Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le qualificazioni della Cina ai Mondiali hanno bisogno di “Harry Potter Magic”

Le qualificazioni della Cina ai Mondiali hanno bisogno di "Harry Potter Magic"

L’ex nazionale Wang Xiaolong ha affermato che i problemi del calcio cinese sono così radicati che nemmeno i migliori allenatori del mondo possono portarlo ai Mondiali senza l’aiuto di una bacchetta magica.

Le speranze della Cina di qualificarsi per la fase finale della Coppa del Mondo per la prima volta dal 2002 sono appese a un filo dopo aver perso tre delle prime quattro partite nel terzo turno delle qualificazioni asiatiche per il Qatar.

L’ala Wang, che ha giocato tre nazionali nel 2012, ha detto che ci deve essere un’intesa con l’allenatore Li Tai che anche giocatori del calibro di Pep Guardiola e Jurgen Klopp faranno fatica ad avere successo dato il talento con cui deve lavorare.

“Sono ansioso di vedere se possono trasformarsi in Harry Potter agitando la sua bacchetta magica per portare la Cina ai Mondiali”, ha detto a Xinhua.

“I nostri giocatori cinesi sostengono i loro colleghi stranieri nella loro comprensione del gioco”.

Incorpora da Getty Images

Lee ha sostituito Marcello Lippi nel 2020 quando l’allenatore vincitore della Coppa del Mondo si è dimesso dopo un pessimo inizio al secondo turno delle qualificazioni asiatiche.

L’italiano Lippi, che non è riuscito a qualificare la Cina per la Coppa del Mondo 2018, è stato uno dei pochi allenatori e giocatori stranieri a fare affari nel paese negli ultimi anni.

“Molti famosi allenatori stranieri sono venuti e hanno assunto la squadra nazionale, ma se ne sono andati frustrati senza essere in grado di apportare cambiamenti positivi”, ha detto Wang.

READ  Italian Open Tennis Draw and Arrangement for 16/5/21

“Abbiamo anche avuto alcuni giocatori eccezionali all’estero nella Super League cinese, e quello che si sono lamentati di più in privato è che i giocatori cinesi mancassero di consapevolezza tecnica e tattica.

“Gli allenatori stranieri apprezzano di più la tattica, e così spesso li abbiamo visti scuotere la testa con sorrisi sarcastici a bordo campo”.

(Segnalazione di Nick Mulvaney; Montaggio di William Mallard)