Maggio 6, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le esportazioni di bovini vivi australiani aumenteranno con il divieto di commercio di animali vivi, analista del settore neozelandese

L’industria australiana di esportazione di bestiame ha preso le distanze dal commercio neozelandese, a cui è stato impedito di esportare bestiame via mare.

Il governo australiano afferma di non avere in programma di vietare le esportazioni di bestiame e la mossa della Nuova Zelanda dovrebbe aiutare gli agricoltori australiani a ottenere lucrosi accordi commerciali con la Cina, che ha speso molto per l’allevamento di vacche da latte.

L’amministratore delegato dell’Australian Livestock Exporters Council, Mark Harvey Sutton, ha detto che il consiglio era in sintonia con i suoi colleghi kiwi ed è stato deluso dal divieto.

“Abbiamo piena fiducia negli standard che l’industria australiana sostiene e ci aspettiamo che gli impatti della decisione della Nuova Zelanda abbiano un impatto limitato sulla forza dell’industria australiana e sulla sua continua crescita”, ha detto.

Il ministro dell’Agricoltura neozelandese Damien O’Connor ha annunciato questa mattina la decisione di eliminare gradualmente le esportazioni di animali vivi via mare.

La decisione è arrivata dopo un’indagine naufragio L’anno scorso ha trasportato 43 membri dell’equipaggio e migliaia di bovini neozelandesi al largo delle coste del Giappone

Secondo Federated Farmers of New Zealand, l’anno scorso il commercio di esportazione di vivi è stato valutato a $ 200 milioni per i coltivatori di kiwi, con 110.000 capi vivi esportati.

Il gruppo della lobby ha detto di non vedere alcun motivo per il divieto.

Il portavoce del NZFF Wayne Langford ha detto alla ABC: “Siamo rimasti un po ‘sorpresi che sia stato sollevato ora e che abbiano deciso di intraprendere quella strada”.

Esportatori australiani di prodotti lattiero-caseari “In the Box”

La Nuova Zelanda aveva già smesso di esportare bestiame da macello nel 2008, ma le esportazioni di bestiame sono aumentate, con una forte domanda dalla Cina.

Emma Higgins, analista del settore lattiero-caseario, ha affermato che la decisione di vietare le esportazioni dalla Nuova Zelanda ha lasciato i produttori di latte australiani “in panchina” per rilevare il commercio di vitelli da latte in Asia.

“La buona notizia per gli esportatori australiani e per i produttori lattiero-caseari è che c’è un’opportunità per gli agricoltori australiani di colmare il vuoto che lascerà la Nuova Zelanda”, ha detto la signora Higgins.

In una dichiarazione, il ministro federale dell’agricoltura David Littlebrud ha dichiarato: “Questa è una questione che spetta al governo della Nuova Zelanda e l’Australia non ha intenzione di sospendere o vietare le esportazioni di animali vivi”.

“Il governo federale è fiducioso dei nostri standard, regolamenti e leggi per garantire alti livelli di benessere degli animali per le esportazioni di bestiame”, si legge nella dichiarazione.

La Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals ha utilizzato la Dichiarazione della Nuova Zelanda per rinnovare le richieste di porre fine al commercio australiano di esportazione di animali vivi.

“La Nuova Zelanda ha preso la decisione giusta e con essa ha consolidato la sua reputazione internazionale come leader mondiale nei prodotti agricoli etici e di alta qualità, mentre l’Australia è rimasta indietro”, ha detto il portavoce della RSPCA Jade Goodfellow.

Il dottor Goodfellow ha detto che lo scorso anno l’Australia ha esportato più di 170.000 capi di bestiame, principalmente in Cina e Pakistan.

“Non ci sono leggi che li proteggano una volta arrivati”, ha detto.

La portavoce dell’agricoltura Julie Collins è stata contattata per un commento.

READ  Cosa significa la bolla di viaggio dell'isola della Nuova Zelanda: Cook to Australia