Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia si rivolge ai pastori kirghisi per rilanciare l’agricoltura in Sardegna

L’Italia si rivolge ai pastori kirghisi per rilanciare l’agricoltura in Sardegna

Apri Editor's Digest gratuitamente

Gli agricoltori italiani si sono rivolti ai loro omologhi dell’ex Repubblica sovietica del Kirghizistan per combattere la perdita delle tradizioni agricole nell’isola di Sardegna.

In un nuovo tentativo di risolvere i problemi dell’occupazione rurale, il gruppo italiano di commercio agricolo Coldiretti ha guardato a 6.000 miglia di distanza, in Kirghizistan, per assumere pastori esperti nelle specialità sarde, come la produzione del formaggio con latte di capra e di pecora, insieme all’allevamento di cavalli.

Lunedì la Coldiretti ha annunciato di aver siglato un accordo con il Ministero del Lavoro di Bishkek per consentire ai pastori locali e alle loro famiglie di lavorare con contratti di lavoro speciali nelle zone abbandonate della Sardegna.

L'accordo tra la Coldiretti e il governo kirghiso rappresenta il primo progetto pilota di questo tipo, e arriva mentre il ministro italiano dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida, invita l'Unione Europea a “difendere… [farming] Come asset strategico.

La Sardegna è famosa per la produzione di carne e latticini, nonché per le sue località balneari, ma la sua economia è stata danneggiata dalla partenza dei lavoratori dall’entroterra mentre le generazioni più giovani si spostano sulla terraferma in cerca di lavoro.

Negli anni '60, l'agricoltura rappresentava circa il 7-8% del PIL italiano, ma quando i giovani italiani iniziarono a evitare i lavori agricoli, le aziende e i dipartimenti locali si rivolsero a lavoratori stranieri. L’agricoltura rappresenta attualmente circa il 2% del PIL.

Negli ultimi quattro decenni, circa 10.000 immigrati Sikh provenienti dalla regione indiana del Punjab si sono stabiliti nel nord Italia e sono diventati la spina dorsale dell’allevamento lattiero-caseario locale, che comprende la produzione del parmigiano.

READ  Incursioni europee sui dispositivi di sconfitta nei motori diesel Suzuki

Altrove, l’agricoltura è stata afflitta da accuse di lavoro illegale e maltrattamenti nei confronti dei lavoratori. Nella Puglia meridionale, un gruppo di imprenditori locali è stato arrestato nel 2022 per aver sfruttato raccoglitori di pomodori provenienti da paesi africani che lavoravano illegalmente.

Il nuovo progetto pilota mira a dare lavoro a 100 cittadini kirghisi di età compresa tra i 18 e i 45 anni, con esperienza nel settore agricolo, da trasferire nelle zone rurali di Sassari, Barbagi e Sarapos. I loro visti saranno inizialmente temporanei, ma diventeranno permanenti dopo aver completato i programmi di formazione e apprendistato. Nel comunicato della Coldiretti si legge che i lavoratori kirghisi saranno supportati in Italia da “mediatori culturali”.

“Il progetto mira a contrastare l’abbandono delle aree rurali, colpite anche dall’invecchiamento della popolazione e dal basso tasso di natalità”, ha affermato la Coldiretti. A lungo termine, ha detto, “migliaia di stranieri” potrebbero trasferirsi nella zona.

L’Italia concede relativamente pochi visti di lavoro rispetto ad altri paesi europei, ma esperti e politici hanno affermato che il paese ha bisogno di lavoratori migranti per sostenere il proprio settore agricolo.

Secondo la Coldiretti 358.000 lavoratori stranieri provenienti da 164 paesi, compresi i lavoratori stagionali, lavorano legalmente nell'agricoltura italiana, rappresentando circa un quarto della forza lavoro del settore.

Anche il governo di destra italiano – che non è direttamente coinvolto nel programma pilota con il Kirghizistan – quest’anno si è mosso per vietare la produzione di carne artificiale nel tentativo di proteggere le tradizioni culinarie e l’industria agricola del paese.

Secondo i dati USAID, in Kirghizistan l’agricoltura impiega circa il 40% della forza lavoro e rappresenta un quinto del PIL. A differenza di molti paesi limitrofi post-sovietici, la maggior parte dell’agricoltura viene svolta in piccole aziende agricole a conduzione familiare.

READ  L'inviato italiano vede enormi possibilità di affari e investimenti - Pakistan

“Come altri paesi dell’Asia centrale che fanno affidamento sui flussi migratori verso la Russia, il Kirghizistan sta ora cercando di diversificare” la sua migrazione in uscita, ha affermato Timur Umarov, membro del Carnegie Eurasia-Russia Center che si concentra sui paesi dell’Asia centrale. Ha osservato che il Kirghizistan ha anche firmato un accordo nel 2022 per inviare lavoratori agricoli stagionali nel Regno Unito.

Segnalazione aggiuntiva di Anastasia Stoney