Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Eni italiana ha ottenuto profitti record, ma i mercati non ne hanno risentito

L’Eni italiana ha ottenuto profitti record, ma i mercati non ne hanno risentito

MILANO (Reuters) – Il gruppo energetico italiano Eni ha dichiarato giovedì che il suo utile netto rettificato è salito a 13,3 miliardi di euro (14,12 miliardi di dollari) nel 2022, il massimo in oltre un decennio, ma le sue azioni sono diminuite a causa dell’attenzione dei mercati. Sulle prestazioni di esplorazione e produzione più deboli nel quarto trimestre.

La performance del gruppo controllato dallo stato nel 2022 è stata sostenuta da una maggiore attenzione alla sicurezza energetica e all’aumento dei prezzi dell’energia a causa del conflitto in Ucraina.

All’inizio di quest’anno, i principali gruppi petroliferi occidentali hanno dichiarato che i loro profitti sono più che raddoppiati nel 2022, battendo i record precedenti in un anno di prezzi energetici volatili.

Tuttavia, nell’ultima parte dell’anno, il calo dei prezzi del petrolio e del gas rispetto al picco precedente ha influenzato il business di esplorazione e produzione (E&P) e la sua divisione gas e GNL, in rallentamento rispetto ai trimestri precedenti.

Nel quarto trimestre, l’utile netto rettificato è stato di 2,5 miliardi di euro, leggermente al di sopra del consenso degli analisti di 2,49 miliardi di euro fornito dalla società, ma in calo rispetto al terzo trimestre.

Ultimi aggiornamenti

Visualizza altre 2 storie

La divisione E&P di Eni ha registrato nel quarto trimestre un calo del 20% dell’utile operativo adjusted.

La sua produzione di petrolio e gas è scesa del 4% a 1.610 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno tutto l’anno.

Le azioni del gruppo italiano sono scese dell’1% alle 0840 GMT, invertendo un guadagno dello 0,8% nell’indice delle blue-chip di Milano (.

“Nel corso dell’anno siamo stati in grado di finalizzare accordi e attività per sostituire completamente il gas russo entro il 2025, sfruttando le nostre forti relazioni con i paesi produttori e l’approccio di rapido sviluppo per intensificare le quantità di produzione da Algeria, Egitto, Mozambico, Congo e Qatar.” Lo ha detto in un comunicato l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi.

READ  Il Pakistan ha bisogno di un 'miracolo economico italiano' - Opinione

Il gruppo ha anche fatto progressi lo scorso anno nello sviluppo della sua unità di energia rinnovabile e vendita al dettaglio Plenitude, che ha raggiunto una capacità di produzione di 2,2 gigawatt di energia verde, e della sua nuova unità di mobilità sostenibile.

Con i suoi ottimi risultati, il gruppo è stato in grado di restituire 5,4 miliardi di euro ai suoi azionisti e ridurre l’indebitamento netto a 7 miliardi di euro.

Eni ha anche affermato che le tasse impreviste sui suoi guadagni energetici ammontano a 1,7 miliardi di euro, di cui 1 miliardo pagato nel 2022.

($ 1 = 0,9420 euro)

(Segnalazione di Francesca Landini; Montaggio di Gavin Jones

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.