Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia sceglie l’opera al posto del caffè come candidata al riconoscimento del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

L’espresso potrebbe non fare la differenza, ma l’opera italiana cerca di essere riconosciuta dall’UNESCO nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Di fronte a una difficile scelta tra i due pilastri della cultura italiana in attesa del riconoscimento internazionale dell’UNESCO, il Comitato Nazionale Italiano per l’UNESCO ha deciso di portare avanti la candidatura per il canto lirico. Il “caffè” preferito d’Italia.

“Con la candidatura dell’opera italiana al patrimonio astratto mondiale, l’Italia punta a ottenere il riconoscimento di una delle sue espressioni culturali più autentiche e originali”, ha affermato il ministro della Cultura del Paese, Dario Francisini, dopo la conclusione della giuria.

Dall’Aida di Giuseppe Verdi alla Traviata di Giacomo Puccini, l’opera italiana è una delle più apprezzate e conosciute al mondo.

Il canto lirico in Italia nasce a Firenze nel 17° secolo, poi si diffonde in tutta la penisola italiana, fiorendo intorno a Napoli, cuore pulsante dell’opera italiana nel 18° secolo, e poi a Napoli, Roma e Venezia nel 19° secolo.

Potresti non parlare italiano tranne che per pizza e pasta, ma se ascolti musica, potresti aver usato parole come “alegro”, “adagio”, “vives” e “presticimo” – tutte le parole italiane sono un’antica tradizione musicale. Anche se non suoni musica, conosci altre parole italiane che si sono infiltrate nel vocabolario inglese che circonda la musica come opera, soprano e pianoforte.

Oggi l’industria lirica in Italia dà lavoro a più di 30.000 persone, tra cantanti, insegnanti, ricercatori, storici, compositori e registi. Il paese detiene anche il record mondiale per i teatri d’opera, con 60 vanti nel suo territorio.

Purtroppo, tra chiusure e restrizioni, l’opera è una delle zone più colpite d’Italia, e ora sembra Per un rinascimento.

READ  L'Italia esorta il presidente ucraino a sequestrare la nave misteriosa

Certo, ci sono altre grandi tradizioni operistiche in Europa – simili a quella francese e tedesca, ma niente a che fare con l’opera italiana, dice Stephen Lisner, il direttore francese del Teatro San Carlo di Napoli, che sostiene di essere il più antico teatro d’opera. Il mondo.

“Opera è nata in Italia”, ha spiegato Lisner. “Cantare in italiano… evoca la più grande emozione negli amanti dell’opera.”

A marzo, Lisnar ha fornito un esempio di un recente spettacolo dal Nabukopi di Verdi, “Come, Benciro”, di un cantante a Odessa, in Ucraina.

Descrivendo l’evento di Odessa, ha descritto “il canto dell’opera italiana è parte integrante del patrimonio culturale del mondo, un’ulteriore prova che fornisce luce, forza e bellezza nell’oscurità”.

La canzone ha un’elevata rilevanza politica, oltre che emotiva, poiché era usata come canzone dai patrioti italiani che combatterono contro l’occupazione austriaca nel XIX secolo.

“Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza [UNESCO] Le immagini dei cantanti lirici di Odessa che cantano “Wa, Pensiro” di Nabucco per le strade sotto la bandiera ucraina sono ancora in fase di nomina”, ha affermato Francescini, ministro della Cultura italiano.

Se l’asta italiana sarà accettata dall’UNESCO, l’opera italiana sarà riconosciuta il prossimo anno nella lista del patrimonio culturale più squisito del mondo.