Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La tua felicità non riguarda solo la tua personalità; È anche influenzato dalle circostanze

La tua felicità non riguarda solo la tua personalità;  È anche influenzato dalle circostanze

riepilogo: Uno studio recente suggerisce che condizioni e comportamenti oggettivi come la ricchezza e la salute influenzano la felicità tanto quanto i tratti psicologici soggettivi. I ricercatori hanno scoperto che i sondaggi sulla felicità e sulla soddisfazione della vita sopravvalutano l’importanza dei tratti psicologici perché sono misurati in modo simile e un cambiamento sistematico – semplicemente chiedendo a qualcuno cosa fa – consente un confronto più equo.

fonte: Università Cornell

La felicità non può essere acquistata, ma spesso non dipende dalla mentalità di un individuo, come suggeriscono molti sondaggi sulla felicità, secondo un recente studio condotto da ricercatori di psicologia presso la Cornell University.

Scoprono che condizioni e comportamenti oggettivi, come la ricchezza e la salute, influenzano la felicità tanto quanto i tratti psicologici soggettivi, come una natura estroversa.

La loro analisi mostra che i sondaggi sulla felicità e sulla soddisfazione della vita sopravvalutano i tratti psicologici perché sono misurati in modo simile, chiedendo agli intervistati di valutare se stessi utilizzando scale o domande a scelta multipla, a volte le stesse domande.

Ma un cambiamento sistemico – semplicemente chiedere a qualcuno come sta – consente un confronto più equo. Nelle risposte scritte a una domanda così aperta in un ampio studio, secondo l’analisi, è scomparso un enorme vantaggio della personalità relativo a circostanze e comportamenti.

“Se guardiamo alla ricerca, suggerisce che le persone sono più felici perché hanno una personalità felice”, ha detto William Hobbs, assistente professore di psicologia e governo presso il College of Human Ecology e il College of Arts and Sciences. Il nostro studio suggerisce che non è così e che ci sono molti driver di felicità. Per alcuni può trattarsi di personalità e per altri di risparmiare denaro, fare sport o trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici”.

READ  Con la Russia sull'orlo della guerra con l'Ucraina, cosa vuole Vladimir Putin?

Hobbes è l’autore principale di Per vivere bene, i comportamenti e le condizioni sono importanti quanto i tratti psicologici, pubblicato in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS). Anthony Ong, professore di psicologia al College of Human Ecology e professore di gerontologia alla Weill Cornell Medicine, è un coautore.

Le loro scoperte potrebbero informare la ricerca sulla felicità e le politiche che cercano sempre più di dimostrare i benefici della felicità. Suggeriscono che le politiche che prendono di mira condizioni e comportamenti, come la riduzione della disuguaglianza o il fumo, possono essere più preziose degli interventi incentrati sulla psicologia, che potrebbero non essere attuabili su scala di popolazione.

Per verificare se le domande aperte catturino meglio l’effetto delle condizioni sulla felicità, i ricercatori hanno utilizzato l’unico studio longitudinale rappresentativo a livello nazionale che includeva sistematicamente una domanda aperta sul benessere. Dal 2004 al 2016, il Midlife Study negli Stati Uniti (MIDUS) ha chiesto: “Cosa fai per far andare bene la vita?”

Hobbes e Ong hanno ottenuto più di 1.000 risposte utilizzando un modello linguistico di grandi dimensioni, convalidato da assistenti di ricerca e software di analisi dei sentimenti, per valutare se riflettessero prosperità, lotta o sofferenza, termini usati per descrivere le misure nei rapporti sulla felicità di Gallup.

Scoprono che condizioni e comportamenti oggettivi, come la ricchezza e la salute, influenzano la felicità tanto quanto i tratti psicologici soggettivi, come una natura estroversa. L’immagine è di pubblico dominio

L’utilizzo di un modello linguistico preesistente e di altri sistemi di punteggio automatizzati ha limitato il controllo dei ricercatori sui test e più misure hanno aiutato a valutare la sensibilità a diverse carenze nei punteggi di felicità.

Lo studio MIDUS ha anche fornito informazioni sul reddito, sull’istruzione e sul fatto che gli intervistati fossero sposati o avessero figli, una misura della connessione sociale; comportamenti salutari, compreso il fumo o l’attività fisica; storia medica e alcuni indicatori di salute attuali.

READ  La Russia intensifica gli attacchi contro la città di Avdiivka nell'Ucraina orientale - Sindaco della città

Analizzando le risposte alla domanda aperta, i ricercatori hanno scoperto che le misure delle condizioni e dei tratti psicologici erano quasi ugualmente associate a quanto fossero felici le persone.

“Se non usiamo autovalutazioni e domande a risposta chiusa per studiare la felicità, cose come la salute, il denaro e, in una certa misura, la connessione sociale sono strettamente correlate alla felicità quanto la personalità”, ha detto Hobbes. “Se correggessimo questo problema sistemico, sembrerebbero uguali”.

Mentre le domande chiuse sono essenziali per i ricercatori per tenere traccia delle fluttuazioni della vita e confrontare i risultati, Hobbs e Ong suggeriscono che l’approccio aperto che hanno valutato “sembra essere un’aggiunta straordinariamente promettente al repertorio degli studi sul benessere… [and] Fornisce una visione del benessere dal punto di vista degli intervistati”.

I progressi nell’apprendimento automatico e nell’intelligenza artificiale ora consentono di chiedere alle persone se sono felici in modi diversi, ha affermato Hobbs, e hanno ancora modi ripetibili per registrare le risposte. Ha affermato che i modelli linguistici introducono i propri pregiudizi, ma probabilmente non sono pregiudizi nella risposta al sondaggio a scelta multipla, e quindi consentono confronti più equi di personalità e circostanze rispetto alle attuali misure chiuse.

I ricercatori hanno concluso: “Il modo migliore per scoprire se qualcuno sta bene è chiedere loro”.

A proposito di questa notizia di psicologia della ricerca

autore: James Dean
fonte: Università Cornell
comunicazione: James Dean – Cornell University
immagine: L’immagine è di pubblico dominio

Ricerca originale: accesso libero.
Per vivere bene, i comportamenti e le condizioni sono importanti quanto i tratti psicologiciDi William R. Hobbs et al. PNAS


un sommario

Per vivere bene, i comportamenti e le condizioni sono importanti quanto i tratti psicologici

READ  La massiccia epidemia di coronavirus in Indonesia potrebbe essere un fertile terreno fertile per la prossima specie del mondo

Dal 2004 al 2016, tre studi del Midlife Project negli Stati Uniti (MIDUS) hanno posto ai partecipanti la domanda a risposta aperta “Cosa fai per far andare bene la vita?”.

Usiamo le risposte testuali a questa domanda per valutare l’importanza relativa dei tratti psicologici e delle condizioni per la previsione del benessere soggettivo auto-riferito.

L’uso della domanda aperta ci consente di verificare l’ipotesi che i tratti psicologici siano più strettamente correlati al benessere auto-riferito che alle condizioni oggettive perché i tratti psicologici e il benessere sono similmente autovalutati, nel senso che chiedono agli intervistati di decidere come si posizionano stessi su misure di indagine disponibili e sconosciute.

Per questo, utilizziamo la classificazione automatica no-shot per valutare i dati sul benessere senza formazione sulle misure di indagine esistenti e valutiamo questa valutazione con successiva etichettatura manuale. Valutiamo quindi le associazioni di questa misura e misure chiuse di comportamenti di salute, condizioni socioeconomiche, biomarcatori di infiammazione, controllo glicemico e rischio di mortalità al follow-up.

Sebbene le scale chiuse fossero più strettamente correlate ad altre autovalutazioni a scelta multipla, inclusi i tratti della personalità dei Big Five, le scale chiuse e aperte erano similmente associate a indicatori relativamente oggettivi di salute, ricchezza e connessione sociale.

I risultati indicano che i tratti psicologici, quando aggregati attraverso l’autovalutazione, predicono le autovalutazioni del benessere in modo più forte a causa del vantaggio della misurazione: questa circostanza è altrettanto importante se valutata utilizzando un confronto più equo.