Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia è nel mirino del mercato mentre la Meloni si prepara ad un bilancio difficile

L’Italia è nel mirino del mercato mentre la Meloni si prepara ad un bilancio difficile
  • Le finanze pubbliche italiane sono fuori strada e la crescita è debole
  • Le ultime proposte hanno scatenato panico e confusione nel mercato
  • I banchieri centrali dell’UE sono preoccupati per la situazione finanziaria di Roma
  • Gli spread sui titoli italiani si allargano

ROMA, 26 settembre (Reuters) – L’Italia è sempre più sotto esame da parte del mercato mentre il primo ministro Giorgia Meloni prepara un duro bilancio per il 2024, con gli investitori sgomenti per le mosse del governo che hanno colpito settori dalle banche alle compagnie aeree.

Mercoledì il Dipartimento del Tesoro pubblicherà nuovi obiettivi economici per fornire un quadro per un bilancio in cui la Meloni cercherà di mantenere le sue promesse di tagliare le tasse riducendo allo stesso tempo il deficit fiscale.

Il compito è reso più difficile dalle deboli previsioni di crescita e dai costosi incentivi fiscali per migliorare le case verdi che sono stati introdotti molto prima che lei entrasse in carica ma che continuano a pesare sui conti pubblici.

“Questo bilancio è il primo vero test economico per la Meloni da quando è salita al potere lo scorso ottobre”, ha affermato Tim Jones, analista della zona euro presso la società di consulenza di mercato Medley Advisors.

“Con la BCE che si ritira dal suo ruolo di acquirente di titoli italiani, dovrà ora fare il tipo di scelte che hanno rallentato il divario in ogni altra coalizione italiana negli ultimi 30 anni”.

La Meloni ha molto meno spazio di manovra rispetto a quando alzò gli obiettivi di deficit nel suo primo bilancio di un anno fa.

READ  Il ministro Anthony J. Blinken con il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani prima del loro incontro

Ora c’è una crescente attenzione al consolidamento fiscale a livello europeo, mentre i governi negoziano nuove regole fiscali da introdurre il prossimo anno dopo essere state sospese nel 2020 a causa della pandemia di Covid-19.

Ciò avviene in un contesto di segnali di deterioramento del sentiment del mercato nei confronti dell’Italia, qualcosa che la Meloni non può permettersi finché avrà bisogno di acquirenti per il debito pubblico pari a circa il 142% della produzione nazionale, che è il secondo debito più grande della zona euro dopo la Grecia.

“Maggiore deficit, minore crescita”

Il divario tra i rendimenti dei BTP decennali di riferimento dell’Italia e quelli dei titoli tedeschi più sicuri è salito a circa 1,86 punti percentuali (186 punti base), il più ampio dalla fine di maggio.

“I fattori di supporto che hanno consentito agli spread di raggiungere lo scenario rialzista di 160 punti base sono scomparsi”, ha affermato questo mese Morgan Stanley in una nota ai clienti. “Ci aspettiamo deficit fiscali più elevati e una crescita più debole”.

Si prevede che la differenza salirà a 200-210 punti base entro la fine dell’anno.

Fonti hanno detto a Reuters che l’Italia ora prevede che il deficit quest’anno supererà circa il 5,5% del PIL, rispetto all’obiettivo ufficiale del 4,5%.

Roma prevede inoltre di aumentare il suo obiettivo di deficit di bilancio per il 2024 tra il 4,1% e il 4,3% del Pil, rispetto all’obiettivo del 3,7% fissato ad aprile, hanno detto lunedì a Reuters fonti vicine alla questione.

Dopo un inizio cauto, il governo di destra Meloni ha iniziato a sorprendere gli investitori attaccando ripetutamente la Banca Centrale Europea per gli aumenti dei tassi di interesse, per poi rifiutarsi di approvare una riforma UE del suo fondo di salvataggio.

READ  Storia a 5 stelle: Pete & Sam's

L’Italia è l’unico paese dell’UE ad opporsi alla riforma del fondo, chiamato Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), poiché la sua coalizione di governo teme che le modifiche proposte aumentino la probabilità che Roma debba ristrutturare il proprio debito.

Le preoccupazioni sulla visione economica della Meloni si sono intensificate il mese scorso quando il governo ha annunciato un’inaspettata tassa sui profitti bancari, colpendo le azioni dei finanziatori, prima che vari tentativi di chiarimento calmassero il panico del mercato ma non l’incertezza.

Un anziano banchiere italiano ha detto a Reuters, in condizione di anonimato, che la mossa ha scatenato un’ondata di chiamate da parte di investitori internazionali preoccupati e ha costretto i gestori patrimoniali a tornare dalle vacanze per affrontare il declino del mercato.

Gli episodi che hanno preso di mira le compagnie aeree e gli investitori nel mercato italiano dei crediti inesigibili da 307 miliardi di euro (326,74 miliardi di dollari) hanno seguito uno schema simile.

La scorsa settimana, il governo ha fatto marcia indietro sui suoi piani per limitare i prezzi dei voli per le isole italiane dopo che compagnie aeree tra cui Ryanair (RYA.I) hanno contestato la legalità della sua proposta iniziale.

Interferenza e incertezza

Roberto Perotti, professore di economia all’Università Bocconi di Milano, ha affermato che il limite proposto sui prezzi dei biglietti aerei dimostra che il partito Fratellanza d’Italia della Meloni “non ha una cultura del libero mercato”.

Alcuni giorni dopo l’imposizione della tassa sulle banche, Fratellanza d’Italia ha proposto un piano per consentire ai debitori di pagare i loro arretrati a un tasso ridotto, limitando di fatto i profitti delle aziende che acquistano crediti inesigibili dalle banche in modo che possano poi guadagnare denaro costringendole a farlo. essere ripagato.

READ  Quanto sono forti i vostri investimenti sostenibili?

La Meloni ha poi affermato che non è stata pianificata alcuna azione sui prestiti in sofferenza, ma la proposta del suo partito è ancora all’esame del parlamento e permane l’incertezza.

Allo stesso tempo, aumentano i rischi economici. A parte il budget e le tensioni sul Meccanismo Europeo di Stabilità, l’Italia sta anche lottando per raggiungere gli obiettivi politici concordati con Bruxelles per sbloccare miliardi di euro in fondi per la ripresa post-pandemia.

Non sono solo gli investitori a preoccuparsi per l’Italia. Due banchieri centrali dell’UE, che hanno parlato anche loro a condizione di anonimato, hanno detto a Reuters in un recente incontro dei politici europei di essere preoccupati per le finanze pubbliche a Roma.

Un terzo ha affermato che le ripetute dichiarazioni caute della Banca d’Italia sollevano dubbi sul suo impegno nella lotta all’inflazione, e un quarto ha affermato che la Banca Centrale Europea non dovrebbe interrompere completamente i suoi acquisti di titoli di stato a causa del rischio di aumento dei rendimenti italiani.

($1 = 0,9396 euro)

Segnalazione di Valentina Za a Milano, Segnalazione aggiuntiva di Francesco Canepa, Giuseppe Fonte, Sarah Rossi e Gianluca Semeraro, Montaggio di Ed Osmond, Giselda Vagnoni

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda