Novembre 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’arrivo del presidente cinese Xi Jinping fa presagire la morte dei sogni di democrazia in città

Hong Kong è cambiata radicalmente dall’ultima visita di Xi nel 2017 per celebrare il 20° anniversario del passaggio di consegne e per prestare giuramento come amministratore delegato Carrie Lam. Le proteste di massa a favore della democrazia nel 2019 sono sfociate in violenti scontri con la polizia e hanno interrotto la vita in città per sei mesi.

Mentre la pandemia globale distraeva il resto del mondo, Xi ha risposto nel 2020 con leggi sulla sicurezza nazionale che hanno effettivamente abbattuto la città.

Il movimento di protesta è scomparso, la maggior parte dei critici espliciti della Cina sono stati imprigionati o vivono in esilio e i partiti politici e i media critici nei confronti di Pechino sono stati sciolti. Più di 180 persone sono state arrestate in base alle leggi sulla sicurezza, mentre 47 politici e attivisti sono ancora in attesa di processo per cospirazione per commettere sabotaggio.

Il 30 giugno 1997, i membri della Guardia di colore delle forze armate cinesi alzano la bandiera cinese a Hong Kong, segnando il momento in cui l’ex colonia britannica è stata consegnata a Pechino. Il principe Carlo nell’angolo in basso a destra. AP

L’arrivo di Xi a Hong Kong Pochi mesi fa, il XX Congresso del Partito Comunistache probabilmente lo nominerà leader per un terzo mandato, progettato per inviare un forte messaggio politico.

“È simbolicamente importante. Pechino vuole inviare un segnale che Hong Kong è stabile ed è riuscita a ristabilire l’ordine politico. È la prova della vittoria”, afferma Dongchu Liu, professore associato alla City University di Hong Kong.

“Per lo stesso Xi, questo è un momento importante. Negli ultimi due anni, ci sono state discussioni interne sul fatto che il governo stia gestendo bene Hong Kong. Xi mostra internamente ad altre élite politiche che ‘ho successo nel trattare con Hong Kong crisi e sconfiggere i malvagi nemici occidentali'”.

Il primo volo dopo l’epidemia

Non era chiaro se Xi avrebbe fatto il viaggio una settimana prima. Non ha lasciato la Cina continentale dall’inizio dell’epidemia e il rischio di esposizione al COVID-19 a Hong Kong, dove i casi sono di nuovo in aumento, è più alto che nella Cina continentale.

Xi viene visitato in una bolla COVID-19 in cui tutti coloro con cui entra in contatto sono stati testati e hanno trascorso del tempo in quarantena. La sicurezza è stata rafforzata anche con migliaia di poliziotti dispiegati in tutta la città e le barricate che circondano il centro congressi ed esposizioni di Hong Kong, dove si svolgono le cerimonie di consegna.

L’atmosfera contrasta nettamente con la notte della consegna di 25 anni fa.

Molti dei residenti della città si sono presentati per celebrare l’abbassamento della bandiera britannica in un’appassionata cerimonia che segnava la fine di 150 anni di dominio coloniale. Come ultimo governatore, Chris Patten e la sua famiglia salparono sul Royal Yacht Britannia e la folla si radunò al porto per uno spettacolo pirotecnico dettagliato. Il leader pro-democrazia Martin Lee si è rivolto alla folla dall’edificio del Consiglio legislativo e 12.000 persone hanno ballato fino all’alba durante una cerimonia di consegna.

Quando la Cina ha rafforzato la sua presa su Hong Kong nel 2019, più di due milioni di manifestanti – un quarto della popolazione – sono scesi in piazza. Getty Images

C’è stato un senso di stupore la mattina successiva quando i residenti si sono svegliati e hanno scoperto che nulla era cambiato. La vita è continuata normalmente nell’Hong Kong capitalista per molti anni, quando il ricordo del massacro di piazza Tienanmen del 1989 è svanito e la Cina sembrava essere su un percorso più liberale.

I residenti di Hong Kong devono amministrare Hong Kong. Questa è la promessa e questo è il destino incrollabile, dichiarò Patten prima di salpare.

Proteste in fermento

Più di un decennio dopo, i residenti di Hong Kong sono diventati ansiosi quando le parole di Patten si sono svuotate. Dopo una protesta in gran parte pacifica di 79 giorni soprannominata “Movimento degli ombrelli” nel 2014, nel 2019 è esplosa in città la rabbia per la graduale invasione delle libertà civili da parte della Cina.

Si stima che circa due milioni di persone, quasi il 30 per cento della popolazione, siano scese in piazza nel giugno di quell’anno Chiedere l’abrogazione del disegno di legge significa la possibilità di estradizione in Cina e le dimissioni di Lam. Le proteste che ne sono seguite sono sfociate in violenti scontri con la polizia e per sei mesi hanno sconvolto la vita della città.

Patten ha detto alla BBC questa settimana, quando gli è stato chiesto della successiva repressione della sicurezza da parte della Cina nel 2020.

Hui, che si concentra sulla pressione sui governi stranieri per fare pressione sulla Cina, afferma che ci sono poche possibilità di una rinascita del movimento pro-democrazia.

La gente ha paura e non vuole andare in prigione. Le regole del gioco sono cambiate, quindi devono rimanere obbedienti”. “Le persone cercano modi per esprimersi, ma non possono farlo attraverso la società civile o i media perché sono strettamente controllati e non possono rendere giustizia in la magistratura”, dice.

https://news.google.com/__i/rss/rd/articles/.

La polizia antisommossa tiene i manifestanti tra nuvole di gas lacrimogeni all’Università Politecnica di Hong Kong, lunedì 18 novembre 2019 (AP Photo/Ng Han Guan) (Foto AP/Ng Han Guan)

nuova calma politica

Molti in città, in particolare la lobby degli affari, sostengono l’attuale periodo di calma politica e affermano che Hong Kong rimane un importante punto di accesso alla Cina per il resto del mondo.

Il nuovo CEO John Lee, che ha prestato giuramento venerdì, Darà priorità alla sicurezza sopra ogni altra cosa. Ma con la maggior parte dei critici di Pechino messi a tacere, dovrebbe concentrarsi sulla ripresa dalla pandemia di Hong Kong e affrontare questioni sociali come l’alloggio.

“Dal nostro punto di vista, Hong Kong rimane molto importante nella regione come centro finanziario”, afferma Robert Quinlivan, presidente della Camera di commercio australiana di Hong Kong. “Nelle nostre discussioni con il governo, abbiamo sempre affermato che Hong Kong deve rimanere aperta, sostenendo lo stato di diritto, una magistratura indipendente e la libertà di stampa”.

La principale preoccupazione della lobby d’affari sono le rigide regole di quarantena della città, che stanno danneggiando la reputazione della città come hub internazionale. Ci sono segnali che queste regole potrebbero essere allentate, ma i confini di Hong Kong potrebbero rimanere aperti alla Cina prima del resto del mondo.

READ  Il leader supremo dei talebani, Hebatullah Akhundzada, è ancora disperso nonostante il controllo del regime sull'Afghanistan