Luglio 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’italiana Meloni nega la disputa del G7 sull’aborto

L’italiana Meloni nega la disputa del G7 sull’aborto

PARI, Italia, 15 giugno – Il primo ministro italiano di estrema destra Giorgia Meloni, ospite del vertice del G7, ha negato oggi che non vi sia alcuna controversia sull’esclusione della parola aborto dalla dichiarazione dei leader.

In una dichiarazione rilasciata dopo il vertice di Hiroshima, in Giappone, lo scorso anno i leader delle democrazie ricche del Gruppo dei Sette hanno promesso “l’accesso all’aborto sicuro e legale”.

Pubblicità

Pubblicità

Ma quel riferimento non è apparso nella dichiarazione finale concordata al vertice di quest’anno in Puglia, in Italia – i diplomatici hanno incolpato la Meloni.

“La disputa è completamente strutturata, non c’è discussione al vertice… perché non c’è niente per cui litigare”, ha insistito nella conferenza stampa al termine del vertice.

Il G7 è composto dai leader di Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Giappone, Stati Uniti e Italia.

Il loro rapporto finale ha ribadito gli “impegni contenuti nella Dichiarazione dei leader di Hiroshima per l’accesso universale a servizi sanitari adeguati, convenienti e di qualità per le donne, compresi la salute sessuale e riproduttiva e i diritti per tutti”.

Meloney ha detto: “Di solito in questi documenti si fa riferimento a documenti precedenti per evitare di ripetere qualcosa”.

“Ciò che è già dato per scontato non si ripete a parole”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti e la Francia hanno reagito dopo la notizia secondo cui Meloni – un leader di estrema destra anti-aborto – stava cercando di annacquare il linguaggio sui diritti delle donne.

Un alto funzionario dell’UE aveva precedentemente confermato che i tentativi di utilizzare una formulazione più esplicita erano falliti.

La vicenda ha scatenato una lite diplomatica tra la Meloni e il presidente liberale francese Emmanuel Macron.

READ  Giannis Antetokounmpo guida la Grecia ai quarti di finale di EuroBasket; La Serbia preferita, Nikola Jokic è stata eliminata

Interrogato da un giornalista italiano sulla formulazione dell’aborto, Macron ha osservato che il parlamento francese ha recentemente votato per includere il diritto all’aborto nella costituzione francese.

“Questi non sono gli stessi sentimenti che esistono oggi nel vostro Paese… Mi dispiace, ma lo rispetto perché è la scelta sovrana del vostro popolo”, ha detto.

Meloni ha ribattuto, sottolineando che Macron dovrà affrontare le prossime elezioni legislative, affermando che è “profondamente sbagliato” utilizzare il vertice del G7 per “fare campagna”.

Sabato ha detto: “Capisco le ragioni per cui nascono queste polemiche, capisco perché vengono alimentate da alcuni, ma questo oggettivamente non è un problema”.

La Meloni ha sottolineato anche che non ci sono “passi indietro” sui diritti LGBTQ.

Il rapporto finale del G7 ha espresso “forte preoccupazione per la riduzione dei diritti delle donne, delle ragazze e delle persone LGBTQIA+ in tutto il mondo”.

Non è stata menzionata la questione dell’identità di genere come in Giappone. -AFP