Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'industria cinematografica italiana cerca di favorire la crescita del mercato cinematografico europeo a Berlino

L'industria cinematografica italiana cerca di favorire la crescita del mercato cinematografico europeo a Berlino

L’Italia sarà il paese protagonista dell’European Film Market, che quest’anno si svolgerà dal 15 al 21 febbraio. L'Italia è uno dei maggiori centri di produzione al mondo con una lunga storia di eccellenza, e sta ora vivendo un boom produttivo guidato dalla crescente domanda globale e da un generoso credito d'imposta, in grado di attrarre ingenti investimenti esteri nel campo della fiction, dei documentari e dell'animazione.

Secondo il rapporto sul trading di film e serie italiane pubblicato dall'Italian Motion Picture Assn. (ANICA) e la National Television Producers Association (APA) nel mese di dicembre, il valore totale dei contributi esteri alla produzione televisiva e cinematografica è aumentato del 49% nel periodo 2020-2022, raggiungendo un totale di 111 milioni di dollari dai 74,5 milioni di dollari degli anni precedenti. 2017-2019.

Altro da Varietà

Prima delle intense giornate dell'EFM, Variety ha incontrato l'amministratore delegato italiano Roberto Stabili, responsabile dei Progetti Speciali della Direzione Generale del Cinema e del Ministero della Cultura Audiovisiva a Cinecittà.

“Negli ultimi anni c'è stata una grande attenzione a sostenere l'internazionalizzazione del settore audiovisivo in Italia. Abbiamo messo a disposizione una serie di strumenti finanziari – ciascuno dotato di un budget significativo – che hanno permesso all'Italia di giocare un ruolo sempre più importante in tutti i mercati internazionali”, spiega Stabili.

“Questo quadro positivo è confermato anche da una recente ricerca ANICA-APA: l'insieme delle disposizioni stabilite dal Direttorio hanno consentito ai contenuti audiovisivi italiani di raddoppiare la propria diffusione.

Concentrandosi sul tema della distribuzione, il rapporto ANICA-APA rivela che 183-203 film e serie italiane hanno beneficiato di qualche tipo di distribuzione estera nel 2022. Intanto, il valore delle esportazioni di produzioni italiane è stato stimato tra 114 e 168 milioni di dollari, Si tratta di numeri in forte aumento rispetto al 2017, quando il valore del settore era circa un terzo di quelli totali.

Stabile afferma che i due principali strumenti finanziari che guidano questa crescita sono il Fondo di coproduzione di minoranza e il Fondo di distribuzione cinematografica. Il primo fondo, del valore di 6,4 milioni di dollari, sostiene la partecipazione delle aziende italiane di abbigliamento come produttori minoritari coinvolti in progetti internazionali, aiutandole ad espandere la portata dei loro partner e mercati. Il secondo fondo, del valore di 2,3 milioni di dollari, sostiene i distributori stranieri che acquistano film italiani e mirano a proiettarli nelle sale e sulle piattaforme online nei loro paesi. Ogni distributore potrebbe ricevere 54.000 dollari per l'uscita nelle sale, o 16.000 dollari per l'uscita online.

READ  Affleck, Damon e Lovato compaiono nelle migliori storie di celebrità del 2021 di Boston.com

“Quindi, ogni film italiano arriva sui mercati esteri con una sovvenzione di 70.000 dollari a disposizione dei distributori locali. Spesso, quando i distributori devono arruolarsi in un film europeo, prima guardano il film.” [support] Strumenti forniti dal paese di produzione. COSÌ [thanks to this fund]«I film italiani finirono nel radar dei distributori che compravano titoli francesi, tedeschi o spagnoli, e la loro distribuzione aumentò», spiega Stabili.

L'amministratore delegato aggiunge che il Fondo per la distribuzione cinematografica e tutti gli altri strumenti esistenti saranno potenziati nel prossimo futuro, poiché vengono rivisti su base annuale e possono essere adeguati in linea con la risposta del mercato.

Inoltre, nuova iniziativa sotto i riflettori dell'EFM Festival di quest'anno saranno gli “Schermi Italiani”, organizzati dal Ministero dei Beni Culturali e dal Ministero degli Affari Esteri in collaborazione con l'Accademia del Cinema Italiano, che ogni anno distribuisce i David Awards, i Premi il primo premio del paese. Equivalente all'accademia negli Stati Uniti

“Il progetto consiste nell’utilizzare tutte le nostre sedi diplomatiche – compresi istituti di cultura, consolati e ambasciate – come vere e proprie piattaforme di contenuti audiovisivi in ​​Italia.

Quando una di queste delegazioni accetta di aderire al progetto, prepariamo una mostra mercato in cui vengono presentati alcuni film italiani, accuratamente selezionati tra i candidati al David. Successivamente, organizziamo alcuni eventi a pagamento aperti al pubblico locale, che fungono anche da proiezioni di prova per i rappresentanti del settore presenti. Naturalmente li informiamo sugli incentivi che offriamo per l'acquisto di film italiani.

Attualmente Italian Screens ha un budget di 1,3 milioni di dollari e durerà fino al 2026. «È un primo passo verso un modello simile a Unifrance», riassume Stabili.

READ  Recensione DVD: The Italian Job di Peter Collinson su Paramount Home Entertainment

L’Italia è uno Stato attento agli eventi

Dal 16 al 20 febbraio l'EFM ospiterà una serie di eventi nell'ambito dell'iniziativa “Italia in Focus”.

Il primo appuntamento avrà inizio il 16 febbraio e si terrà al Martin Gropius Bau. “Il Film and Audiovisual Finance Event in Italy è una vetrina aziendale di ciò che il mercato audiovisivo italiano può offrire agli operatori stranieri. Quando parliamo con loro, ci concentriamo su tre pilastri principali”, afferma Stabili.

“In primo luogo, forniamo loro misure di sostegno relative al commercio. In secondo luogo, ci concentriamo sullo sviluppo della coproduzione. Diciamo loro perché dovrebbero coprodurre con le nostre aziende, come funziona il nostro mercato ed elenchiamo tutti i potenziali incentivi e vantaggi della coproduzione. In terzo luogo, stiamo promuovendo l’Italia come luogo in cui girare. “Li istruiamo sulle nostre opportunità di finanziamento nazionali e regionali, su ciò che le nostre film commission possono offrire e sull'eccellenza della nostra forza lavoro”, aggiunge.

Il 19 febbraio, alle ore 17, l'Hotel Gropius ospiterà un evento speciale dal titolo Celebrando la comunicazione, organizzato da Cinecittà e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, che Stabili ha definito “un nuovo modo di presentare il sistema audiovisivo italiano e le sue eccellenze”, che mira a “creare la nostra gioventù”. [filmmakers and workforce] Ben noto ai mercati esteri.

Stabile sottolinea che rappresentanti selezionati parteciperanno a ogni evento e condivideranno le loro opinioni sul settore, anziché riempire il programma con numerose presentazioni aziendali.

Gropius Bau ospiterà il 16 febbraio uno degli altri appuntamenti di grande attualità in calendario, ovvero le presentazioni dei produttori indipendenti italiani, durante i quali verranno presentati spettacoli come 9 Muse, Dado Production, Dispàrte, Graffiti Doc, Interlinea Film, Jump Cut, KAMA Prods. organizzato. ., Officinema Doc e Piano B Produzioni presenteranno i loro progetti a potenziali coproduttori e finanziatori.

READ  I deliziosi biscotti arcobaleno italiani di Molly Yeh sono delizie ricoperte di cioccolato

Il 17 febbraio, un evento “Visitors’ Meeting” accoglierà i produttori senza precedenti esperienze di coproduzione. Avranno accesso a sessioni mediatiche, presentazioni e piattaforme di networking. Le società italiane partecipanti sono Amartia Film, Antropica, Bloom Media House, Elsinore Film, TCP e Zena Film.

Il giorno successivo, la Fiera del Libro della Berlinale consisterà in una presentazione moderata di dieci nuovi romanzi con possibilità di adattamento cinematografico. Dopo la sessione di proiezione, i produttori potranno comunicare con i titolari dei diritti. Successivamente, il CEO di Wanted Cinema parteciperà a una tavola rotonda intitolata “Zona di interesse: tendenze di distribuzione per le uscite online”, che esplorerà come costruire strategie di rilascio efficaci in linea con le nuove richieste del pubblico.

La giornata del 19 febbraio si aprirà con “Passato avanti: Il Camorrista” di Giuseppe Tornatore. Il panel della Berlinale Series approfondirà il curioso caso del primo lungometraggio del regista premio Oscar, con Ben Gazzara nei panni del famigerato boss della camorra. Girato nel 1985, il film è stato ampliato in una serie in cinque parti, che non è mai stata trasmessa. Gianluca Curti, amministratore delegato e presidente di Minerva Pictures, parlerà del restauro della mostra, supervisionato dallo stesso Tornatore.

Più tardi nel pomeriggio, l'animazione italiana sarà al centro della scena, evidenziando quello che Stabili è “uno dei generi più facili da esportare, uno dei settori migliori in Italia” e che consente ai produttori di “raggiungere mercati più lontani e più difficili” in modo più fluido. che film, documentari. E immaginazione. La sessione, intitolata “Sequential Learning: Entering the Independent Animation Zone”, e organizzata in collaborazione con l'Annecy Film Festival, vedrà la partecipazione di tre produttori, tra cui il fondatore e presidente di Lucky Red, Andrea Occhipinti.

Il meglio della varietà

Iscriviti a Newsletter varie. Per ricevere le ultime notizie, seguici su Facebook, TwitterE Instagram.