Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’applicazione dei mandati sui vaccini indoor si è dimostrata irregolare negli Stati Uniti

L'applicazione dei mandati sui vaccini indoor si è dimostrata irregolare negli Stati Uniti

Honolulu – Esci per una serata in città in alcune città degli Stati Uniti e potresti trovarti ad aspettare mentre qualcuno alla porta di un ristorante o di un teatro controlla attentamente la tua carta di vaccinazione contro il tuo documento d’identità. Oppure, al contrario, potresti essere salutato semplicemente facendo lampeggiare la tua carta.

Il modo in cui i severi requisiti di vaccinazione devono essere applicati varia da luogo a luogo, anche all’interno dello stesso stato o città.

La prova della vaccinazione è richiesta in molte città degli Stati Uniti per entrare in ristoranti e bar, godersi un concerto o giocare, guardare un film o andare a una partita di calcio.

Gli agenti di biglietteria controllano fedelmente lo stato di vaccinazione di tutti coloro che passano attraverso il tornello negli impianti sportivi professionali in alcune città da Seattle e New York, e gli host di catering stanno facendo lo stesso in molti luoghi. In altri siti, i controlli sui vaccini sono rapidi nel migliore dei casi. A volte questo è praticamente fatto sul sistema d’onore.

“Ci sono alcune aziende che dicono di controllare le prove di vaccinazione, ma non hanno nemmeno controllato”, ha detto Jay Matsler, di Palm Springs, in California, che lunedì stava visitando Fisherman’s Wharf a San Francisco con il suo partner durante la loro sosta della crociera lungo il percorso. costa californiana.

In realtà diciamo loro: “Mi dispiace”, ha detto Matsler, perché non lo stai forzando. Non ti daremo il nostro lavoro.” Ha detto che sono stati a Praga ea Parigi di recente e hanno dovuto mostrare le loro carte di vaccinazione e carte d’identità in ogni luogo al chiuso che hanno visitato.

Alcuni posti negli Stati Uniti temono di perdere affari se insistono sulla prova. Alcuni dicono di non avere abbastanza personale per condurre tali controlli in mezzo a una carenza di manodopera a livello nazionale. Alcuni contestano il principio.

READ  Eza Gonzalez ottiene una nuova posizione in Bulgari | intrattenimento

Alcuni non vogliono rischiare brutti scontri. In un ristorante italiano a New York City, la richiesta da parte di un gruppo di clienti di mostrare prove di vaccinazione porta a una colluttazione.

Durante il primo mese di applicazione della legge a New York, gli ispettori hanno emesso avvisi a 6.000 aziende per non aver verificato lo stato dei beneficiari e 15 persone sono state multate di $ 1.000 per reati ripetuti. La sala da pranzo al coperto presso l’In-N-Out Burger di San Francisco è stata chiusa questo mese dalle autorità sanitarie per non aver richiesto la prova della vaccinazione.

Le autorità sanitarie vedono i requisiti come strumenti vitali per rallentare il COVID-19 in un momento in cui 1.500 o più americani muoiono ogni giorno a causa del virus. Tali regole incontrano una forte opposizione negli stati conservatori, il che significa che sono in vigore principalmente nelle località gestite dai democratici.

Lunedì, all’Highway Inn di Honolulu, la padrona di casa ha chiesto ai commensali di provare la vaccinazione o di fare un test negativo prima di sedersi all’interno. Le informazioni sulle loro carte devono corrispondere al loro ID e devono anche fornire informazioni di contatto che il ristorante conserva per due settimane in caso di epidemia.

Russell Ryan, comproprietario del ristorante, ha affermato che l’attività è crollata quando l’obbligo del vaccino per i ristoranti è entrato in vigore per la prima volta a metà settembre. Alcune persone non vaccinate “partirono in fretta”, ha detto, ma la maggior parte ha rispettato e gli affari sono tornati con più persone che hanno ricevuto la vaccinazione.

“Nel complesso, lo scontro è stato inferiore a quanto temevamo”, ha detto Ryan. “Pensavamo di avere dei fanatici che avrebbero voluto prendere posizione per qualsiasi motivo”.

READ  Lady Gaga ha parlato per 9 mesi di 'Gucci'

In molti luoghi degli Stati Uniti, alle aziende viene lasciato il compito preciso di applicare la regola della vaccinazione.

In un cinema una notte di recente a San Francisco, gli adolescenti allo stand della concessione sbirciano le foto del cellulare dei clienti delle loro tessere di vaccinazione prima di consegnare loro popcorn, caramelle e bevande.

Tuttavia, al teatro dell’opera della città, uno degli intervistati esamina attentamente la prova della vaccinazione e la confronta con un documento d’identità con foto. Chiunque non dimostrerà la prova sarà invitato ad andarsene.

Gli ispettori sanitari di San Francisco che controllano regolarmente i permessi alimentari per i ristoranti cercano di vedere se le aziende aderiscono alle regole di prova della vaccinazione, ma la città si basa in gran parte sulle denunce di violazioni chiamate sulla sua linea 311.

Da quando il mandato della città è entrato in vigore il 20 agosto, solo un ristorante è stato sanzionato: un ristorante In-N-Out a Fisherman’s Wharf che ha chiuso il 14 ottobre dopo aver negato una richiesta di prova della vaccinazione nonostante i numerosi avvertimenti della città. L’hamburger ora serve solo fast food. Un portavoce della società ha affermato che la società si rifiuta di essere la “polizia della vaccinazione di qualsiasi governo”.

Nella contea di Los Angeles, gli ispettori sanitari hanno trovato 38 posti che necessitano di più formazione di base vaccinale su circa 250 bar, lounge, discoteche, birrerie, cantine e distillerie esaminate tra l’8 e il 17 ottobre. Quando la contea ha visitato 78 bar il giorno successivo. Alla settimana, hanno scoperto che circa il 15% di loro non rispettava le regole di verifica dei vaccini dei clienti, il che ha portato a una maggiore formazione.

READ  Antonio Banderas torna in una nuova fiction italiana د

Anche New Orleans è tra le principali città che hanno imposto tali regole e Los Angeles prevede di implementare i propri requisiti la prossima settimana.

A New York City, i grandi luoghi, come i teatri e i musei di Broadway, tendono a far rispettare rigorosamente le regole. Il caffè di quartiere potrebbe no.

“La stragrande maggioranza dei ristoranti e di tutte le altre attività affermano: ‘Sì, lavoreremo con questo. Lo faremo funzionare per i nostri dipendenti, i nostri clienti e manterremo tutti al sicuro”, ha affermato il sindaco Bill de Blasio.

Alcuni imprenditori negli Stati Uniti hanno scelto di chiudere le loro sale da pranzo e servire solo cibo da asporto o posti a sedere all’aperto.

A Honolulu, la padrona di casa Ku’uipo Lorenzo ha accolto i clienti Ashley e Martin Day mentre arrivavano all’Highway Inn per l’autentico cibo hawaiano. Si sono seduti a un tavolo dopo che Ashley ha presentato la sua tessera di vaccinazione e suo marito non vaccinato è recentemente risultato negativo al COVID-19.

“Abbiamo punti di vista diversi”, ha detto Ashley Day. “Penso che saremmo d’accordo che forse dovrebbe essere un mandato di test e non un mandato di vaccino”.

Ma non vedono l’ora che arrivino i giorni in cui i test e le vaccinazioni non saranno più necessari per mangiare fuori.

“Penso che ci piacerebbe vedere le cose riaprirsi”, ha detto Ashley.