Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australia nel raggio di scioperi dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese

Veicoli militari cinesi trasportano missili balistici antinave DF-21D durante una parata militare a Pechino nel 2015. Foto: Reuters

L’Australia non può più contare sull’isolamento come protezione da un attacco militare, poiché la nazione è ora nel raggio d’azione dei bombardieri e dei missili balistici cinesi.

Una nuova analisi afferma che mentre la probabilità di un’azione militare cinese contro l’Australia rimane remota, le sue capacità di impatto di vasta portata “presentano un serio potenziale di coercizione militare” da parte dell’Esercito Popolare di Liberazione.

“In assenza di assistenza da parte di alleati e partner, la Cina ha già la capacità di colpire l’Australia dalle basi esistenti con aerei bombardieri e missili a lungo raggio”, secondo il documento del Lowy Institute.

leggi quanto segue

“L’introduzione prevista di ulteriori capacità aeree e navali del PLA nel tempo peggiorerà l’asimmetria”.

Il documento, preparato dall’Associate Center for a New American Security, Thomas Shugart, afferma che l’ultimo bombardiere cinese H-6N armato di missili balistici lanciati dall’aria può colpire obiettivi in ​​tutta l’Australia volando dalla Cina continentale.

Dice che il nord e il nord-ovest dell’Australia saranno nel raggio d’azione dei missili cinesi DF-26 – uno dei “gioielli della corona” dell’Esercito popolare di liberazione cinese – lanciati da una base nel Mar Cinese Meridionale.

La Cina è anche cresciuta fino a diventare la “potenza navale numero uno al mondo a detta di tutti”, superando gli Stati Uniti per numero di navi da guerra e tonnellaggio navale.

Una nuova classe di sottomarini nucleari dotati di missili d’attacco a lungo raggio “potrebbe raggiungere il raggio d’azione dell’Australia entro pochi giorni dall’abbandono delle basi nel Mar Cinese Meridionale”.

Le crescenti capacità militari della Cina sembrano essere state sviluppate “per cacciare con la forza le forze armate statunitensi dal Pacifico occidentale, per metterle in crisi o per incoraggiare gli Stati Uniti ad abbandonare i loro impegni attuali”, afferma il giornale.

READ  Il serial killer di Hollywood Michael Gargolo che ha ucciso la fidanzata di Ashton Kutcher è stato condannato a morte

Un tale cambiamento nell’equilibrio di potere regionale potrebbe “lasciare l’Australia e altri sotto costrizione nelle mani dell’Esercito di Liberazione del Popolo”.

La Cina non ha bisogno di tentare di invadere l’Australia per soggiogarla; Potrebbe solo essere necessario mettere in atto un blocco che possa essere ben attrezzato per fare, con la più grande guardia costiera del mondo, navi di “sicurezza della marina” da 10.000 tonnellate e la forza navale più potente della regione all’orizzonte “, ha avverte.

Sostiene che l’idea che una forza sottomarina australiana ampliata possa minacciare il commercio cinese in modo sufficiente da garantire la deterrenza reciproca non tiene conto delle maggiori capacità di guerra antisommergibile della Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo.

Il “comportamento ovvio” della Cina, compresi i suoi tentativi di intimidire economicamente l’Australia, suggerisce che il suo uso della coercizione militare contro l’Australia sia una possibilità ragionevole, afferma il giornale.

“Una guerra tra Australia e Cina rimane una possibilità remota”, afferma il giornale, “ma per sua stessa natura, la politica di difesa opera nel regno degli eventi con bassa probabilità e alte conseguenze.

“E la pura capacità dell’Esercito Popolare di Liberazione di diffondere il potere militare su lunghe distanze mette sotto pressione i decisori le cui azioni sono influenzate dalla paura che tale forza venga usata contro di loro. Questa è l’essenza della coercizione”.

Corrispondente per gli Affari Esteri e per la Difesa

Canberra

Ben Packham ha trascorso due decenni nel giornalismo, entrando a far parte del quotidiano The Australian come reporter politico nel 2011 dopo aver lavorato per l’Herald Sun e l’AAP. È tornato alla sede di Canberra nel 2018 dopo quattro anni in Papua… Leggi di più

Altre storie su questo argomento

Discussioni

leggi quanto segue

Commenti

Ora puoi visualizzare l’intera cronologia dei commenti tramite il collegamento I miei commenti nell’elenco degli iscritti in alto a destra di ogni pagina. Clicca qui per maggiori dettagli.

I commenti dei lettori su questo sito sono moderati prima della pubblicazione per promuovere una discussione vivace ma civile e rispettosa. Incoraggiamo i tuoi commenti, ma inviarli non garantisce la pubblicazione. Puoi leggere le nostre linee guida per il feedback quaggiù. Se ritieni che un commento sia stato rifiutato per errore, invia un’e-mail a commenti@theaustralian.com.au e indagheremo. Assicurati di includere l’indirizzo email che utilizzi per accedere in modo che possiamo determinare il tuo commento.