Novembre 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le attività aerobiche possono ridurre il rischio di cancro metastatico del 72%.

Riepilogo: L’esercizio aerobico riduce il rischio di cancro metastatico aumentando il consumo di glucosio.

fonte: Università di Tel-Aviv

Un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv ha rilevato che l’esercizio aerobico può ridurre il rischio di cancro metastatico del 72%.

Secondo i ricercatori, un intenso esercizio aerobico aumenta il consumo di glucosio (zucchero) da parte degli organi interni, e quindi riduce la disponibilità di energia al tumore.

Lo studio è stato condotto da due ricercatori della School of Medicine dell’Università di Washington, il professor Carmit Levy del Dipartimento di genetica umana e biochimica e il dottor Yiftah Gibner della School of Public Health e del Sylvan Adams Mathematical Institute. Il professor Levy sottolinea che riunendo le conoscenze scientifiche di diverse scuole TAU, il nuovo studio ha portato a una scoperta molto importante che potrebbe aiutare a prevenire il cancro metastatico, la principale causa di morte in Israele.

Il documento è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista ricerca sul cancro È stata scelta per la copertina del numero di novembre 2022.

Prof. Levy e Dr. Gibner: “Gli studi hanno dimostrato che l’esercizio fisico riduce il rischio di alcuni tipi di cancro fino al 35%. Questo effetto positivo è simile all’effetto dell’esercizio su altre condizioni, come le malattie cardiache e il diabete. In questo studio abbiamo aggiunto nuove informazioni, dimostrando che l’esercizio aerobico ad alta intensità, che ottiene la sua energia dallo zucchero, può ridurre il rischio di cancro metastatico fino al 72%.

“Se il messaggio generale al pubblico finora è stato ‘Sii attivo, sii sano’, ora possiamo spiegare come l’attività aerobica può aumentare la prevenzione della forma di cancro più aggressiva e metastatica”.

Lo studio ha combinato un modello animale in cui i topi sono stati addestrati sotto un rigoroso regime di esercizio, con i dati di volontari umani sani che sono stati esaminati prima e dopo la corsa.

READ  Come ti prepari per la stagione influenzale?

I dati sull’uomo, ottenuti da uno studio epidemiologico che ha monitorato 3.000 individui per quasi 20 anni, hanno indicato una riduzione del 72% dell’incidenza del cancro metastatico nei partecipanti che hanno riportato una regolare attività aerobica ad alta intensità, rispetto a quelli che non hanno praticato esercizio fisico .

Il modello animale ha mostrato un risultato simile, che ha anche permesso ai ricercatori di individuare il meccanismo dietro di esso. Prelevando campioni dagli organi interni di animali sani, prima e dopo l’esercizio fisico, nonché dopo un’iniezione di cancro, hanno scoperto che l’attività aerobica riduce significativamente lo sviluppo di tumori metastatici nei linfonodi, nei polmoni e nel fegato.

I ricercatori hanno ipotizzato che sia negli esseri umani che negli animali modello, questo risultato positivo è associato all’aumento del tasso di consumo di glucosio causato dall’esercizio.

Professor Levy: “Il nostro studio è il primo a esaminare l’effetto dell’esercizio sugli organi interni dove di solito si sviluppano le metastasi, come i polmoni, il fegato e i linfonodi.

“Esaminando le cellule di questi organi, abbiamo riscontrato un picco nel numero di recettori del glucosio durante l’attività aerobica ad alta intensità, aumentando l’assunzione di glucosio e trasformando gli organi in macchine efficienti che consumano energia, proprio come i muscoli.

“Ipotizziamo che ciò avvenga perché gli organi devono competere per le risorse di zucchero con i muscoli, che notoriamente bruciano grandi quantità di glucosio durante l’esercizio fisico.

Di conseguenza, se si sviluppa il cancro, la feroce competizione per il glucosio riduce la disponibilità di energia, che è essenziale per la diffusione della neoplasia. Inoltre, quando una persona si esercita regolarmente, questa condizione diventa permanente: i tessuti degli organi interni cambiano e diventano simili al tessuto muscolare. Sappiamo tutti che lo sport e l’esercizio fisico fanno bene alla salute.

READ  Sintomi variabili Omicron: questi sintomi COVID sono facili da perdere

“Il nostro studio, che ha esaminato gli organi interni, ha scoperto che l’esercizio modifica tutto il corpo, in modo che il cancro non si diffonda e anche la dimensione del tumore primario si riduca”.

I ricercatori hanno ipotizzato che sia negli esseri umani che negli animali modello, questo risultato positivo è associato all’aumento del tasso di consumo di glucosio causato dall’esercizio. L’immagine è di pubblico dominio

Il dottor Gepner aggiunge: “I nostri risultati indicano che, a differenza dell’esercizio brucia grassi, che è relativamente moderato, è un’attività aerobica ad alta intensità che aiuta a prevenire il cancro. Se l’intervallo di intensità ottimale per bruciare i grassi è il 65-70% della massima frequenza cardiaca velocità, la combustione dello zucchero richiede l’80-85% – anche se solo per brevi periodi.

“Esempio: uno sprint di 1 minuto seguito da una camminata, poi un altro sprint. In passato, tali intervalli erano spesso tipici dei regimi di allenamento degli atleti, ma oggi li vediamo anche in altre routine di esercizi, come la riabilitazione cardiopolmonare.

“I nostri risultati suggeriscono che le persone sane dovrebbero includere anche componenti ad alta intensità nei loro programmi di fitness. Riteniamo che gli studi futuri consentiranno alla medicina personalizzata di prevenire tumori specifici, con i medici che rivedono la storia familiare per raccomandare il giusto tipo di attività fisica”.

“Va sottolineato che l’esercizio fisico, con i suoi effetti metabolici e fisiologici unici, dimostra un livello di prevenzione del cancro più elevato rispetto a qualsiasi farmaco o intervento medico fino ad oggi”.

A proposito di queste notizie sulla ricerca sul cancro e sull’esercizio fisico

autore: Torrone Shahar
fonte: Università di Tel-Aviv
Contatto: Noga Shachar – Università di Tel Aviv
immagine: L’immagine è di pubblico dominio

Guarda anche

Questo mostra una persona che trattiene la schiena per il dolore

Ricerca originale: Accesso chiuso.
La schermatura metabolica indotta dall’esercizio negli organi distanti previene lo sviluppo e la metastasi del cancroDi Carmit Levy et al. ricerca sul cancro


Riepilogo

READ  I fitness tracker rivelano i collegamenti tra esercizio, memoria e salute mentale

La schermatura metabolica indotta dall’esercizio negli organi distanti previene lo sviluppo e la metastasi del cancro

L’esercizio previene l’insorgenza e la ricorrenza del cancro, ma il meccanismo alla base di questa relazione rimane per lo più sconosciuto.

Qui riportiamo che l’esercizio induce la riprogrammazione metabolica degli organi interni che aumenta la domanda di nutrienti e protegge dalla colonizzazione metastatica riducendo la disponibilità di nutrienti tumorali, generando così uno scudo metabolico indotto dall’esercizio.

Le analisi della capacità metabolica delle proteine ​​e degli organi interni ex vivo dei topi hanno rivelato che l’esercizio stimola i processi catabolici, l’assorbimento del glucosio, l’attività mitocondriale e l’espressione di GLUT. L’analisi attiva del proteoma del plasma umano ha regolarmente mostrato un aumento dell’utilizzo dei carboidrati dopo l’esercizio.

I dati epidemiologici di uno studio prospettico di 20 anni su un’ampia coorte umana di partecipanti inizialmente senza cancro hanno rivelato che l’esercizio di iniziazione pre-cancro ha avuto un effetto modesto sull’incidenza del cancro negli stadi metastatici bassi, ma ha ridotto significativamente la probabilità di sviluppare metastasi altamente cancro.

In tre modelli di melanoma nei topi, l’esercizio prima di un’iniezione di cancro ha protetto in modo significativo dalle metastasi a organi distanti.

Gli effetti protettivi dell’esercizio dipendevano dall’attività mTOR e l’inibizione della via mTOR con il trattamento ex vivo con rapamicina ha invertito lo scudo metabolico indotto dall’esercizio. Nelle condizioni di limitazione del glucosio, più glucosio veniva assorbito dallo stroma attivo a spese del tumore.

Collettivamente, questi dati suggeriscono uno scontro tra la plasticità metabolica del cancro e la riprogrammazione metabolica indotta dall’esercizio, che aumenta la possibilità di prevenire le metastasi sfidando le esigenze metaboliche del tumore.