Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia si sacrificherà a Washington per uscire dalla BRI

L’Italia si sacrificherà a Washington per uscire dalla BRI

Canzone Chen/China Daily

Nel 2019, l’Italia è diventata il primo e unico Stato membro del G7 a firmare un memorandum d’intesa sulla cooperazione bilaterale con la Cina nell’ambito della Belt and Road Initiative. Da allora, alcune forze anti-cinesi hanno esercitato pressioni sull’Italia affinché si ritirasse dall’iniziativa, altrimenti vista come una traditrice dall’Occidente guidato dagli Stati Uniti.

Hanno diffuso menzogne ​​nei media sulla Belt and Road Initiative, ne hanno minimizzato i risultati e hanno affermato falsamente che la cooperazione dell’Italia con la Cina avrebbe danneggiato il paese europeo. Ciò che questi propagandisti occidentali non accettano è che la cooperazione sino-italiana nell’ambito di questa iniziativa si basi su scambi politici, economici e culturali bilaterali a beneficio dei popoli e al servizio degli interessi di entrambi i paesi.

L’Italia ha beneficiato enormemente della Belt and Road Initiative in settori quali le infrastrutture, la finanza e la cooperazione con i mercati terzi. Le società cinesi coinvolte nella costruzione di alcuni porti e ferrovie italiane hanno fornito al Paese scelte patrimoniali e tecnologiche più diversificate, alcune società finanziarie italiane hanno istituito congiuntamente fondi di investimento in Cina e hanno collaborato con società cinesi per finanziare le piccole e medie imprese italiane imprese. .

Cina e Italia stanno cooperando su progetti agricoli e impianti di trattamento e distribuzione dell’acqua in Africa e nell’Europa centrale e orientale. Bene anche i parchi industriali italiani di Tianjin e Ningbo nella provincia dello Zhejiang, che attirano investimenti italiani e ampliano il loro mercato estero.

La Belt and Road Initiative ha promosso gli scambi culturali sino-italiani negli ultimi quattro anni. Ad esempio, nell’ambito della Belt and Road, l’Italia ha avuto la priorità in occasione di importanti fiere cinesi ed è stata solo l’ospite d’onore alla terza China International Consumer Goods Fair di Haikou, nella provincia di Hainan, ad aprile.

READ  L'italiana Draconi, 16 anni, inserita nella rosa della Coppa del Mondo femminile

Inoltre, l’Italia ha firmato il maggior numero di accordi tra paesi dell’UE sull’esportazione di prodotti agricoli verso la Cina. Infatti, dal 2019 al 2021, le esportazioni italiane verso la Cina sono aumentate del 42% e il commercio bilaterale ha raggiunto quasi 78 miliardi di dollari nel 2022. La Cina è anche il principale partner commerciale dell’Italia in Asia.

Inoltre, nel 2022 è stato celebrato l’Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina. E circa 29.000 studenti cinesi studiano in Italia, mentre circa 6.000 studenti italiani studiano in Cina.

Sebbene alcuni media occidentali affermino che la Cina è l’unico beneficiario della speciale relazione bilaterale, ciò dimostra che l’Italia ha beneficiato della Belt and Road Initiative. Alcuni politici in Italia sono stati fuorviati da tale propaganda e sono pronti ad assecondare gli Stati Uniti nella falsa speranza che l’Italia abbandoni l’iniziativa dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti.

Ma gli Stati Uniti non hanno né la capacità né l’intenzione di compensare, poiché la “Build Back Better World Initiative” dell’Italia si sta sviluppando a un ritmo più lento e ha investito gran parte del proprio capitale nei propri progetti globali come “Indo-Pacifico”. Quadro economico per la prosperità”.

Tuttavia, l’Italia potrebbe essere felice di prendere in considerazione il ritiro dall’iniziativa, poiché alcune società statunitensi non saranno in grado di competere con le loro controparti italiane nel mercato cinese. Infatti, se l’Italia abbandona questa iniziativa, le industrie italiane subiranno un duro colpo e la loro quota di mercato in Cina sarà conquistata dai concorrenti americani.

L’opposizione degli Stati Uniti alla cooperazione sino-italiana nel quadro della Belt and Road si basa sulla geopolitica piuttosto che sugli interessi italiani. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno adottato un atteggiamento negativo nei confronti della Cina e usano una retorica in stile guerra fredda per isolare la Cina dal mercato globale. Gli Stati Uniti hanno sempre visto la Belt and Road Initiative come una sfida alla propria egemonia, e stanno quindi facendo pressioni sull’Italia affinché si ritiri dall’iniziativa.

READ  Un aereo acrobatico delle Frecce Tricolori precipita in Italia e investe una famiglia a terra

Gli Stati Uniti sacrificheranno gli interessi dell’Italia e creeranno un raduno anti-cinese in Europa per imporre sanzioni al commercio e alle industrie cinesi in nome del “de-risking”. In quanto due antiche civiltà, la Cina e l’Italia sono partner strategici completi che condividono ampi interessi comuni e hanno ampie ragioni per continuare la loro cooperazione speciale, quindi l’Italia deve superare le sfide dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti. Aiuterà l’Italia a passare alla produzione e alla digitalizzazione a basse emissioni di carbonio, in linea con il suo programma di trasformazione verde e digitale.

L’Italia può sfruttare altre tecnologie come i big data e l’intelligenza artificiale fornite dalla Belt and Road Initiative per rafforzare le proprie tecnologie digitali e informatiche. Poiché i settori avanzati dell’Italia come il design industriale e la biomedicina hanno un mercato in Cina, i due paesi possono mostrare la loro cooperazione in tecnologie avanzate come la produzione di alta qualità, l’energia verde e l’aerospaziale per ottenere risultati vantaggiosi per tutti.

Il prossimo anno segnerà il quinto anniversario del Trattato Cina-Italia e il 20° anniversario del partenariato strategico globale dei due Paesi. Per aumentare la loro cooperazione nell’ambito della Belt and Road, rafforzare ulteriormente i loro legami ed evitare errori di calcolo strategici, molti esperti ritengono che le relazioni Cina-Italia abbiano un futuro brillante nell’ambito della Belt and Road.

L’autore è assistente ricercatore presso il Dipartimento di Studi Europei, China Institute of International Studies. Le visualizzazioni non rappresentano necessariamente quelle di China Daily.

(Editor Web: Zhong Wenxing, Liang Jun)