dell’intero processo di realizzazione del film. Come lo descrive Iñárritu, “Quando arrivi a fare un film, fai solo il film. È stato girato due o tre anni fa”. Lo ha paragonato a un musicista che suona un concerto dopo anni di pratica molte ore al giorno.

Concorda sul fatto che ci sono cose che possono accadere in un momento sul set e qualsiasi film può prestarsi all’improvvisazione. “Ma”, avverte, “non puoi contare tutto il tempo su di esso perché accade una volta ogni dieci volte e poi nove volte tutta l’improvvisazione va a rotoli. La pre-produzione è molto importante”.

Il futuro del cinema è un esperimento

Alla domanda sul futuro del cinema, Iñárritu ha condiviso la sua principale preoccupazione. “Voglio che le persone sperimentino le cose”, dice. “Non esiste una brutta o una bella esperienza. È un’esperienza. Cerco di trovare un linguaggio o un modo grammaticale per entrare negli schemi delle persone e far loro vivere un’esperienza attraverso il cinema. Posso fallire, ma anche fallire è meglio che non provarci .”