Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“L’intelligenza artificiale mi aiuta a produrre vino per i giovani bevitori”

“L’intelligenza artificiale mi aiuta a produrre vino per i giovani bevitori”
  • Scritto dallo staff Demetropoulos e Will Small
  • Reporter d'affari

Fonte immagine, Kara Maradin

Commenta la foto, Cara Maradin utilizza l'intelligenza artificiale per aiutarla a monitorare il fabbisogno idrico dei suoi vigneti

Cara Maradin è responsabile di un gran numero di vigneti.

È direttrice della viticoltura presso la grande azienda vinicola americana Foley Family Farms ed è responsabile di oltre 5.200 acri (2.000 ettari) di vigneti, distribuiti su 1.600 miglia tra California e Oregon.

Ovviamente non può essere ovunque contemporaneamente, ma grazie alla tecnologia AI, la signora Maradin può controllare a distanza il fabbisogno idrico di ciascun vigneto dal suo laptop.

“Posso andare online e vedere quale irrigazione è necessaria a Santa Barbara, a 300 miglia di distanza”, afferma Maradin, che vive a Napa, a nord-ovest di San Francisco.

Mentre in precedenza la valutazione del fabbisogno idrico delle viti veniva effettuata attraverso il giudizio e i calcoli umani, Foley ora utilizza sensori realizzati da Tule Technologies, un’azienda di irrigazione con sede in California.

I sensori, che sembrano piccole stazioni meteorologiche, sono posizionati tra i vigneti. Misurano i livelli di umidità, la temperatura, la velocità del vento e altre variabili ambientali.

Tutti questi dati vengono poi inseriti nel sistema software di intelligenza artificiale di Tule, che è stato addestrato per calcolare quanta umidità evaporerà dal suolo e dalle viti in diverse condizioni meteorologiche. L’intelligenza artificiale determina quindi la quantità di irrigazione necessaria alle viti e quando, e informa i gestori dei vigneti tramite una notifica dell’app.

Commenta la foto, I sensori di Tule inviano informazioni sui fabbisogni idrici direttamente ai laptop dei viticoltori

Foley Family Farms, insieme alla sua consociata Foley Family Wines, produce vini americani con 23 marchi diversi. I sensori di irrigazione alimentati dall’intelligenza artificiale “hanno migliorato la qualità e la consistenza dell’uva”, afferma Maradin.

Un altro vantaggio dei sensori è che possono aiutare a superare la carenza di manodopera, afferma Tom Shapland, CEO di Toll. “L’intelligenza artificiale fornisce un occhio vigile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sul vigneto.”

Tule sta anche creando un'app basata sull'intelligenza artificiale chiamata Tule Vision, che può determinare quanto sono assetate le viti dopo che un utente umano ha registrato un video di pochi minuti su di esse. L’intelligenza artificiale è stata addestrata utilizzando centinaia di immagini di viti con diverse esigenze idriche.

Altri fornitori di apparecchiature per il monitoraggio dei vigneti basate sull’intelligenza artificiale includono il colosso tecnologico statunitense Cisco e le aziende più piccole Ceres Imaging e Bloomfield AI.

Una volta raccolte le uve utilizzate nella vinificazione, vengono trasportate in cantina per la fermentazione. Anche in questo caso entra in gioco l’intelligenza artificiale.

La società tecnologica californiana Tastry sta creando un'app basata sull'intelligenza artificiale che aiuta i produttori di vino a produrre vino che un gran numero di consumatori amerà. Il software lo fa analizzando la composizione chimica del vino e confrontandola rapidamente con un database di preferenze di gusto di 248 milioni di bevitori di vino negli Stati Uniti.

L'idea è che Tastry possa aiutare i produttori di vino a miscelare meglio i vini finiti da diversi vini base, variando la percentuale di ciascuno fino a ottenere un gusto popolare.

Alexandre Remy, socio amministratore ed enologo presso Atlas Wine Company, un marchio di vino con sede in California, descrive Tastry come il suo “GPS”.

“Se volessi creare la mia miscela rossa, sceglierei tra 10 vigneti diversi”, afferma il signor Remy. “È qui che l'intelligenza artificiale brilla davvero. Mi aiuta a definire il mio target, sia che io voglia attirare un pubblico più giovane, o magari un pubblico che preferisce i vini di un concorrente.

“Posso inserire i miei parametri nel sistema e il sistema fornirà suggerimenti di mix basati su quelli.”

Fonte immagine, Alessandro Remi

Commenta la foto, Alexandre Remy afferma che l'intelligenza artificiale lo aiuta a miscelare i vini

Monika Christmann è professoressa di enologia – la scienza della vinificazione – presso l'Università Hochschule Geisenheim in Germania. Le aziende vinicole con volumi elevati, che necessitano di coerenza anno dopo anno, potrebbero trovare l’intelligenza artificiale particolarmente utile, afferma.

Tuttavia, avverte anche che l’interazione tra i diversi componenti del vino è difficile da prevedere e non è ancora pienamente compresa dall’intelligenza artificiale.

Per i tradizionalisti del vino, l’uso dell’intelligenza artificiale nella vinificazione, sia in vigna che in cantina, è un anatema. Sostengono che ciò distrugge l'arte che può rendere il vino così speciale.

“Inoltre non riescono ad apprezzare l'estetica dell'equilibrio, della struttura e dell'aroma che caratterizzano un vino eccezionale. Parlare di mineralità, acidità o frutto non ha senso per la macchina, no [computer] Trattamenti.”

Fonte immagine, Vini della famiglia Foley

Commenta la foto, La famiglia Foley produce vino con diversi marchi

Tom Ashworth, CEO del rivenditore di vini Yapp Brothers, afferma che se producesse vino non utilizzerebbe l'intelligenza artificiale.

“In che misura un produttore di vino consente all’IA di prendere il sopravvento sul proprio processo decisionale – sostituendo centinaia di anni di esperienza – penso che dipenda dalla propensione al rischio del settore e dall’accuratezza dell’IA stessa.

“Per ora, non affiderò all’intelligenza artificiale il processo decisionale sui processi chiave di autenticazione, così come consentirei all’intelligenza artificiale di gestire i servizi clienti senza supervisione”.

Di ritorno in California, la signora Maradin ribatte che l’intelligenza artificiale ha lo scopo di aiutare i produttori di vino umani, non di sostituirli. “Siamo sul terreno e noi stessi siamo sempre generosi”, afferma.

“Cos’è veramente l’intelligenza artificiale? [in wine] Prende decisioni più informate basate sulla scienza.