Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’astrofisica suggerisce un nuovo posto per il Pianeta Nove in cui nascondersi

Planet Nine, nell'immaginario dell'artista.

Cinque anni fa, due astronomi annunciare Hanno trovato prove di un altro pianeta nel nostro sistema solare, chiamato “Pianeta X”. Sebbene ora sia indicato come Pianeta Nove, il corpo cosmico – molto più grande della Terra e in agguato da qualche parte nei confini esterni del sistema solare – è ancora in gran parte teorico, sebbene la coppia stessa abbia ora perfezionato l’orbita potenziale che potrebbe richiedere. questo pianeta.

La nuova ricerca arriva da Mike Brown e Konstantin Batygin del California Institute of Technology. Brown è “l’uomo che ha ucciso Plutone e ne è orgoglioso”, come Gizmodo Descritto nel 2016. Attualmente ospitato Sul server di prestampa arXiv e accettato per la pubblicazione su The Astrophysical Journal, la ricerca afferma che se Planet Nine esiste, è più vicino e luminoso di quanto si pensasse in precedenza.

Gli scienziati sospettavano l’esistenza di un pianeta sconosciuto sulla base della stretta raccolta di oggetti nella fascia di Kuiper, una vasta collezione di corpi ghiacciati al di fuori dell’orbita di Nettuno. Se un pianeta inosservato si nascondesse al di fuori della cintura, sarebbe l’orbita più lontana di qualsiasi pianeta attorno al Sole e ci vorrebbero migliaia di anni per fare una rivoluzione (rispetto all’orbita di 164 anni di Nettuno, il più lungo dei pianeti conosciuti).

Proprio come Nettuno fu scoperto nel 1840 quando gli astronomi si resero conto che Urano veniva trascinato da un oggetto invisibile, una manciata di oggetti della Fascia di Kuiper sembra raggrupparsi nella stessa direzione nello spazio, qualcosa che potrebbe essere un evento casuale, ma alcuni astronomi credono che sia A causa di un pianeta sconosciuto.

Sono state avanzate altre idee. alcuni hai un suggerimento Quel Pianeta Nove è in realtà un anello di detriti abbastanza grande da esercitare effetti gravitazionali simili a un pianeta enorme, mentre altri sospettano Planet Nine è un buco nero primordiale, resti teorici dell’universo primordiale, troppo piccoli per essere scoperti con metodi moderni. Altri ancora dicono che tale oggetto non esiste.

Michelle Bannister, un’astronoma planetaria dell’Università di Canterbury in Nuova Zelanda, ha detto a Gizmodo a 2017 Che “Pianeta 9 è un’idea divertente, è eccitante, ma al momento ci vuole un po’ di ossigeno” e “Abbiamo questo problema interessante… e la soluzione molto brillante al momento si chiama Pianeta 9”.

La nuova ricerca è stata più selettiva nella selezione degli oggetti della Fascia di Kuiper inclusi per determinare la massa, l’orbita e l’influenza gravitazionale del Pianeta Nove. Poiché alcuni degli oggetti nella cintura hanno orbite influenzate dalla gravità di Nettuno, la loro inclusione distorcerà i dati. La serie finale di elementi inclusi – 11 in totale – è stata selezionata in base ai criteri rigorosi dei ricercatori. Sulla base della loro analisi, Planet Nine sarà poco più di sei volte la massa della Terra e orbiterà attorno al Sole una volta ogni 7.400 anni. Come i rapporti del National Geographic.

Una roccia nello spazio, l'oggetto della fascia di Kuiper, a 4 miliardi di miglia dal Sole.

I ricercatori hanno anche calcolato la possibilità che l’assemblaggio orbitale sia stato causato da qualche altra influenza oltre a un oggetto massiccio. Hanno determinato che c’era una probabilità del 99,6% che qualche oggetto stesse manipolando le orbite della fascia di Kuiper. Anche se questa è una piccola possibilità, in realtà è un enorme aumento delle probabilità (1 su 250) di 1 su 10.000 che la coppia ha tracciato nel 2016, come sottolinea NatGeo.

A quel tempo, Brown e Batygin credevano che il pianeta fosse molto più grande (10 volte la massa della Terra) e che la sua orbita fosse molto più lunga (più di 10000 anni) rispetto a quanto descritto nel nuovo documento. La loro nuova valutazione è che il Pianeta Nove dovrebbe essere più vicino al Sole – abbastanza vicino, infatti, che dovrebbe essere osservabile nel prossimo futuro da Osservatorio Vera Rubin, che dovrebbe avere Prima luce entro il 2023. Dita intrecciate.

Di più: quando diavolo troveremo Planet Nine?

READ  Perché alcuni adolescenti non si vaccinano contro il COVID-19?