Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Egitto rispolvera le piramidi per sfilate di moda, pop e arte

L'Egitto rispolvera le piramidi per sfilate di moda, pop e arte

La casa di moda francese Dior ha lanciato la sua ultima collezione sabato alle piramidi di Giza, dopo che lo stilista italiano Stefano Ricci ha tenuto una sfilata al Tempio di Hatshepsut a Luxor in ottobre.

Le modelle si affrontano contro la Grande Piramide di Cheope (Khufu) alla sfilata di moda Christian Dior presso la necropoli delle Piramidi di Giza, nella doppia periferia della capitale egiziana, il 3 dicembre 2022. Oggi, la casa di moda francese Dior ha tenuto la sua prima sfilata in Egitto le antiche piramidi di Giza presentano la loro collezione uomo autunno 2023 all’ombra di tombe che hanno migliaia di anni. Foto: Ahmed Hassan/AFP.

Il Cairo, Egitto—L’Egitto utilizza l’antica grandiosità delle sue piramidi come sfondo per concerti pop moderni e sfilate di moda, sperando di rafforzare la propria immagine, il settore turistico e i marchi di lusso adorati dalla sua ricca élite.

La casa di moda francese Dior ha lanciato la sua ultima collezione sabato alle piramidi di Giza, dopo che lo stilista italiano Stefano Ricci ha tenuto una sfilata al Tempio di Hatshepsut a Luxor in ottobre.

Il CEO di Dior, Pietro Beccari, ha dichiarato all’AFP che la casa di moda ha scelto le piramidi come qualcosa di più di un semplice “sfondo futile”, attingendo all’astrologia egiziana per la cosiddetta collezione “celeste”.

Prima di questo, i gruppi pop americani Maroon 5 e Black Eyed Peas si sono esibiti al cimitero di Giza, dove l’arte contemporanea è stata recentemente esposta all’ultima mostra Art d’Egypte.

La moderna spinta culturale è una nuova direzione per l’immagine dell’Egitto.

READ  Il White Rock Players Club serve la cena della domenica - Stile italo-americano - Peace Arch News

A lungo una forza culturale nel mondo arabo, con famosi cantanti e star del cinema, soprattutto nel suo periodo di massimo splendore negli anni ’50 e ’70, l’Egitto ha puntato gli occhi sul suo antico patrimonio per attirare ancora una volta i riflettori globali.

Il presagio del nuovo abbraccio della cultura e della storia antiche è stato il “corteo d’oro” dello scorso anno di 22 faraoni che ha attraversato il Cairo da un vecchio museo a uno nuovo in un grande spettacolo in stile carnevalesco.

Faceva parte di uno sforzo del governo del presidente Abdel Fattah al-Sisi per rilanciare il turismo, che rappresenta il 10% del prodotto interno lordo e circa 2 milioni di posti di lavoro, ma è stato colpito da turbolenze politiche, turbolenze economiche e la pandemia di Covid.

Lucentezza vivida
Lo storico dell’arte Bahia Shehab ha affermato che presentare il patrimonio egiziano in un nuovo contesto “incoraggerà altri marchi e figure culturali internazionali a venire in Egitto”.

Il fotografo di moda Mohsen Othman ha convenuto che tali eventi glamour sono “vitali”.

Grandi marchi come Dior “trovano un budget enorme”, assumono talenti locali e “sostengono i giovani creativi che possono mettere l’Egitto sulla mappa della moda globale”.

“È un passo tanto atteso per il mondo della moda in Egitto”, ha detto all’AFP Eman El-Deeb, la cui agenzia ha scelto due modelle egiziane per la sfilata di sabato.

Il settore dei beni di lusso in Egitto è cresciuto nonostante anni di turbolenze economiche che hanno visto la sterlina egiziana perdere la metà del suo valore nel 2016 a causa del deprezzamento della valuta.

READ  Come il cibo italiano come pizza e pasta è diventato americanizzato

Nonostante la recessione economica, l’Egitto, il paese più popoloso del mondo arabo, ospita 86.000 milionari, secondo il Credit Suisse.

“L’uno per cento più ricco è sufficiente per creare domanda”, ha affermato Engy Ismail, specialista in pubbliche relazioni che fornisce consulenza a marchi di lusso.

Ha aggiunto che le boutique nei centri commerciali delle nuove eleganti città satellite del Cairo “sono all’altezza dei marchi di lusso internazionali”.

Giovane talento creativo
La bolla benestante egiziana ha contribuito a creare una scena couture nostrana, i cui pionieri si sono recentemente avventurati sulle passerelle di Milano e Parigi.

Alla settimana della moda parigina di quest’anno, il marchio di lusso con sede al Cairo ha sfoggiato un busto in resina evocativo dell’alabastro egiziano alla sfilata Balmain della casa di moda francese.

È stata una rara storia di successo per il settore creativo in Egitto, ha affermato Othman, il fotografo, dove “la maggior parte delle persone sono autodidatti, lavorano duramente con scarse risorse per cercare di soddisfare gli standard internazionali”.

Ismail ha affermato che il mercato dell’abbigliamento e della gioielleria di lusso del paese “è passato da meno di 100 marchi egiziani a più di 1.000 oggi”, sostenuto da “un enorme bacino di giovani talenti creativi”.

Gli eventi internazionali offrono una visibilità rara, ma farli entrare nel paese rimane una sfida.

“È un grande passo per il governo consentire ad Art d’Egypte e Dior di organizzare eventi ai piedi delle piramidi”, ha detto all’AFP Nadine Abdel Ghaffar, curatrice della galleria d’arte.

Ha suggerito che la burocrazia e le rigide restrizioni continuano a intralciare, riconoscendo che “il quadro legislativo è complesso”.

READ  Il patrimonio netto di Emma Chamberlain è salito alle stelle dopo aver colpito la clip virale di YouTube

Una meraviglia senza tempo
Abdul Ghaffar ha aggiunto che “promuovere la cultura del Paese” dovrebbe essere una priorità e ritiene che un ente governativo dedicato potrebbe promuovere meglio mostre, concerti, spettacoli e persino produzioni cinematografiche.

Shehab, lo storico dell’arte, ha detto che molti si stanno rendendo conto che l’Egitto, noto per le sue meraviglie architettoniche senza tempo nel deserto, ha bisogno di presentare un’immagine aggiornata di se stesso.

“C’è una crescente consapevolezza della necessità del soft power e della cultura come rappresentazione del Paese”, ha affermato, avvertendo che l’Egitto ha ancora bisogno di “infrastrutture migliori” per raggiungere questo obiettivo.

Ha persino osato sognare che l’Egitto potesse attirare gli affari di Hollywood, se solo avesse iniziato a concedere permessi.

“Abbiamo perso il numero di produzioni internazionali che hanno fatto ricorso a riprese in Marocco, Giordania o Arabia Saudita”, ha affermato.

L’ultima produzione a tema egiziano è stata una miniserie TV Disney+, Moon Knight della Marvel Comics, in cui due interi edifici al Cairo sono stati costruiti da zero, su un set a Budapest.