Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia recupera quasi 800 reperti archeologici raccolti illegalmente | Italia

AVANTI CRISTO La polizia afferma che l’Italia ha recuperato centinaia di reperti archeologici raccolti illegalmente risalenti al VI secolo e da un collezionista belga per un valore di 11 milioni di dollari (9,4 milioni di dollari).

Secondo i Carabinieri, che si occupano del patrimonio culturale, quasi 800 frammenti, tra cui acciaio, ambra e altri manufatti provenienti da scavi segreti a Buglia, nel sud-est dell’Italia, sono “eccezionalmente rari e inestimabili”.

L’indagine è iniziata nel 2017 dopo che un archeologo di stato a Baglia ha notato negli elenchi d’arte europei che elementi decorativi di un funerale downiano appartenenti a un “ricco collezionista belga” sono stati trovati in un pezzo in un museo dell’Italia meridionale.

Nella collezione del collezionista belga la lastra piatta in pietra della parte storica di Buglia, Downia, manca di una parte del suo centro.

Un ufficiale all’interno del laboratorio di restauro ha notato che il pezzo della collezione del museo è stato progettato come un’armatura e un guerriero a cavallo.

“Durante la ricerca è stato recuperato un vero e proprio ‘tesoro archeologico’ contenente centinaia di figurine ceramiche apolline e altri acciai downiani, tutti esportati illegalmente dall’Italia e successivamente sequestrati in Belgio”, si legge in un comunicato della polizia.

La polizia ha detto che l’Italia è stata in grado di rimpatriare le opere dopo che tutti i ricorsi legali del collezionista sono stati respinti.

Oltre all’acciaio, la collezione comprende figure rosse, ambra, ceramica nera lucida e numerose statue in terracotta. Questi pezzi risalgono tra il VI e il III secolo a.C.