Dicembre 7, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia raccoglie 1 miliardo di dollari dalla vendita di una quota del 25% del Monte dei Paschi

L’Italia raccoglie 1 miliardo di dollari dalla vendita di una quota del 25% del Monte dei Paschi

Una vista dell’ingresso della sede del Monte dei Paschi di Siena (MPS), la banca più antica del mondo, che rischia licenziamenti di massa nell’ambito di una fusione aziendale pianificata, a Siena, Italia, 11 agosto 2021. Foto scattata l’11 agosto , 2021. REUTERS/Jennifer Lorenzini/foto d’archivio Ottenere i diritti di licenza

  • Le azioni sono aumentate del 50% nell’ultimo anno
  • L’Italia deve affrontare obblighi di ri-privatizzazione dopo il piano di salvataggio del 2017
  • Non è riuscita a concludere un accordo di fusione nel 2021 per vendere la banca

MILANO (Reuters) – L’Italia ha venduto lunedì una quota del 25% del Monte dei Paschi di Siena, raccogliendo 920 milioni di euro (1 miliardo di dollari) e rafforzando i piani di riprivatizzazione della città. La banca più antica del mondo, a due anni dal primo tentativo fallito.

La vendita testimonia i progressi compiuti dalle banche italiane nel processo di risanamento, che hanno contribuito alla decisione inaspettata dell’agenzia di rating Moody’s venerdì di migliorare le prospettive “stabili” per il debito di Roma, il terzo debito pubblico più grande del mondo.

Inoltre, dà all’Italia il tempo di cercare una soluzione più sostenibile per la quinta banca quotata.

La forte domanda ha portato il Tesoro ad aumentare l’entità dell’offerta, inizialmente fissata al 20%, e a limitare lo sconto al 4,9% rispetto al prezzo di chiusura del titolo MPS di lunedì pari a 3,07 euro per azione.

Il Tesoro era disposto a concedere uno sconto fino al 6%.

Le azioni MPS vengono scambiate del 50% al di sopra dei 2 euro per azione a cui la banca ha realizzato un anno fa un aumento di capitale, che è costato ai contribuenti italiani 1,6 miliardi di euro dopo aver sostenuto la maggior parte di un piano di salvataggio di 8 miliardi di euro nel 2017.

READ  La Cina trae vantaggio dal taglio dei prezzi dell'energia da parte di Putin - Aggiornamenti in tempo reale

L’amministratore delegato Luigi Lovaglio ha utilizzato i soldi del cash call dello scorso anno per finanziare l’uscita volontaria di migliaia di dipendenti, aumentando le entrate riducendo i costi.

Con l’aumento dei tassi di interesse che spingono i profitti delle banche italiane a livelli record, MPS prevede che l’utile netto raggiunga 1,1 miliardi di euro quest’anno.

Migliorando le prospettive della banca, le sentenze favorevoli dei tribunali delle ultime settimane hanno spinto MPS a declassare il suo rating come rischio legale “remoto” derivante da cause legali che l’hanno costretta a accantonare ingenti somme a fronte di richieste di risarcimento danni.

BofA Securities, Jefferies e UBS Europe hanno coordinato il processo accelerato di costruzione degli ordini, ha affermato il Tesoro in una nota.

Nell’ambito dell’accordo, ha aggiunto, Roma si è impegnata a non vendere più azioni sul mercato per 90 giorni senza l’approvazione dei coordinatori globali.

Gli impegni concordati dall’Italia con le autorità garanti della concorrenza dell’UE al momento del piano di salvataggio obbligano Roma a vendere alla fine la sua intera quota del 64% nella banca. L’accordo di lunedì, una volta concluso, ridurrà la quota al 39%.

Reuters è stata la prima a riferire a maggio che il Tesoro era disponibile a ridurre la propria partecipazione attraverso una vendita sul mercato se le condizioni fossero giuste, a condizione che qualsiasi nuovo grande investitore gestisse le partecipazioni in linea con l’interesse nazionale.

Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti e il premier Giorgia Meloni hanno più volte affermato che il governo cercherà di aumentare la concorrenza tra le banche privatizzando Mps.

Ciò ha sollevato la prospettiva di un potenziale accordo con altri peer di medie dimensioni, vale a dire Banco BPM (BAMI.MI) e BPER Banca (EMII.MI), rispettivamente la terza e la quarta banca più grande in Italia.

READ  L'euro è sceso sui dati del PIL, poiché le notizie della Banca del Giappone hanno fatto scendere lo yen

Entrambe le banche hanno negato qualsiasi interesse in MPS. Due anni fa, il colosso UniCredit ha affossato gli sforzi di privatizzazione del governo, costringendo Roma a chiedere più tempo all’Unione Europea.

Si ritiene che la vendita della quota dia all’Italia maggiore flessibilità per cercare una soluzione a lungo termine per MPS attraverso una fusione con un rivale, dopo che le negoziazioni con UniCredit sono state complicate dall’imminente scadenza della riprivatizzazione.

Data l’assenza di acquirenti interessati nel breve termine, un’offerta di azioni è emersa come l’opzione più probabile per ridurre la partecipazione dello Stato e dimostrare progressi verso la ri-privatizzazione.

($1 = 0,9168 euro)

Scritto da Valentina Za. A cura di Barbara Lewis, Jonathan Oatis, Lincoln Feast e Richard Chang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda