Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia sarà il primo paese ad esentare l’arte NFT dall’IVA?

L’Italia sarà il primo paese ad esentare l’arte NFT dall’IVA?

Capire come tassare le risorse digitali e come gestire l’IVA quando gli NFT vengono venduti è ancora oggetto di riflessione da parte dei governi di tutto il mondo, ma l’Italia potrebbe diventare il primo paese a esentare gli NFT dall’IVA. David LingerfeldSenior Director, Imposte indirette SuoScopri cosa devono sapere le aziende:

Negli ultimi due anni, l’economia globale ha visto un costante aumento degli NFT. Man mano che gli NFT proliferano, dalla moda virtuale e le opere d’arte digitali al discorso politico, è chiaro che gli NFT sono qui per restare.

E per di più, Gardner l’ha predetto Entro il 2026, il 25% della popolazione Trascorre almeno un’ora al giorno su Metaverse, che sia per lavoro, e-commerce o intrattenimento. Gli NFT e le valute digitali giocheranno un ruolo sismico nella crescita dell’economia virtuale.

Sebbene le NFT siano ora un fenomeno globale, sono un argomento particolarmente caldo in Italia poiché i politici valutano se applicare o esentare le NFT dall’IVA. Il 15 giugno 2023, l’Agenzia delle Entrate italiana ha pubblicato una bozza di direttiva che esenta dall’IVA i NFT classificati come opera d’arte digitale originale. Se il progetto di direttiva sarà adottato e convertito in legge, l’Italia diventerà il primo paese a esentare legalmente le opere d’arte NFT dall’IVA.

Con l’espansione del mercato delle criptovalute per l’arte, è facile capire perché l’Italia voglia essere uno dei principali attori del settore. L’emanazione della legislazione per l’adozione di questo progetto di orientamento contribuirà a ridurre i costi di fare affari per gli artisti e far risparmiare ai collezionisti d’arte notevoli somme di denaro. I vantaggi per artisti e collezionisti potrebbero portare l’Italia sulla strada di una quota significativa del mercato mondiale dell’arte.

READ  Finale mondiale staffetta 4x1500M Open Water tra Australia e Italia

Tuttavia, mentre artisti e collezionisti beneficiano di questa legislazione in sospeso, è importante sapere che hanno ancora obblighi fiscali. Per le aziende che desiderano acquistare e vendere opere d’arte NFT, o per coloro che sono interessati a questa tendenza in aumento, ho delineato una guida su come diventare conformi alle tasse in questo mercato relativamente nuovo.

Tutta l’arte NFT è esente da IVA italiana.

I vantaggi dell’esenzione dell’opera d’arte NFT dall’IVA italiana sono facili da seguire. Ad esempio, supponiamo che un artista venda arte NFT originale per € 4.560. L’artista addebiterà 465 € di IVA in aggiunta a tale prezzo. Tuttavia, se la legge sull’esenzione viene approvata, l’acquirente non deve pagare l’IVA e l’artista non deve sostenere i costi di registrazione dell’IVA e di conformità.

Detto questo, non è così semplice. È importante notare che la proposta di esenzione IVA italiana per le opere d’arte NFT è molto specifica e non si applica a tutte le transazioni artistiche.

L’esenzione si applica solo agli NFT, compreso il trasferimento di opere d’arte digitali originali vendute dall’artista originale e i relativi diritti di proprietà. I commercianti di medie dimensioni e i trasferimenti di seconda mano di opere d’arte digitali sono ancora soggetti ai requisiti IVA dell’Italia. Le NFT che comportano il trasferimento del diritto o dei diritti a fruire economicamente di opere d’arte tangibili sono anch’esse soggette ad IVA italiana.

Le aziende devono far fronte a esigenze crescenti.

Guardando più in generale al continente, al comitato IVA dell’UE è stato chiesto di rivedere gli NFT, inclusa la criptoarte. Il comitato non ha emesso una guida definitiva. Pertanto, vi è incertezza all’interno della Commissione europea e di altri Stati membri in merito all’applicazione dell’IVA alle transazioni NFT.

READ  L'Italia lancia il nuovo treno notturno da Roma a Cortina d'Ampezzo

Per illustrare, l’Agenzia delle Entrate danese ha emesso una risposta fiscale restrittiva il 20 giugno 2023. L’agenzia ha stabilito che le opere d’arte del tatuaggio digitale NFT vendute dall’artista originale sono esenti da IVA. La risposta fiscale vincolante dell’Agenzia fiscale danese scade il 20 giugno 2025, riconoscendo gli sviluppi fiscali normativi NFT in corso all’interno dell’UE.

Esaminiamo le differenze tra l’approccio danese e quello italiano a testimonianza di sviluppi normativi emergenti e divergenti. La Danimarca ha fornito una risposta fiscale restrittiva, concreta e limitata nel tempo. La sentenza della Danimarca si basa sulla vendita da parte dell’artista originale di opere d’arte digitali NFT senza trasferimento del copyright. Pertanto, l’Agenzia delle entrate danese ha stabilito che la vendita era esente da IVA ai sensi dell’esenzione per le attività artistiche della Danimarca.

L’Italia ha pubblicato un progetto di regolamento che attuerebbe la legge. L’approccio dell’Italia è più legalizzato che specifico per i contribuenti. Invece, l’Italia propone che le opere d’arte NFT digitali originali siano esentate dall’IVA, che include servizi come “cessioni, concessioni, licenze e diritti d’autore”. Sebbene entrambi i paesi raggiungano la stessa conclusione, l’approccio e l’obiettivo differiscono in modo significativo.

L’esenzione dall’IVA delle opere d’arte digitali NFT sarebbe un’opportunità entusiasmante per molte aziende, in particolare le startup e gli imprenditori nel mercato NFT. Offre vantaggi di risparmio sui costi nel contesto dell’attuale ripresa aziendale e dei livelli storici di inflazione. Tuttavia, le aziende devono dare la priorità alla conformità fiscale affrontando efficacemente i requisiti normativi esistenti ed emergenti e concentrandosi sul più ampio mercato delle criptovalute. Ad esempio, l’esenzione dall’IVA delle opere d’arte digitali NFT potrebbe attrarre investimenti stranieri nel mercato dell’arte italiano. Ciò potrebbe portare a più normative blockchain e criptovaluta per bloccare le transazioni che potrebbero avere un impatto sulle aziende che operano nella criptoeconomia.

READ  Il Consiglio di Amministrazione del Fondo Monetario Internazionale discute con l'Italia l'Articolo 2021 IV

Ci sono poche indicazioni del governo per le imprese su come rispettare le tasse quando entrano nel mercato NFT. Non esiste una guida pertinente o la guida è in bozza o limitata nella sua applicazione. È più importante che mai per le aziende che acquistano e vendono NFT essere vigili nel monitorare le linee guida emergenti su NFT e IVA. Le aziende che operano nei mercati delle criptovalute devono anche monitorare normative più ampie sulle criptovalute per garantire la conformità con gli sviluppi normativi in ​​materia di titoli, riciclaggio di denaro e rendicontazione fiscale.