Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’inizio del Tour de France in Italia dimostra quanto successo abbia avuto l’ASO nell’ospitare le quote

L’inizio del Tour de France in Italia dimostra quanto successo abbia avuto l’ASO nell’ospitare le quote

Sabato pomeriggio il ciclista francese Romain Bardet ha vinto la prima tappa del Tour de France di quest’anno in Italia.

Può sembrare sorprendente, ma la più grande corsa ciclistica ha iniziato la tradizione di tenere le sue prime tappe, conosciute come Grand Start, fuori dai confini della Francia. È un cambio di scenario che offre ad altri paesi l’opportunità di partecipare all’evento, ma soprattutto è un’opportunità finanziaria per gli organizzatori della gara.

Come per altri grandi eventi sportivi in ​​tutto il mondo, il Tour de France in 21 tappe chiede alle città di presentare offerte per scegliere il luogo di partenza e di arrivo di ogni tappa. Alcuni siti sono spesso duplicati e le città francesi pagano somme esorbitanti (nell’ordine delle sei cifre per la fine di ogni fase), ma nessuna di queste tariffe è paragonabile ai milioni richiesti dalla fase di grande lancio.

In definitiva, i costi si suddividono in diverse parti. Le città straniere pagano all’organizzatore della gara Amuri Sports Organization (ASO) una quota di hosting, che negli ultimi anni ha superato i 5 milioni di dollari. Gli offerenti vincitori pagano anche il conto per la preparazione – pulizia della strada, ripavimentazione dell’asfalto, gestione del traffico, assicurazione e infrastrutture per i tifosi – che di solito è più del doppio del costo. Quando Bruxelles ha ospitato il Gran Premio del 2019, ad esempio, la città Ha detto ASO ha pagato circa 5,7 milioni di dollari (5 milioni di euro), poi ha speso altri 6,82 milioni di dollari (6 milioni di euro) per l’hosting vero e proprio.

READ  Nuovi dati mostrano che i lavoratori britannici sono "i peggiori in Europa" quando si tratta di tornare al lavoro

Ci sono tre tappe complete in Italia quest’anno, tutte parte del Gran Premio, inclusa la partenza di sabato a Firenze e l’arrivo di domenica a Bologna. Non è chiaro quali importi siano stati pagati dalle città italiane; È stato inviato un messaggio all’ASO ma non è stata data risposta.

Le città competono per diversi motivi: alcune cercano prestigio e altre cercano un incremento del turismo. Dopo aver ospitato la Grand Départe nel 2007, Londra ha calcolato di aver ricevuto circa 147,6 milioni di dollari (73 milioni di sterline) dalla visita, una somma molto maggiore di quella pagata. SeparazioneSecondo l’ufficio del sindaco, 82,9 milioni di dollari (41 milioni di sterline) sono stati spesi dai residenti nelle camere d’albergo, 26,3 milioni di dollari (13 milioni di sterline) sono stati spesi da residenti fuori città con amici e 24,3 milioni di dollari (12 milioni di sterline) sono stati spesi da residenti fuori città con amici. spesi dai residenti locali della città e 14,1 milioni di dollari (7 milioni di sterline) sono stati spesi da membri dei media, squadre, sponsor e organizzatori. Ha inoltre calcolato separatamente una copertura mediatica di 70,7 milioni di dollari (35 milioni di sterline).

Anche se gli economisti potrebbero opporsi a questo quadro, un grande decollo resta un premio auspicabile per le città europee. All’inizio di questo mese, ASO ha annunciato il lancio del programma “Big Launch”. Annunciare Il Barcellona aprirà il round del 2026. Il sindaco della città ha detto che pagherà all’ASO tra i 7,5 e gli 8,6 milioni di dollari (7-8 milioni di euro) per il diritto. Rollor.

Il Tour de France è il più grande dei tre “Grand Tour” del calendario ciclistico annuale ed è gestito da ASO, una divisione del Gruppo Amaury, il cui portafoglio comprende giornali L’Equipe, Maratona di Parigi e Rally Dakar. Amore Group è una società privata, segreto Delle sue finanze, però Bloomberg È stato segnalato All’inizio di questo mese, la società ha annunciato che i suoi ricavi per il 2023 sarebbero stati di circa 640 milioni di dollari (588 milioni di euro). Secondo il rapporto, l’ASO rappresentava il 53% di queste entrate.

READ  Nadal e Djokovic affrontano i ragazzi italiani lunedì agli Open di Francia

Il Tour de France iniziò nel 1903 e si disputò all’interno dei confini francesi per i primi 40 cicli. Negli anni ’70, la fase inaugurale si tenne talvolta in altri paesi e da allora la sua frequenza è aumentata. La fase più importante è iniziata in otto paesi negli ultimi 11 anni, tra cui Danimarca, Spagna, Belgio, Germania e Paesi Bassi.

La scelta di una grande partenza influisce sul resto della gara. La partenza da paesi vicini al nord della Francia, come Belgio e Paesi Bassi, consente un facile accesso alle tappe più popolari una volta che la gara raggiunge la tappa locale. Poiché la gara del 2024 inizia a Firenze, ci sono diverse opzioni disponibili. Questo non è abbastanza Giorni tra le tappe montuose della corsa per raggiungere il nord della Francia. (Specialmente quest’anno si rivelerà un enorme successo. A causa della preparazione dei Giochi Olimpici, la gara non si concluderà a Parigi come al solito, ma a Nizza, sulla costa meridionale della Francia.)

A volte la città decide che il prezzo non ne vale la pena. Il Tour si è svolto nel Regno Unito in due occasioni, ma per la gara del 2017, secondo l’ufficio del sindaco della città, l’ASO ha chiesto a Transport for London di pagare 5,5 milioni di euro per ospitare la corsa di tre giorni del Grand Départ. Il governo ha deciso che il costo totale sarebbe stato di circa 54,1 milioni di dollari (35,8 milioni di sterline) e, sebbene avesse affermato che il costo totale fosse di 1,5 milioni di dollari (3,5 milioni di sterline), il governo non ha ricevuto risposta. certificato Poiché il vantaggio economico a lungo termine sarebbe stato superiore al costo, ha deciso invece di rinunciare al pagamento anticipato per concentrarsi su altri progetti di infrastrutture ciclistiche.

READ  Il patrimonio generazionale del Mercato Centrale di Lari, ancora a Little Italy

“Nell’ambito della revisione della spesa, ho preso la difficile decisione, insieme al Segretario di Stato per la Cultura, i media e lo sport, che Londra non può permettersi di ospitare il Grande Lancio”, ha affermato il sindaco di Londra Boris Johnson. Egli ha detto Al momento, “la mia priorità è proteggere i servizi di prima linea e investire in progetti ciclistici a lungo termine. [the transportation department’s] “I budget per il ciclismo non saranno influenzati”.

Con l’aiuto di Jacob Feldmann.